Skip to content

Il reato diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti ex art. 116 c.p.

Informazioni tesi

  Autore: Irene Mariano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Cavaliere
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 211

Il presente lavoro si pone l’obiettivo di far chiarezza circa la natura della responsabilità del concorrente per il reato diverso da quello originariamente voluto - il c.d. concorso anomalo di cui all’art. 116 cp - la cui attuale disciplina viene definita un “irragionevole paradosso giuridico”, chiamando il concorrente nolens a rispondere a titolo doloso di un reato non voluto. E’ opinione diffusa quella secondo cui tale istituto contrasterebbe con i più elementari principi di civiltà giuridica e con i principi Costituzionali fondamentali sui quali si basa l’odierno diritto penale del fatto - nonostante interpretazione di dottrina e giurisprudenza maggioritaria che ricostruisce in chiave colposa tale responsabilità, attraverso il riferimento al requisito della concreta responsabilità per il reato diverso da parte del concorrente nolente.
Poste le necessarie premesse – relative ai principi Costituzionali interessati dalla materia della responsabilità oggettiva in generale ( Capitoli I e II) – ed esaminati in modo approfondito i profili problematici della disciplina ex art. 116 cp (Capitolo III), l’aspetto sul quale l’elaborato si focalizza è quello relativo alla necessità di un intervento di riforma in materia, per ricondurre tale disciplina nei canoni della Costituzionalità (Capitolo IV).

Tra i diversi progetti di riforma del Codice Penale, che hanno riguardato la norma in esame, innanzitutto il Progetto Pagliaro del 1991, che trasforma l’attuale responsabilità ex art. 116 cp in una agevolazione colposa del diverso reato: il concorrente nolente verrebbe punito per il diverso reato soltanto laddove “per colpa” ne avesse agevolato la commissione. Tale chiaro ed espresso riferimento alla colpa non sembra essere risolutivo in quanto, come osservato, introdurrebbe una mera presunzione di colpa in capo al concorente nolente. La successiva e meno incisiva soluzione del Progetto Riz sembra di creare un vuoto di lacuna nei confronti di una condotta che è senza dubbio di rilevanza penale. “Chiara ed equilibrata” rispetto il principio della personalità della responsabilità penale - secondo alcuni - è la soluzione adottata nel Progetto Grosso, ove il concorrente risponde del diverso reato solo laddove quest’ultimo fosse a lui imputabile a titolo di colpa e laddove vi fosse una previsione legislativa del fatto come reato colposo. Nel progetto predisposto dalla commissione Nordio, viene effettuata una rilettura minimalista dell’art. 116 cp, subordinando la punibilità del concorrente per il diverso reato alla configurabilità della condotta quale reato doloso elemento costitutivo di un reato complesso: quello commesso dall’esecutore materiale.
Da ultimo il Progetto Pisapia che, individuata nella suddetta norma una chiara forma di responsabilità oggettiva, opta per una tesi abolizionista: ciascun concorrente avrebbe risposto del reato nei limiti della sua colpevolezza ed in rapporto al contributo effettivamente prestato.

A fronte dell’esito negativo delle soluzioni predisposte nei sopraindicati Progetti, vengono analizzate le proposte di modifica avanzate da dottrina più recente. Dimostrata la impraticabilità tanto di una tesi abolizionista quanto di una soluzione di natura processuale (attraverso la creazione di una norma analoga all’art. 588 del cp) che si risolverebbe in una presunzione assoluta di responsabilità per i soggetti che non vollero il diverso reato, ci si sofferma su una diversa soluzione. Ovvero quella che - in prospettiva della valorizzazione dell’elemento della prevedibilità e dell’evitabilità - alla luce del quale realizza una riforma della intera categoria della responsabilità oggettiva - auspica il mantenimento del terzo criterio di imputazione soggettiva, intermedio tra dolo e colpa, con eventuale applicazione della regola del concorso formale per evitare irragionevoli paradossi. In tal senso si sostiene che un trattamento di maggior rigore dell’ipotesi concorsuale in questione possa essere giustificato solo in una prospettiva eticizzante e di mera riprovevolezza del versari in re illicità un tale tratttamento. Di conseguenza, per attuare completamente il principio di personalità della responsabilità penale è necessario abrogare quanto disposto dall’attuale art. 116 cp, sottoponendo l’intera disciplina concorsuale ai principi generali della responsabilità soggettiva: la fattispecie concreta al momento sussunta sotto l’art. 116 cp, potrebbe (e dovrebbe) trovare legittima sussunzione sotto la disciplina del concoro ordinario, e quindi di imputazione soggettiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I I principi penalistici sanciti in Costituzione Sezione I 1. Principi generali del diritto in materia penale Il ruolo dei ‘principi generali del diritto’, in relazione al sistema giuridico complessivamente considerato, assume fondamentale importanza ai fini di un “consapevole apprendimento della disciplina” e della possibilità di “coglierne tutte le potenzialità di sviluppo 1 : sono i principi ad assicurare l’equilibrio tra le esigenze dinamiche dell’evoluzione normativa (sollecitate dalla realtà sociale) e le esigenze statiche di coerenza della disciplina rispetto agli scopi della regolamentazione. Tale ritenuta connessione tra disciplina normativa e principi giuridici risulta funzionale all’ individuazione dello stesso contenuto regolativo di questi ultimi, sebbene se ne escluda una coincidenza di contenuto con la disciplina: questa non ne esaurirebbe il contenuto, essendo “la disciplina più ricca in quanto a specificazione analitica, ma più ricco il principio in quanto ad indicazioni finalistiche 2 . La questione della genericità di contenuti, connaturata al concetto stesso di principio, assume eminente rilevanza pratica anche in relazione ai principi penalistici - caratterizzati da una sorta di indeterminatezza od incertezza di contenuti: non tanto per una loro generalità, quanto per la loro pretesa ad una efficacia 1 In questo senso e nel senso di una connessione tra ‘principi e disciplina’, cfr. F. PALAZZO, Introduzione ai principi del diritto penale, Torino, 1999: << Ad esempio il principio di soggettività, nel diritto penale, esprime l’esigenza di un collegamento psichico tra fatto criminoso e suo autore: è tale esigenza ad ispirare la la disciplina del c.d. elemento soggettivo del reato e delle sue forme >> 2 Cfr. F.PALAZZO, Introduzione ai principi del diritto penale, Torino, 1999, p. 3 s.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
concorso
responsabilità oggettiva
concorsuale
princìpi
moccia
concorso anomalo
reato diverso
extrema ratio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi