Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza dell’effetto Mandel-Cryer sulla risposta fondazionale

Terreni morbidi come sabbia e argilla sono costituiti da particelle piccole, e spesso lo spazio tra di esse è riempito con acqua. In meccanica questo è indicato come un mezzo poroso saturo. La deformazione di un materiale dipende dalla rigidità del materiale poroso, ma anche dal comportamento del fluido nei pori. In particolare, il flusso del fluido nei pori influenza la deformazione del terreno. Se la permeabilità del materiale è bassa, le deformazioni possono essere considerevolmente ostacolate e ritardate dal fluido nei pori, che richiede notevole tempo per essere espulso dal terreno. La deformazione simultanea del materiale poroso e il flusso del fluido interstiziale è oggetto della teoria di consolidazione. La teoria è stata sviluppata originariamente da Terzaghi (1925) per il caso unidimensionale [2], ed in seguito esteso a tre dimensioni da Biot (1941) [1]. Particolare attenzione è stata riposta nell'analisi di un effetto tipico della consolidazione tridimensionale, ossia l'effetto Mandel-Cryer.

Mostra/Nascondi contenuto.

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Rinaldi Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 83 click dal 30/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.