Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'assistente sociale nell'ambito dell'autismo: l'esperienza della Casa dell'Autismo di Candelo

La tesi tratta il fenomeno dell'autismo e del ruolo svolto dal professionista in questo ambito. Viene descritto il cambiamento storico della patologia e il percorso svolto dalle famiglie davanti alla sindrome. Verranno analizzati alcuni interventi presenti in Italia e in particolare verrà presa in considerazione l'esperienza della casa dell'Autismo di Candelo. In ultima analisi verranno analizzati dei questionari di gradimento sottoposti alle famiglie da parte dell'Ente e verranno ipotizzate possibili funzioni,attività e obiettivi che il professionista potrebbe fornire in ambito autistico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Svolgere una tesi di laurea sul mondo dell’autismo non è un compito semplice, in quanto è necessario concentrare l’attenzione sul ruolo dell’assistente sociale sperimentato in un determinato ambito d’intervento professionale. Una seconda difficoltà è rappresentata dall’esiguo numero di contributi teorici dedicati al ruolo svolto dal professionista nel campo dell’autismo. Questa dissertazione intende dunque tentare un approfondimento sul tema, orientato all’innovazione, volto alla creazione di nuove ipotesi che possano essere prese in considerazione per ampliare e migliorare gli interventi offerti dai diversi servizi nei confronti delle persone autistiche e delle loro famiglie. Nel primo capitolo si tratterà il tema dell’autismo tentandone una definizione e approfondendone il cambiamento nella storia. Dall’analisi di questi aspetti emerge come tale patologia, ancora oggi nel 2016, non trovi una cura, ma possa essere per certi aspetti controllata e gestita. Saranno delineati i sintomi che innescheranno un meccanismo d’allerta nei genitori che notano alcune lacune nei propri figli, ma soprattutto verranno esplicitate le difficoltà incontrate e il comportamento tenuto dalle famiglie dopo la scoperta della diagnosi. Verranno, infine, individuate le diverse strategie utilizzate dagli stessi per convivere con questa situazione. Nel secondo capitolo si offrirà una panoramica di alcuni interventi d’aiuto presenti in Italia sia per i soggetti affetti dalla sindrome dello spettro autistico che per le loro famiglie, ma ci si concentrerà soprattutto, su un livello micro, prendendo in esame i servizi offerti dalla Domus Laetitiae, concentrandoci sull’esperienza della “Casa dell’Autismo”, centro specialistico nel settore autismo, una realtà interessante da studiare in quanto considerata un punto di riferimento sul territorio biellese. Si delineeranno, inoltre, le attività svolte dall’assistente sociale all’interno del centro, con particolare attenzione all’attività di sviluppo dell’empowerment. Nel terzo e ultimo capitolo si proporranno delle innovazioni in ambito professionale, a partire dall’analisi dei questionari di gradimento, somministrati alle famiglie ogni due anni da parte dell’Ente. Prendendo in considerazione gli interventi di servizio sociale già attuati alla “Casa dell’Autismo” verranno

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rosalinda Tumbiolo Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 790 click dal 28/04/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.