Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Meningite batterica in età pediatrica: validità della prevenzione

La meningite batterica è una grave infezione del sistema nervoso centrale; la risposta infiammatoria delle meningi associata all’infezione può progredire inducendo gravi danni permanenti al sistema nervoso e spesso morte, se non trattata in maniera tempestiva. La diagnosi precoce della malattia permette di impostare una corretta terapia antibiotica per ridurre la mortalità.
Attualmente il “gold standard” nella diagnosi di malattia è l’emocoltura, che consente di identificare l’agente eziologico responsabile; il meningococco risulta essere il batterio più frequentemente associato a meningite in età pediatrica.
Nella tesi svolta, viene valutata l’incidenza di meningite da Neisseria, che da svariati anni rappresenta il principale microrganismo che causa allarmismo.
L’obiettivo di questo lavoro, è quello di valutare come l’impresa di vari metodi di prevenzione, tra cui le vaccinazioni, che hanno indotto un calo dell’incidenza di questa infezione e come questi metodi siano efficaci nel prevenire la meningite nei bambini.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO II Meningite batterica: incidenza in età pediatrica, patogenesi da meningococco: Neisseria meningitidis. 2.1 Patogenesi della meningite batterica. A prescindere dall’agente eziologico, il microrganismo deve attraver- sare la barriera emato-encefalica che protegge il sistema nervoso dalla maggior parte dei batteri limitando così l’eziologia di meningite batte- rica a pochi patogeni; Escherichia coli K1 e Streptococcus agalictiae nel neonato, Neisseria meningitidis, Haemophilus influenzae tipo B nei bambini e negli adulti. Questa può essere superata attraverso varie vie: -Ematica: cioè ci sono dei focolai infetti, nella faringe e nei polmoni e i batteri arrivano per via ematogena alle meningi e al cervello. I mi- crorganismi aderiscono alle cellule epiteliali della mucosa nasofarin- gea, danneggiando la barriera mucosa e sopravvivono nel circolo san- guigno grazie alla ridotta attività fagocitica, invadendo il liquido cefa- lorachidiano. -Batteriemia sistemica. -Contagio diretto attraverso le vie respiratorie alte o attraverso la cute per un difetto anatomico (esempio: una frattura cranica, meningocele). -Per contiguità da infezioni adiacenti: infezione dei seni paranasali, ascesso cerebrale, otite acuta purulenta, mastoidite, sinusiti. Oppure direttamente dalle cavità nasali.

Laurea liv.I

Facoltà: Informatore medico scientifico

Autore: Marco Martino Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 235 click dal 16/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.