Skip to content

Privatizzazione di una public utility: il caso PosteItaliane

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Serao
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2015-16
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Francesco Verde
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Una public utility è un’impresa di proprietà statale che ha come business esclusivo o principale la produzione di un bene o servizio con una riconosciuta utilità sociale. Nella storia economica, l’Ente Pubblico è il primo modello giuridico di gestione di attività con fini collettivi e, fino agli anni Novanta del secolo scorso, è stata la forma societaria più utilizzata per amministrare le imprese sotto il controllo statale. Negli ultimi trent’anni, a seguito della crescente influenza del diritto europeo negli ordinamenti dei singoli Paesi – con il divieto di aiuti economici di Stato a qualsiasi impresa di produzione, per garantire un regime di concorrenza – a seguito della stringente necessità di risanare i conti pubblici e al fine di arginare le deficienze finanziarie delle stesse public companies, si è assistito alla progressiva privatizzazione di vasti settori dell’economia pubblica.
- Il processo di privatizzazione di una società pubblica si articola in due momenti successivi: la soppressione degli Enti Pubblici Economici e l’attribuzione delle attività in oggetto a società di diritto privato, con la creazione di Società per Azioni; il trasferimento della proprietà delle azioni dallo Stato – nella figura degli enti locali o dei ministeri – al pubblico indistinto – retail ed istituzionale – con una Offerta Pubbliche di Vendita e la quotazione sul mercato borsistico. Queste due trasformazioni sono definite anche privatizzazione “formale” e “sostanziale”: la prima si fonda sull’introduzione di obiettivi e criteri privatistici nella gestione delle public companies, il cui soggetto economico rimane comunque pubblico; la seconda si sostanzia con l’effettiva riduzione della quota di capitale sociale detenuta dallo Stato e con il superamento dei monopoli verso la libera concorrenza.
- In termini generali, il processo di privatizzazione si compie con la fase “sostanziale” e consiste nel trasferimento definitivo della proprietà, in tutto o in parte, da parte dello Stato a beneficio di un azionariato diffuso e prevede una trasformazione dell’intervento della “mano pubblica”, che diventa responsabile della funzione normativa e di controllo: assume un ruolo centrale il sistema delle regole strutturali e di mercato in cui si svolge l’attività dell’impresa e diventa fondamentale il sistema di monitoraggio pubblico per coniugare la ricerca del profitto con l’utilità sociale, cui il core business dell’impresa pubblica per definizione risponde. L’apertura al libero mercato deve essere quindi subordinata alla creazione di soluzioni strutturali e istituzionali, cioè alla definizione di norme che tutelino gli obiettivi di pubblico interesse e che, al contempo, contribuiscano in modo efficiente a vigilare sull’orientamento al mercato delle aziende quotande. Le tecniche e le strategie di privatizzazione mettono in luce un nuovo ruolo della “mano pubblica”, non più responsabile di titoli di proprietà, bensì generatrice di regole e sistemi di controllo esterno. Spesso, la protezione degli interessi pubblici, a seguito di IPO, si traduce nell’adozione di strumenti specifici come la golden share – pacchetto azionario con poteri speciali che, in seguito alla privatizzazione di una società pubblica, resta allo Stato e consente al governo di apporre il veto su alcune operazioni societarie di carattere strategico e su variazioni dello statuto societario – e nell’istituzionalizzazione di organi esterni di monitoraggio, come le public authority.
-Poste Italiane è un classico esempio di progressiva privatizzazione di un ente pubblico: negli anni Novanta, l’allora Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni viene trasformato in Società per Azioni (privatizzazione formale) e, nel 2014, viene avviato il procedimento di IPO – Initial Public Offering – che si è concluso il 27 ottobre 2015 con la prima negoziazione del titolo sul mercato di Borsa Italiana (privatizzazione sostanziale). Il processo che ha portato alla quotazione di Poste Italiane si è basato su una straordinaria opera di riorganizzazione dei settori in cui la società opera ed è consistito in una prima fase, preparatoria, di definizione degli asset aziendali, delle prospettive di crescita e sviluppo economico, nella definizione dell’oggetto della privatizzazione e delle modalità di cessione della proprietà e nella conseguente trasformazione di corporate governance per consentirne il collocamento sul mercato borsistico; ed in una seconda fase, esecutiva, in cui un team di consulenti specializzati – finanziari, legali, di comunicazione, di intermediazione mobiliare – ha affiancato Poste Italiane nella redazione del Prospetto Informativo e dei documenti necessari per l’ammissione alle negoziazioni in Borsa Italiana, supportando la società nella promozione dei propri business e obiettivi presso gli investitori istituzionali e retail, accompagnando la società anche nel post quotazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Una public utility è un’impresa di proprietà statale che ha come business esclusivo o principale la produzione di un bene o servizio con una riconosciuta utilità sociale. Nella storia economica, l’Ente Pubblico è il primo modello giuridico di gestione di attività con fini collettivi e, fino agli anni Novanta del secolo scorso, è stata la forma societaria più utilizzata per amministrare le imprese sotto il controllo statale. Negli ultimi trent’anni, a seguito della crescente influenza del diritto europeo negli ordinamenti dei singoli Paesi – con il divieto di aiuti economici di Stato a qualsiasi impresa di produzione, per garantire un regime di concorrenza – a seguito della stringente necessità di risanare i conti pubblici e al fine di arginare le deficienze finanziarie delle stesse public companies, si è assistito alla progressiva privatizzazione di vasti settori dell’economia pubblica. Le privatizzazioni, in generale, sono state presentate come “la” risposta unica, netta ed inevitabile alle direttive finanziarie europee e all’incapacità di correggere gli aspetti patologici dell’intervento pubblico – come l’improduttività della logica del lavoro “per mansione”, malfunzionante e poco moderna, tipica delle società a controllo statale, e la gestione personalistica e clientelare delle opportunità professionali di ingresso in azienda e di crescita interna. Il processo di privatizzazione di una società pubblica si articola in due momenti successivi: la soppressione degli Enti Pubblici Economici e l’attribuzione delle attività in oggetto a società di diritto privato, con la creazione di Società per Azioni; il trasferimento della proprietà delle azioni dallo Stato – nella figura degli enti locali o dei ministeri – al pubblico indistinto – retail ed istituzionale – con una Offerta Pubbliche di Vendita e la quotazione sul mercato borsistico. Queste due trasformazioni sono definite anche privatizzazione “formale” e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borsa
borsa italiana
poste
privatizzazione
quotazione
poste italiane
public utility
italiane
ente poste
ministero poste e telegrafi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi