Skip to content

Viral Advertising: Successo prevedibile o variabili aleatorie? Il caso studio TIM

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Marica
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing
  Relatore: Maria Giovanna Devetag
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Le ricerche di marketing tradizionale trovano il loro fondamento sul principio della razionalità degli individui e sui processi consapevoli che essi sono in grado di comprendere, analizzare ed esporre verbalmente. Questionari, interviste e focus group risultano troppo spesso insufficienti per comprendere a fondo le dinamiche che definiscono l’efficacia di una comunicazione. Anche le risposte verbali dei soggetti intervistati in merito alla gradevolezza di una determinata esperienza risultano inadeguate a fornire un quadro completo della loro reale percezione. Infatti, gli strumenti di marketing tradizionale non permettono una descrizione attendibile e puntuale delle emozioni dei consumatori, soprattutto perché spesso sono essi stessi a non averne piena consapevolezza. Ecco perché le analisi di neuromarketing si sono dimostrate complementari dal punto di vista strategico.
La scelta di trattare questo argomento deriva dall’interesse per le applicazioni pratiche della materia: è conoscenza comune che le aziende, per emergere dalla massa di competitor, provino a creare situazioni che spingano i consumatori all’acquisto. Ma quali tecniche sono utilizzate oggi per ottenere i risultati desiderati? Molte di queste restano ancora oggi sconosciute ai più e percepite come situazioni non studiate. Quindi, per avere una panoramica più vasta nasce spontaneo l’interesse verso queste metodologie ed il tentativo di comprenderle.
Va precisato che non si deve intendere il neuromarketing in un’ottica “stand alone” come una disciplina che sia in grado di sostituirsi al marketing tradizionale, bensì bisogna considerarlo come uno strumento complementare che consente agli operatori di marketing di avere ulteriori vie d’indagine: grazie alle neuroscienze applicate al marketing si possono infatti studiare aspetti che per le metodiche tradizionali (quantitative campionarie e qualitative per i focus group) risultano di difficile comprensione.
Il bombardamento mediatico cui siamo sottoposti quotidianamente da differenti canali media, anche nello stesso momento, e la variegata offerta di cui possiamo disporre con facilità, pregiudicano la memorizzazione o l’attaccamento – e la conseguente fedeltà - ad un determinato brand. Le imprese devono ogni giorno di più impegnarsi per prospettare un valore aggiunto rispetto ai propri concorrenti. Di qui l’esigenza di avvicinarsi a questa recente branca dell’economia, che fonde il marketing con le neuroscienze, per arrivare a comprendere cosa davvero il consumatore desidera e per offrirglielo.
Per entrare in contatto con i consumatori e proporre i propri prodotti, le aziende devono integrare ai contenuti razionali quelli che appartengono alla sfera delle emozioni: “il profitto sarà generato dai contenuti emotivi degli stessi prodotti. Le aziende diventeranno proprietarie di storie sui prodotti e sulle marche piuttosto che proprietarie di prodotti e saranno capaci di inserire i nuovi prodotti all'interno delle storie esistenti” (Jensen, 1999).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Questa tesi nasce dal forte interesse personale per i nuovi strumenti di analisi propri del neuromarketing, ma soprattutto per la possibilità di adattarne l’uso e l’utilità a tutti i tipi di azienda, sia questa una piccola impresa o un grande gruppo internazionale. I casi di studio di successo di applicazioni di neuromarketing, tra cui possiamo citare quelli di Procter & Gamble, Google e Microsoft, mi hanno trasmesso anche un interesse di tipo professionale, e gli studi universitari che ho intrapreso mi hanno permesso di approfondire l’argomento. Le ricerche di marketing tradizionale trovano il loro fondamento sul principio della razionalità degli individui e sui processi consapevoli che essi sono in grado di comprendere, analizzare ed esporre verbalmente. Questionari, interviste e focus group risultano troppo spesso insufficienti per comprendere a fondo le dinamiche che definiscono l’efficacia di una comunicazione. Anche le risposte verbali dei soggetti intervistati in merito alla gradevolezza di una determinata esperienza risultano inadeguate a fornire un quadro completo della loro reale percezione. Infatti, gli strumenti di marketing tradizionale non permettono una descrizione attendibile e puntuale delle emozioni dei consumatori, soprattutto perché spesso sono essi stessi a non averne piena consapevolezza. Ecco perché le analisi di neuromarketing si sono dimostrate complementari dal punto di vista strategico. La scelta di trattare questo argomento deriva dall’interesse per le applicazioni pratiche della materia: è conoscenza comune che le aziende, per emergere dalla massa di competitor, provino a creare situazioni che spingano i consumatori all’acquisto. Ma quali tecniche sono utilizzate oggi per ottenere i risultati desiderati? Molte di queste restano ancora oggi sconosciute ai più e percepite come situazioni non studiate. Quindi, per avere una panoramica più vasta nasce spontaneo l’interesse verso queste metodologie ed il tentativo di comprenderle. Va precisato che non si deve intendere il neuromarketing in un’ottica “stand alone” come una disciplina che sia in grado di sostituirsi al marketing tradizionale, bensì bisogna considerarlo come uno strumento complementare che consente agli operatori di marketing di avere ulteriori vie d’indagine: grazie alle neuroscienze applicate al marketing si possono infatti studiare aspetti che per le metodiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi