Skip to content

Amore ed Eros tra kāvya ed epigrammi: visioni e incanti in India e in Grecia

Informazioni tesi

  Autore: Emiliano Sciuba
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere Classiche
  Relatore: Albio Cesare Cassio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

La tesi (triennale) si prefigge un confronto socio-letterario tra il mondo greco-latino e quello sanscrito sul tema amoroso, nello specifico tra gli "epigrammi" indiani di Amaru e quelli greci della Antologia Palatina (libri V e XII). Si analizzeranno analogie e differenze in questo studio comparato. Lo studio sarà così tripartito: nel primo capitolo verrà analizzato lo schema trittico di poeta-committenza-pubblico nella visione dei kavayaḥ indiani e dei ‘poeti laureati’ greci, seguendo uno studio comparativo del milieu in cui operano tanto i poeti del kāvya (e l’origine del genere) quanto i grandi lirici corali greci (le opere a fondamento della mia analisi sono i celebri saggi sulla corte greca di B. Gentili 1984 e indiana di D. Smith 1985); un secondo capitolo verterà sulla poetica e sull’estetica letteraria che il kāvya “magicamente” si prefigge (si vedrà, non totalmente altro dai precetti dell’Anonimo del Sublime) così da meglio predisporre ai testi analizzati nel terzo capitolo; infine perciò, e più cospicuamente, un raffronto tematico, ma difficilmente sociologico, sul kāvya d’amore (śṛṅgāra-rasa), icastico nella Centuria di Amaruka, in parallelo con alcuni epigrammi erotici tratti dai libri V e XII dell’Antologia Palatina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione «Vihāya kāmānyaḥ sarvānpumāṁścarati niḥspṛhaḥ | nirmamo nirahaṁkāraḥ sa śāṁtimadhigacchati ||» “canta” il Divino Kṛṣṇa (uno dei dieci avatāra di Viṣṇu) nel suo “quinto Veda”, Bhagavad-Gītā II.71 e cioè: «L'uomo che, abbandonato ogni desiderio (kāma), vaga libero da legami | non [dice più] “è mio”, né “Io”; costui raggiunge la pace ||». Come ben sappiamo, però, per avere mens sana in corpore sano è al divino che bisogna rifarsi, giacché non è opera a misura d’uomo (ricorderemo che Arjuna, interlocutore di Kṛṣṇa nella Gītā, è figlio di Indra). Spesso tralasciato (stravolgente dimenticanza a dire il vero…) dalla ‘vulgata’, Giovenale nella sua decima satira, al verso 356, premette un «orandum est» alla gnome scelta a mostrare la vanità dei valori e dei beni che gli uomini cercano a tutti i costi di ottenere– havèl havalìm, per dirla con l’arcinoto Qohèlet ebraico I.2 e XII.8 ma, attenzione: la conclusione ultima del Predicatore Ecclesiaste è che la vanitas vanitatum non deve impedire all’uomo di riconoscere in Dio il proprio valore salvifico, lui che è il “tutto per l’uomo” (XII.9,15). E se la divinità parossistica che dovrebbe volere il nostro “amore” vuole invece il nostro “eros”, facendo durare «un istante l’orgasmo e tutta la vita la disperazione» (E. Cioran, Confessioni e anatemi) poiché «noi amiamo sempre... malgrado tutto; e questo “malgrado tutto” copre un infinito»? (E. Cioran, Sillogismi dell’amarezza) Lo studio sarà così tripartito: nel primo capitolo verrà analizzato lo schema trittico di poeta-committenza-pubblico nella visione dei kavayaḥ indiani e dei 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eros
antologia palatina
epigrammi
latino
veda
sanscrito
greco antico
kavya
amaru
lirica arcaica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi