Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato

Tesi sui conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PARTE PRIMA I PROFILI SOGGETTIVI CAPITOLO I La nozione di potere dello Stato 1.1 Evoluzione del concetto di potere dello Stato e origine dell’istituto del conflitto tra poteri dello Stato La nozione di potere è stata sin dall’origine il punto critico di ogni teoria del conflitto di attribuzioni. Alla base dello Stato liberale è sorto e si è evoluto nel corso dei secoli XVIII e XIX il principio della separazione dei poteri, per impedire che l’autorità fosse esercitata in maniera arbitraria, o comunque incontrollata, come invece accadeva nello Stato assoluto, dove il potere era in mano al Monarca. La teorizzazione del principio si fa risalire a Locke ed a Montesquieu e prevedeva sia una separazione di funzioni che una separazione di organi (in legislativi, amministrativi e giurisdizionali), cosicché quest’ultimi potessero operare in condizione d’indipendenza. In questa chiave ben si comprende l’espressione usata da Montesquieu “le pouvoir arrète le pouvoir” esemplificativa di come fosse inteso il potere, vale a dire un’entità, o complesso di entità, che esercitano una frazione di autorità 1 . 1 Cfr. Martines, Diritto Costituzionale, Milano 1994, 203

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Pierpaolo Pagano Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8046 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.