Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nascita e sviluppo della fotografia in Cina

Lo scopo della tesi è quello di affrontare una forma d’arte contemporanea in area cinese partendo dall’analisi dello sviluppo della fotografia in Cina. Il lavoro di ricerca compiuto è stato originato dall’interesse estetico per i lavori dell’artista cinese Liu Bolin, e per l’importanza che le sue opere hanno nel sottolineare come i luoghi in cui viviamo danno forma alle nostre identità.
Liu Bolin è conosciuto anche come “the invisible man” per la sua capacità di mimetizzarsi dipingendo il proprio corpo nella stessa maniera di ciò che lo circonda. Gli scatti fotografici realizzati dall’artista possono essere visti come una sorta di protezione dal brutale processo di modernizzazione a cui la Cina è andata incontro e dalla condizione dell’umanità, che a causa di una società estremamente materialista ha perso la propria identità. In primo luogo verrà descritta la fase iniziale della nascita della fotografia in Cina, caratterizzata da un profondo legame con la tradizione pittorica cinese, in cui i temi prediletti erano ritratti, paesaggi e scene di vita quotidiana. Nel secondo capitolo sarà descritto il modo in cui la fotografia viene ridotta a pura propaganda politica per promuovere l’ideologia di Mao Zedong e quindi enfatizzare la costruzione dell’identità socialista. L’ultimo capitolo, infine, sarà interamente dedicato all’artista Liu Bolin e all’analisi delle sue opere.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo scopo principale della tesi è quello di affrontare una forma d’arte contemporanea in area cinese partendo dall’analisi dello sviluppo della fotografia in Cina, che ancora oggi è oggetto di studio in continua revisione, poiché la scarsità di fonti in lingua occidentale ha ostacolato il tentativo di proporne una precisa cronologia. Il lavoro di ricerca compiuto è stato originato dall’interesse estetico per i lavori dell’artista cinese Liu Bolin, e per l’importanza che le sue opere hanno nel sottolineare come i luoghi in cui viviamo danno forma alle nostre identità. Liu Bolin è conosciuto anche come “the invisible man” per la sua capacità di mimetizzarsi dipingendo il proprio corpo nella stessa maniera di ciò che lo circonda. Gli scatti fotografici realizzati dall’artista possono essere visti come una sorta di protezione dal brutale processo di modernizzazione a cui la Cina è andata incontro e dalla condizione dell’umanità, che a causa di una società estremamente materialista ha perso la propria identità. Proprio per gli scatti fotografici realizzati da Liu Bolin ho voluto approfondire come la fotografia cinese si sia sviluppata nel corso degli anni e ho deciso di suddividere il lavoro in tre parti. In primo luogo verrà descritta la fase iniziale della nascita della fotografia in Cina, caratterizzata da un profondo legame con la tradizione pittorica cinese, in cui i temi prediletti erano ritratti, paesaggi e scene di vita quotidiana. Inoltre, verrà preso in considerazione colui che viene definito il padre della fotografia cinese: Long Chin-san, che ha saputo trasporre per primo le caratteristiche della pittura di paesaggio alla fotografia. Oltre alla pittura, la fotografia è stata condizionata anche dagli avvenimenti storici e politici, fino ad arrivare alla nascita di una fotografia di propaganda in cui si parlerà nel secondo capitolo. Qui sarà descritto il modo in cui la fotografia viene ridotta a pura propaganda politica per promuovere l’ideologia di Mao Zedong e quindi enfatizzare la costruzione dell’identità socialista. Inoltre verrà 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e culture straniere

Autore: Simona Suardi Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 77 click dal 24/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.