Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cognitio extra ordinem

Il potere centrale, a monte, non solo deve stabilire l’organo dal quale il singolo può ottenere la tutela dei suoi diritti ma anche prescrivere le modalità attraverso le quali può raggiungerla: in altre parole, deve indicare quale siano quella serie di atti che devono essere compiuti e con quali formalità. Processus (participio passato di procedere, che significa «andare avanti») secondo l’etimologia, indica appunto una successione di atti tra loro strettamente connessi miranti nel loro insieme a dare attuazione ad una norma giuridica che un soggetto sostiene essere stata lesa. Nel diritto romano tale finalità si realizzò del tutto proprio con la cognitio extra ordinem, quando il processo, cioè, fu pienamente pubblicizzato diventando esplicazione della funzione giurisdizionale del princeps e dei suoi funzionari imperiali. È per questo, infatti, che molti autori ritengono che solo quella del processo cognitorio sia a tutti gli effetti e nel senso moderno del temine una sentenza, la cui forza autoritativa, difatti, le è insita perchè pronunciata da un vero e proprio organo giurisdizionale (e non da un iudex privatus). D’altronde il termine extra ordinem o extraordinaria con cui questa nuova procedura venne ad identificarsi stette proprio a rimarcare quel momento di passaggio al nuovo sistema, nonché il suo contrapporsi al procedimento tradizionale dell’ordo iudiciorum, inserendosi nel vivo di tutti i problemi legati alla loro lunga coesistenza. Con tale nuovo processo, inoltre, si introdussero tutti quegli istituti di cui ho già trattato nel corso della mio lavoro e che ancora oggi ritroviamo nel nostro ordinamento: la notificazione dell’atto, la contumacia, il sistema della prova legale, l’appello, l’esecuzione ufficiale della sentenza. Di ampia portata anche le innovazioni che il nuovo procedimento introdusse nel diritto sostanziale (dal diritto di proprietà e di famiglia, alle successioni, ecc.). Insomma, non c’è parte del diritto che non sia stato fortemente influenzato da questo processo, attirando, per questo motivo, l’attenzione degli studiosi romanisti ed oggi anche la mia.
Risulta chiaro, quindi, che è dalla cognitio extra ordinem che ebbe origine il processo giustinianeo e dalla quale, nello specifico, vennero formandosi istituti e concetti sui quali tutt’oggi si fonda gran parte del diritto processuale moderno.
Da questo, la scelta di terminare il mio percorso universitario con una tesi in diritto romano dettata dalla voglia di approfondire, seppur limitatamente all’oggetto del mio lavoro, l’esame di quell’ordinamento giuridico dal quale possiamo dire che “tutto ebbe inizio”. Un po’ come fosse un omaggio.
Il diritto romano, infatti, è ricco di dottrine, soluzioni, istituti processuali molti dei quali non sono estranei nella sostanza a quanto possiamo osservare oggi, in una realtà così diversa ma che ha in comune con quella antica la complessità, la divergenza di esigenze e il contemporaneo bisogno di ricomporle. Possiamo quindi dire che anche noi, un po’ come i codificatori postclassici, abbiamo dato importanza al passato ma, soprattutto, ne abbiamo conservato la memoria, e a quanto pare non solo quella.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. Premessa storica: il nuovo ordinamento augusteo Caius Octavius 1 , futuro Augusto nonché figlio adottivo e successore di Giulio Cesare, costruì il suo potere tenendo sempre presente gli errori che condussero alla disfatta e morte del padre adottivo. Egli infatti, dopo la battaglia di Azio (2 settembre 31 a.C.), nella quale affrontò e sconfisse Marco Antonio, pose le basi per l’instaurazione della pace e, al contempo, del suo velato primato su tutto l’impero. Richiamando un’antica cerimonia, l’11 Gennaio 29 a.C., Ottaviano ottenne che il Senato disponesse la chiusura del sacello di Giano (Ianus Quirinus) 2 essendosi avverata la condizione posta dagli antichi: la pax. Ecco, infatti, cosa lui stesso afferma nella sua autobiografia politica: Res Gestae Divi Augusti, 13 Ianum Quirinum, quem classum esse maiores nostri voluerunt cum per totum imperium populi Romani terra marique esset parta victoriis pax, cum prius quam nascerer a condita urbe bis omnino clausum fuisse prodatur memoriae, ter me principe senatus claudendum esse censuit. 3 1 Gaio Giulio Cesare Ottaviano era nato a Roma il 23 settembre 63 a.C. da una ricca famiglia di Velletri, il cui padre, Gaio Ottavio anche lui, sposò Atia, figlia di Marcus Attius Balbus (pretore forse nel 60 a.C) e di Iulia, sorella di Cesare. Ulteriori indicazioni in T. SPAGNUOLO VIGORITA, La repubblica restaurata e il prestigio di Augusto. Diversioni sulle origini della cognitio imperiale, in Studi per Giovanni Nicosia VII (2007) 527 ss. 2 Passaggio a doppia porta (anche Ianus Germinus, porta Ianualis) dedicato a Giano, dio delle porte, dell’inizio e del passaggio, e sito nel Foro. 3 «Durante il mio principato il Senato per tre volte deliberò che dovesse chiudersi la Porta

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Benedetta Nardiello Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 479 click dal 05/04/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.