Skip to content

Il Figlicidio: Cause Genetiche e Psicologiche

Informazioni tesi

  Autore: Federica Giotta
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e della Salute
  Relatore: Valentina Gatta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Casi di figlicidio sono molto frequenti in questi ultimi anni, specie in Italia. Dal caso di Cogne al caso di Loris si è discusso abbondantemente del ruolo dei genitori in questo atroce delitto. Scoprire cosa vi è alla base dell'atto omicida è lo scopo di questa tesi. Per cominciare ho voluto introdurre il concetto di maternità e quali sono i fattori psicologici e biologici che influenzano un buon decorso della maternità e del post-partum, per poi passare alla spiegazione del crimine, crimine inteso nella sua forma generale. Ci sono vari ed importanti studi che hanno approfondito il figlicidio materno più che quello paterno, in quanto le madri sono più soggette ad assorbire tutto ciò che la gravidanza comporta. Ciò che ho voluto, inoltre, sottolineare che non sempre chi compie l'omicidio soffre di un disturbo mentale (disturbi dell'umore, Sindrome di Munchausen per procura, Sindrome di Medea, disturbi di personalità, ecc.), ma alla base ci può essere anche una predisposizione all'aggressività, la quale si manifesta in maniera preponderante nei casi di figlicidio, come si evince nella classificazione di figlicidio proposta in questa tesi. In ultimo, ma non per importanza, ho voluto dare spazio alla prevenzione, a quali sono i fattori di rischio, i trattamenti indicati per questi soggetti e cosa succese a coloro che sono riusciti a sopravvivere a questo reato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La cronaca insegna. Nessun crimine come l’omicidio di un figlio da parte della propria madre ci lascia così inermi. Di fronte a fatti come questi la domanda che nasce spontanea è: come può una madre riuscire ad uccidere un figlio? Quali sono i motivi che la spingono a compiere questo orribile gesto? La risposta che tranquillizza la società di fronte a queste situazioni è senza dubbio quella di attribuire alle madri una patologia mentale, giustificando il gesto come pazzia, perché non è normale che una madre abbia il desiderio di uccidere il proprio bambino. Attribuire questo gesto alla follia ha uno scopo rassicurante, sia perché funge da spiegazione, sia perché allontana da noi l’ipotesi di poterlo commettere in quanto soggetti sani. Magari fosse così facile. Scopo di questa tesi è anche questo. Cercare di individuare, e in qualche modo anche allarmare la società, che non solo i cosiddetti “malati mentali” possono commettere un omicidio, per giunta di un carico così pesante come il figlicidio. Non è solo un “raptus” che porta a compiere un gesto così estremo, ma ci sono tante variabili e fattori che influenzano la psiche di un soggetto. A volte la patologia non sta solamente nella persona, ma anche nell’ambiente familiare e nelle sue dinamiche. L’assenza di un genitore per un lungo periodo, un no detto troppo spesso e con troppa semplicità, un apprendimento costituito solo da punizioni e da scarsi e quasi assenti rinforzi, abusi o maltrattamenti fisici ma anche mentali; amicizie sbagliate, abuso di alcool e di sostanze stupefacenti; la predisposizione a un comportamento più aggressivo rispetto ad uno più calmo e sereno; un attaccamento insicuro o evitante, rispetto ad uno stabile e sicuro. Tanti sono i fattori;ovvio che in 7 casi su 10 è presente un disturbo mentale. Ma ci sono quei 3 casi che ci impediscono di generalizzare e additare il soggetto incriminato come “malato”. Questi eventi per molti anni sono stati analizzati solo dalla prospettiva psicologica, ma oggi vengono chiamati in causa anche altri fattori. Quali fattori psicodinamici, il ruolo della famiglia, oltre che all’individualità e alla suscettibilità del soggetto in questione. Nella prima parte del mio lavoro ho voluto dare largo spazio alla definizione di figlicidio, alle differenze tra figlicidio materno e quello paterno, ma anche e soprattutto alle motivazioni che sottendono questo gesto. Spiegazioni che riguardano sia il crimine (quindi 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

figlicidio
sindrome di medea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi