Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Post Fata Resurgo

Inizierò la mia trattazione considerando la definizione di abbigliamento vintage, il quale non rappresenta oggigiorno solo una tendenza di nicchia, sfruttata da pochi, bensì un patrimonio culturale e di costume a cui i principali stilisti delle grandi case di moda attingono per trarre ispirazione per le loro collezioni.
In seguito tratterò la definizione di sportswear, attraverso un'analisi storica, dall'inizio del XX secolo ai giorni nostri.

In seguito analizzerò il sistema di produzione dell'abbigliamento, dagli anni '50 fino ai giorni nostri, arrivando alla cosiddetta " fast fashion" e discuterò dell' influenza che essa sta portando nel mercato della moda globale, producendo abiti nuovi e dal design accattivante, fino ad arrivare ad una collezione nuova ogni mese.
Il consumatore é confuso da questa moltitudine semantica ed é spinto all' acquisto quasi compulsivo.

In contrapposizione a questo fenomeno, tratterò la filosofia del downshifting, che privilegia il tempo libero e l'interazione sociale, al lavoro stressante, l'individualismo e il consumismo compulsivo.
In Italia e nel mondo abbiamo associazioni come Slow Food e Slow Fashion.
Una serie di iniziative locali, stanno inoltre promuovendo l'autoproduzione e l'interazione sociale in molti ambiti.
Uno di questi é la sartoria e l'abbigliamento, dove si incoraggia il consumatore ad imparare da sè piccole tecniche di riparazione e modifica di un capo, oltre a tecniche storiche di produzione, come il lavoro a maglia.
Si sviluppano sempre più anche piattaforme online, come i blog, dove gli utenti possono scambiare idee ed apprendere nozioni.

Per introdurre il mio progetto, tratterò il concetto di upcycle.
Esso si differenzia al termine classicamente usato "recycle", perché fa riferimento ad un'operazione di uso di materiali già esistenti, per formare /creare qualcos'altro.
E' il termine più corretto per designare una forma di uso, ove i materiali non vengano appunto "riciclati", ovvero ridotti ad uno stadio precostruttivo, per poi formare oggetti diversi.

Analizzerò tre importanti brand di moda Upcycle, quali "From Somewhere" di Orsola de Castro e Filippo Ricci, Maharishi, brand Inglese, nato dall'incredibile creatività ed intuizione di Hardy Blechman e Christopher Raeburn, azienda omonima fondata dal designer Britannico.

A questo punto mostrerò il progetto Post Fata Resurge.
Esso nasce dalla volontà personale di apprendere le principali tecniche di sartoria per poter modificare abiti già esistenti e produrne di nuovi, oltre alla volontà di contrastare il fenomeno della fast fashion per supportare un ritorno all'autoimprenditorialità e all'autoproduzione, dove il valore del lavoro, di tipologia prevalentemente artigianale é tenuto in alta considerazione.

Presenterò infine 4 outfit da me prodotti, seguiti da 3 photoshooting effettuati in sedi diverse.

Mostra/Nascondi contenuto.
Non ho inventato nulla di nuovo. Ho semplicemente assemblato le scoperte di altri uomini dietro le quali vi erano secoli di lavoro. Se avessi lavorato cinquanta o dieci o anche cinque anni prima, avrei fallito. Così accade per ogni nuova scoperta. Il progresso avviene quando tutti i fattori che lo permettono sono pronti ed è quindi inevitabile. Insegnare che una piccola quantità di uomini ha portato avanti i più grandi passi del genere umano è il peggior tipo di sciocchezze. Henry Ford

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Jacopo Brogiotti Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 150 click dal 16/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.