Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Erasmus: Il giusto progetto per l'Europa del futuro

Questo elaborato tratta del programma Erasmus+. Il titolo “Erasmus: il giusto progetto per l’Europa del futuro” proviene dal pensiero che tale progetto sia veramente volto a migliorare il futuro dell’Europa, dando possibilità a coloro che partecipano di aprire la mente portando in futuro: innovatività, internazionalismo, tolleranza, interculturalità e dinamicità in Europa.
L’elaborato è suddiviso in quattro capitoli:
Il primo capitolo descrive la provenienza del nome del programma, la creazione ed il percorso storico che ha effettuato il programma partendo da prima della sua nascita fino al confronto con l’attuale programma.
Il secondo capitolo è un capitolo che si può definire manualistico. Al suo interno si trovano obiettivi, scopo, priorità politiche, processo di erogazione fondi e controllo infine la spiegazione del programma attraverso le sue action key: KA1, KA2, KA3; tali azioni sono analizzate rispetto il punto di vista dei singoli progetti osservandone gli obiettivi, scopi, assegnazione fondi ed erogazione di sovvenzioni ai beneficiari.
Il terzo capitolo serve a capire come un ente universitario può realizzare un progetto Erasmus+, più nello specifico un progetto EMJMD (Erasmus Mundus Joint Master Degree); la valutazione del progetto, concludendo con il rilascio della sovvenzione del budget dedicato alla realizzazione di tale progetto.
Il quarto capitolo è un capitolo sperimentale, basato su un sondaggio creato per capire il grado di informazione sul programma, i mezzi d’informazione utilizzati, il grado di partecipazione al programma, il trend delle destinazioni, le motivazioni che hanno spinto i partecipanti ad aderire al programma, le abilità sviluppate durante la permanenza all’estero, il grado di soddisfazione e come tale programma possa apportare migliorie alla propria carriera futura. Oltretutto il sondaggio permette di capire le motivazioni che hanno spinto i non partecipanti a non aderire al programma. Questo capitolo termina con delle conclusioni, in base ai dati raccolti, per amplificare l’informazione, la partecipazione e migliorare la qualità del programma stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1) Introduzione Questo elaborato tratta del progetto Erasmus+. Ho scelto come titolo “Erasmus: il giusto progetto per l’Europa del futuro” pensando fermamente che questo progetto sia il futuro dell’Europa, dando possibilità a coloro che partecipano di guardare da un punto di vista europeo quello che prima vedevano solo dal punto di vista nazionale, questo all’insegna dell’innovatività, internazionalismo, tolleranza, interculturalità e dinamicità per un’Europa, ad ora, troppo statica. Io stesso mi sono confrontato con questo programma per due volte, anche io ho provato l’ebbrezza di sentirmi europeo, anche io ho avuto molti dubbi prima di intraprendere questa strada; eppure oggi mi trovo a parlare proprio di quel programma che mi ha fatto cambiare punto di vista, che mi ha fatto capire l’importanza di conoscere altre lingue, che mi ha fatto conoscere persone provenienti da tutta Europa e da vari luoghi del mondo condividendo parte della loro cultura semplicemente parlando di usi e costumi davanti ad una birra. Famosa nella comunità Erasmus è la frase “once Erasmus, forever Erasmus” che mi rispecchia, ad ora anche se “a casa” cerco di confrontarmi/avvicinarmi alla comunità straniera presente in Italia tramite un’associazione universitaria per studenti e stranieri, nella quale collaboro da quando sono tornato dal mio ultimo Erasmus. Sono stato spinto a prendere questa decisione sicuramente per mantenere le lingue che ho appreso all’estero ed avere più possibilità di praticarle e, soprattutto, per rimanere in quel contesto internazionale per continuare ad approfondire la conoscenza delle altre culture ed usanze; non solo, ho capito l’importanza del volontariato e l’importanza di aiutare il prossimo. Quindi posso affermare che il programma Erasmus è un processo d’integrazione e di sensibilizzazione verso la comunità Europea e non. Fondamentale è stata la partecipazione al programma per costruire quelle che sono le mie convinzioni attuali. È proprio quel cambio di prospettiva che mi ha fatto realizzare la situazione attuale che c’è in Italia, in Europa e nel mondo. Mettere a confronto modi di vivere, esperienze, punti di vista, conoscenze condivise mi ha aiutato a focalizzare meglio i miei obiettivi e mi ha fatto capire l’importanza che dà l’unione. È proprio vero: “L’unione fa la forza”, e l’Unione Europea ne è l’esempio: insieme siamo più forti!

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico Demaria Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 790 click dal 27/07/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.