Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche energetiche europee e nazionali: quali strategie?

Questa tesi, dopo una breve digressione volta a mettere in evidenza il ruolo centrale ricoperto dall'energia nella CECA e nell'EURATOM, un ruolo che nel tempo si è affievolito al punto da dar luogo a una politica energetica frammentaria, ripercorre le tappe della politica energetica europea volta alla decarbonizzazione del sistema energetico; un cammino che coinvolge tutti gli Stati Membri che sono chiamati ad impegnarsi, mediante l'attuazione di appropriate strategie, per il raggiungimento degli obiettivi posti. Dell'impegno richiesto agli Stati Membri per l'attuazione della politica energetica europea, la tesi analizza quello dell'Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione In politica energetica, non esistono soluzioni semplici e non vi è un’unica fonte energetica atta a risolvere tutti i problemi che sia illimitata, non inquinante e poco costosa. Dopo la crisi petrolifera degli anni ’70, la politica energetica ha acquistato progressivamente importanza e vi è stata un’evoluzione delle priorità. Nel 1973, l’accento era posto soprattutto sulla sicurezza energetica e sulla tutela delle economie rispetto a sviluppi energetici esterni non controllabili. Furono elaborate migliori tecniche di pianificazione energetica e varati programmi e politiche generali in materia di energia che combinavano vari strumenti. Il secondo shock petrolifero alla fine degli anni ’70 sottolineò l’importanza di restare vigilanti in termini di sicurezza energetica. Negli anni ’80 si impose la problematica ambientale che sollevò nuovi aspetti e obbligò e spinse a riconoscere che il sistema dell’energia, dall’estrazione all’uso, era responsabile di molti problemi del cambiamento climatico dovuto alle attività umane e che il consumo energetico poteva provocare danni irreparabili all’ambiente del pianeta. Questa attenzione alla problematica ambientale pose la necessità di un riordino dei sistemi energetici e l’Unione Europea subito iniziò ad impegnarsi; infatti la risoluzione del Consiglio del 16 settembre 1986 relativa ai nuovi obiettivi

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Romina Giovannoli Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 171 click dal 26/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.