Skip to content

Ipotermia terapeutica. Il ruolo dell’Infermiere Pediatrico nel trattamento del neonato con Encefalopatia ipossico-ischemica.

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Di Domenico
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica Pediatrica
  Relatore: Raffaella Spada
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

L’encefalopatia ipossico-ischemica (HIE) è una condizione acuta che puo’ presentarsi alla nascita. Colpisce da 2 a 4 neonati a termine su 1000, con importanti conseguenze sullo sviluppo cognitivo del bambino.
La maggior parte degli eventi che portano alla HIE, sono il risultato dell’ostacolato flusso sanguigno e apporto di ossigeno al cervello, con conseguente esaurimento di energia primaria e poi secondaria.
Fino a qualche tempo fa, le metodologie di trattamento si sono limitate alla terapia medica di supporto; mentre attualmente si sta cercando di andare ad agire sul mantenimento dell’energia secondaria attraverso l’utilizzo dell’ipotermia terapeutica come trattamento in grado di minimizzare l’entità del conseguente danno cerebrale e quindi migliorare le condizioni a lungo termine dei bambini colpiti da HIE.
L'ipotermia terapeutica risulta essere uno dei più efficaci trattamenti per i neonati > 36 settimane di gestazione, in quanto permette sia un miglioramento dell'outcome neurologico che una riduzione del tasso di mortalità; le stesse American Heart Association Guidelines for Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care, and the International Consensus on Cardiopulmonary Resuscitatione, and Emergency Cardiovascular Care Science with Treatment Recommendations raccomandano un mantenimento della temperatura tra 32°C e i 34°C per 72 ore.
Risulta cruciale il ruolo dell’infermiere nell’assistere i pazienti sottoposti a questa procedura, soprattutto per quanto riguarda la gestione e il controllo della temperatura corporea e dei vari sistemi di raffreddamento, la prevenzione e relativo trattamento degli effetti collaterali e il supporto ai familiari del paziente. Nonostante la comprovata efficacia di questa cura, ancora oggi però l’ipotermia terapeutica non è purtroppo utilizzata in tutte le realtà operative.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 L’encefalopatia ipossico-ischemica (HIE) è una condizione acuta che puo’ presentarsi alla nascita. Colpisce da 2 a 4 neonati a termine su 1000, con importanti conseguenze sullo sviluppo cognitivo del bambino. La maggior parte degli eventi che portano alla HIE, sono il risultato dell’ostacolato flusso sanguigno ed apporto di ossigeno al cervello, con conseguente esaurimento di energia primaria e poi secondaria. Fino a qualche tempo fa, le metodologie di trattamento si sono limitate alla terapia medica di supporto, mentre attualmente, si sta cercando di preservare l’energia secondaria attraverso l’utilizzo dell’ipotermia terapeutica, quale trattamento in grado di minimizzare l’entità del conseguente danno cerebrale e quindi migliorare le condizioni di vita a lungo termine dei neonati colpiti da HIE. La scelta dell’argomento trattato deriva dall’interesse suscitato in me essenzialmente dal percorso di studi e dalle esperienza di tirocinio fatto durante questi tre anni, tali informazioni hanno destato in me così tanta curiosità da sceglierlo come argomento di tesi, anche durante la preparazione della stessa, il ricercare materiale utile a tal fine, ha scatenato sempre più voglia di conoscenza. La letteratura scientifica evidenzia la capacità dell’encefalopatia ipossico- ichemica nel provocare morte, danni e disabilità a lungo termine in molti bambini nati a termine, e che l’ipotermia terapeutica potrebbe essere la scelta d’elezione per ridurre tali esiti infausti. Pertanto si è consolidata in me l’idea, di quanto sia fondamentale intervenire prontamente su questi neonati, cercando di approfondire quanto più possibile le conoscenze, ancora ridotte, che riguardano l’uso dell’ipotermia terapeutica e cercando di immaginare una situazione futura in cui l’ipotermia terapeutica, sia affermata come il gold standard di cura per i bambini con moderata e grave HIE. L’infermiere pediatrico quindi, svolge un ruolo cardine nell’organizzare, gestire ed attuare il processo del nursing nell’applicazione dell’ipotermia terapeutica. Ovviamente ci sono da mettere in conto le spese sanitarie previste per l’assistenza a questo tipo di pazienti, i quali presentano un’alta complessità assistenziale, richiedono personale sanitario altamente specializzato ed addestrato,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nursing
therapeutic hypothermia
hypoxic ischemic encephalopathy
induced hypothermia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi