Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contrasto al terrorismo internazionale e cooperazione giudiziaria nell'UE

La tesi analizza gli aspetti giuridici del fenomeno terroristico, individuando gli sviluppi europei in tal settore ed in specie dall'istituto dell'estradizione all'attuale mandato d'arresto europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE IL 24 Maggio 2016 Gilles de Kerchove, coordinatore dell’anti-terrorismo dell’Unione Europea, in audizione alla Commissione Affari Esteri del Parlamento europeo a Bruxelles dichiarava che mai in Europa ci fu una minaccia terroristica piø acuta e diversificata come ora. Negli ultimi decenni il terrorismo si è infatti manifestato in molteplici modi, adattandosi ai nuovi contesti sociali e traendo benefici dall’utilizzo degli odierni strumenti informatici: lo scenario che ne deriva presenta una realtà drammatica, in cui il “timore dell’ignoto”, percepito a livello globale, obbliga costantemente gli Stati ad introdurre nuovi meccanismi di reazione e prevenzione a tutela del proprio territorio. Pertanto, l’oggetto di questo lavoro sarà il fenomeno terroristico e le decisioni assunte, sia a livello internazionale che europeo, per contrastarlo. Anzitutto, nel primo capitolo, saranno delineati gli aspetti tipici del terrorismo, riprendendo il lungo iter storico che ha, infine, portato alla definizione contenuta all’articolo 1 della decisione-quadro 475/2002/GAI, «sui reati terroristici e sui diritti e principi fondamentali». Verranno esposte, inoltre, le diverse classificazioni di reato terroristico introdotte nel tempo: ad origine il fenomeno è stato trattato quale crimine comune perseguito attraverso le ordinarie categorie di diritto penale e soltanto in tempi recenti i singoli ordinamenti nazionali hanno predisposto qualificazioni autonome codificate da apposite norme e perseguite con pene specifiche. Il secondo capitolo è dedicato al terrorismo “internazionale” e gli strumenti di prevenzione e reazione sinora elaborati: ad oggi, nonostante i lavori svolti dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella lotta

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppina Maria Maggiore Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 676 click dal 24/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.