Skip to content

Carmen secondo Roland Petit: dal racconto alla danza

Informazioni tesi

  Autore: Grazia Lobascio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Maria Grazia Porcelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

Roland Petit è entrato a far parte della storia della danza del Novecento perché più che innovare ha conservato. Nell'ambito del classico rimane indiscussa la sua raffinatezza compositiva, soprattutto per i pas de deux. Viene acclamato per il suo modo di scendere nel profondo dell'arte coreutica facendo confluire al suo interno tutte le altre arti figurative.
Roland è un mago del racconto. Egli mescola, distilla, unisce, fonde principi e jazz, saltimbanchi e Bach, ma la base di tutto resta sempre la danza classica.
Petit non è un coreografo impegnato come lo sono stati Maurice Béjart o Pina Baush, ma in lui ogni cosa si risolve con la bellezza, l'eleganza, charm, paillettes. Per lui la vita, in fondo può essere anche un sorriso esattamente come la danza intrattenimento, divertimento, sogno. Le sue coreografie colpiscono sempre per la purezza, la cura del particolare, l'atmosfera seducente, la delicatezza, la meraviglia dei pas de deux.
Con la sua ricerca infinita della bellezza ha calpestato i più importanti palcoscenici del mondo sia da ballerino che da coreografo con le sue molteplici coreografie, alcune delle quali entrate ormai nei repertori di danza. É riuscito anche a portare la danza nel cinema.
Si parte dalla vita del coreografo per comprendere quelle che sono state le sue tappe fondamentali che hanno determinato anche delle scelte e delle linee artistiche. Passando, poi, a parlare della Carmen non si può non parlare dell'origine, del racconto di Merimée e della sua struttura; si passa per la Carmen di Bizet della quale si tratta della trama per arrivare al capolavoro del coreografo analizzandone la drammaturgia e composizione rispetto alle opere di partenza oltre che tutta la parte artistica sottolineando le innovazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE La Seconda Guerra mondiale è terminata da poco e gli anni Cinquanta sono segnati da una rimessa in discussione dell'arte, dall’abbandono del Surrealismo che aveva caratterizzato gli anni antecedenti il conflitto, e presa di coscienza che molti valori in cui si credeva sono svaniti. La danza è attraversata da questo cambiamento: di lì a poco ci sarà una rottura netta tra danza classica e moderna dovuta principalmente al pensiero che sta alla base dell'elaborazione della tecnica. Coreografi, però, che esordiscono in questo preciso momento storico appartengono sicuramente al neoclassicismo perché nessuno di loro abbandona il linguaggio della danza classica: scelgono temi caratteristici del loro tempo ma non stravolgono la danza tradizionale, al massimo apportano delle variazioni impercettibili. Utilizzeranno, poi, ciò che hanno appreso per rimettere in discussione il linguaggio coreutico e caratterizzarsi per un loro modo di vedere la danza e la realtà: a questa corrente appartengono coreografi come Maurice Béjart e Roland Petit. Per comprendere da vicino l'essenza del periodo possiamo citare Le Jeune Homme et la Mort, balletto del 1946 di Roland Petit, considerato uno dei suoi capolavori. Dopo che Jean Cocteau, autore del libretto, in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
spettacolo
danza
storia della danza
carmen
bizet
mérimée
roland petit

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi