Skip to content

Divulgazione e storiografia. Confronto tra «Mussolini e il fascismo», edito da Hobby & Work, e «Storia d’Italia nel periodo fascista», di Salvatorelli-Mira.

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Galvagno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Brunello Mantelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 211

Confronto tra un’opera di divulgazione storica, la raccolta di fascicoli e DVD intitolata «Mussolini e il fascismo», edita da Hobby & Work, e uno dei testi più conosciuti nell’ambito della storiografia italiana, «Storia d’Italia nel periodo fascista», di Luigi Salvatorelli e Giovanni Mira.
Le due opere hanno struttura molto diversa: «Storia d’Italia nel periodo fascista» si presenta come un libro di storia tradizionale, molto voluminoso — 1192 pagine nell’edizione del 1964 — e senza alcuna figura; «Mussolini e il fascismo», invece, è un’opera multimediale, composta da 25 fascicoli e 36 DVD. I fascicoli hanno un’impostazione grafica moderna, assimilabile a quella di molti periodici, con numerose fotografie e illustrazioni; i DVD contengono filmati, cinegiornali e documentari d’epoca, nonché una rassegna di undici film del regime.
In ragione di questa differenza, si è voluto verificare se e come la visione della storia possa cambiare, qualora la si osservi attraverso la lente di un’opera multimediale, destinata al grande pubblico e venduta in edicola, rispetto a un classico libro di storia, orientato verosimilmente verso una platea più selezionata, di studiosi e di accademici.
Il confronto è stato effettuato sulla base dei contenuti, cercando di operare un’astrazione dalle diverse forme — testo, immagini, audio e video in un caso, solo testo nell’altro — che assumono nelle due opere.
Si è cercato quindi di verificare se gli stessi argomenti sono presentati, analizzati e commentati in maniera differente, se si riscontrano omissioni di fatti e avvenimenti, se emergono orientamenti ideologici o se prevalgono neutralità e obiettività.
In considerazione della notevole quantità di materiale disponibile — riguardante oltretutto un fenomeno di rilevante portata storica come il fascismo — si è resa necessaria una selezione degli argomenti, cercando al tempo stesso di coprire uno spettro di tematiche piuttosto ampio. Sono state analizzate, per esempio, la propaganda, le politiche sociali ed economiche, gli aspetti bellici, l’atteggiamento del regime verso la cultura, l’avventura coloniale, solo per citarne alcune.
Il periodo di riferimento va dall’inizio del ‘900 fino al 10 giugno 1940, giorno dell’entrata in guerra dell’Italia.
La tesi è organizzata in capitoli, ciascuno dei quali — a parte l’ultimo dedicato alle conclusioni — tratta uno degli argomenti selezionati per il confronto fra le due opere.
- Dall’unità d’Italia alla grande guerra
- Dall’irredentismo agli anni del consenso
- La marcia su Roma
- La ricostruzione dello Stato
- La cultura
- La guerra d’Etiopia
- La guerra di Spagna
- L’alleanza con la Germania
- L’entrata in guerra
Ogni capitolo è strutturato in paragrafi e sottoparagrafi contenenti l’analisi dei contenuti dei DVD, dei fascicoli e del libro, con le dovute osservazioni. Ove possibile, sono stati attributi ai paragrafi e ai sottoparagrafi gli stessi titoli presenti nelle opere, in modo da poter cogliere anche eventuali differenze o analogie nella titolazione.
I DVD contenenti la raccolta di film del regime non sono stati presi in considerazione, poiché ritenuti più pertinenti, eventualmente, per una tesi incentrata specificamente sull’utilizzo del cinema e dei mezzi di comunicazione ai fini di propaganda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 DVD 2 Dall‘unità d‘Italia alla grande guerra 2.1 Hobby & Work. I DVD Nel primo DVD, Hobby & Work riconduce alla mancata annessio- ne all‘Italia di Trento e Trieste l‘origine di quel sentimento irredentista la cui pro- paganda sarà uno dei cavalli di battaglia del nazionalismo prima e di Mussolini poi 2 . La crescita del sentimento nazionalista, all‘inizio del ‗900, fu alimentata an- che da illustri esponenti della cultura: D'Annunzio, a un tempo decadente e innovativo, languido ed energico, celebrò il Nazionalismo come forza creatrice. Marinetti fondò nel 1909 il movimento futurista. [..] Definì la guerra ‗sola igiene dei popoli‘ ed esaltò militarismo e pa- triottismo. [..] Anni dopo, si troveranno a lottare insieme a Mussolini, prima per l'intervento nella grande guerra e in seguito per la creazione dello stato fascista 3 . Nel 1914, subito dopo l‘inizio della guerra, ―la neutralità italiana divenne [per il governo] preziosa merce di scambio‖ 4 . Intanto, nell'opinione pubblica iniziava una campagna a favore dell'intervento, ma a fianco della Triplice Intesa. Ovviamente, furono gli irredentisti a capeggiarla, cui ben presto si unirono i nazionalisti e i futuristi guidati da Marinetti, rima- nendo tuttavia una minoranza 5 . In breve i rapporti di forza mutarono, poiché 2 Aa.Vv., DVD Video - Mussolini e il fascismo, n. 1, Hobby & Work, Milano 1997, 00:06:00. 3 ivi, 00:12:54. 4 ivi, 00:23:20. 5 ibid.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi