Skip to content

Distruzione dell'economia italiana. Gli artefici, le cause, possibili soluzioni

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Paolo Perez
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Vincenzo Bondonio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

La crisi economica italiana sembra affetta da una sorta di metastasi che non si riesce a far regredire. La politica pare incapace di dare risposte soddisfacenti e sembra non voler realmente affrontare il problema; di fatto limitandosi ai soli proclami ne rinvia la soluzione.
Il bollettino sociale intanto si fa ogni giorno più drammatico e le prospettive circa il futuro sempre più incerte.
Di fronte a questo scenario sorgono nell'osservatore tante domande alle quali, con questa mia ricerca, cercherò di dare delle risposte.
Siamo di fronte a una crisi ciclica o è crisi di sistema?
Perché la politica non reagisce?
Perché si è deciso di abbandonare le politiche keynesiane?
Quanto hanno inciso nel declino industriale italiano le ultime scelte europee, l'adozione dell'euro e la finanza internazionale?
L'Italia dispone ancora delle potenzialità per tornare ad essere un grande paese industriale e mondare la nomea che si è conquistata di "Paese poco affidabile"?
Ma soprattutto, permangono per l'Italia residui margini di sovranità economica, monetaria o finanziaria che dir si voglia, comunque tali da consentirle di ridiventare artefice del suo proprio futuro?
È possibile mettere in discussione i paradigmi economici attuali, strettamente legati alla crisi globale, partendo da una rivisitazione della società e del futuro e che magari possa far ridiventare attuale Keynes?
A queste e ad altre domande cercherò, con questo lavoro, di dare le mie risposte avvalendomi di un approccio alternativo a quello comunemente utilizzato per spiegare le cause di questa crisi e di questo particolare periodo storico-economico.
Per sviluppare il mio ragionamento e arrivare alle conclusioni che esporro' nel corso della mia tesi ho fatto riferimento alle analisi di insigni economisti quali: il professor Nino Galloni, Alberto Bagnai e altri.
Cerchero' di dimostrare come, partendo dalle analisi di questi autorevoli scienziati economici, si arrivi a spiegare fatti e a portare alla luce criticità con una chiarezza non altrettanto riscontrabile nelle spiegazioni elaborate in chiave ordotossa, seppur questa goda di maggior credito nel dibattito accademico e presso il pubblico. Stante la portata del tema in discussione, che per il caso non fosse ben governato potrebbe arrivare a minare le stesse basi della coesistenza sociale, ritengo che non debbano permanere spazi grigi di incertezza e che pertanto bisognerebbe aprire un serio tavolo di confronto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La decisione di affrontare un tema così complesso, al termine del mio corso di studi, è frutto di un cammino interiore che fortunatamente la mia esistenza mi ha dato la possibilità di percorrere. Sicuramente tutte le materie affrontate nel percorso universitario sono state di stimolo ad una sempre più profonda riflessione sulla necessità di mettere in discussione il mio modo di osservare il mondo, proprio alla luce dei nuovi strumenti di analisi che lo studio mi forniva. Tale riflessione è stata amplificata dalla mia esperienza politica come consigliere comunale, iniziata circa sei mesi dopo la mia iscrizione all' università; aver vissuto personalmente la politica amministrativa locale e le dinamiche politiche nazionali mi ha sollecitato sempre di più a cercare delle risposte che non arrivavano proprio da quella politica che, frequentando, mi rendevo conto che non affrontava il problema dell' economia. Percepivo a tratti una sorta di impotenza verso i problemi economici e a tratti una generalizzata incompetenza che spesso veniva camuffata ripetendo, quasi a memoria, slogan e frasi fatte il cui unico scopo era quello di rimandare il problema. Pensavo a quanto contasse la decisione politica trent' anni fa rispetto a oggi. Non è accettabile il distacco che spesso il politico, di estrazione economica, ha di fronte alle tragedie sociali che questa crisi sta producendo e non è accettabile il fatto che invece i politici di estrazione non economica pendano dalle labbra di chi elargisce concetti economici di massima, in modo dogmatico e indiscutibile, senza entrare nel merito delle implicazioni che certe scelte comportano. In modo autonomo ho iniziato a percepire che la politica potesse fare poco o nulla per intervenire sull' economia e quindi sul benessere dei propri cittadini, che la politica si tirasse fuori dalla discussione economica lasciando ai tecnici completa autonomia decisionale, quasi non si potesse più pensare di avere una visione politica della società e in base a quella organizzare le regole della stessa economia. -4-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi