Skip to content

Il 1848 sulle pagine del ''22 marzo''

Informazioni tesi

  Autore: Diego Caldera
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Storia
  Relatore: Irene Maria Luisa Piazzoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

“Il 22 marzo” fu un quotidiano edito in Milano come organo ufficiale del Governo Provvisorio, instauratosi nella città dopo le Cinque Giornate del 1848. Il giornale è pubblicato dal 26 marzo 1848 al 3 agosto dello stesso anno, quando il ritorno dell’esercito austriaco nel capoluogo lombardo ne segna bruscamente la fine. Alla vigilia delle Cinque Giornate, dopo trent’anni di ferreo regime restaurato, le autorità austriache stavano allargando le maglie della censura, lasciando che il giornalismo italiano tutto si alimentasse dello spirito nazionale unitario ed indipendentista; crescendo per quantità, qualità ed influenza. Dopo la sconfitta nella Prima Guerra d’Indipendenza, la stretta del potere asburgico sulla libertà di stampa e d’espressione a Milano aumenterà anche rispetto al periodo 1815-1848, ma, in quel breve frangente di libertà, il “22 marzo” ed altre voci trovano le proprie radici e motivazioni, reggendosi sulle basi di un movimento giornalistico in ascesa, quello milanese, di un dibattito politico più vivo che mai, quello italiano in generale, oltre che motivandosi con l’ardore rivoluzionario e patriottico. È un foglio molto influenzato dalla storia recente della sua città e simultaneamente molto europeo. Inoltre, racchiude più o meno evidentemente i caratteri ed i toni tipici dell’informazione di quel tempo, applicati alla strana esperienza di un foglio che è al contempo rivoluzionario e governativo, moderato e battagliero, popolare ed aristocratico. Il merito per aver fatto un giornale che, almeno per il primo mese, possa dirsi davvero libero ed equilibrato, va in buona parte al primo direttore: Carlo Tenca (1816 – 1883), letterato e politico milanese dalle posizioni liberali e repubblicane. L’intenzione iniziale dei redattori del quotidiano è divulgare idee, informazioni, commenti e fatti di cronaca «con ispirito conciliativo e conservando più che sia possibile la neutralità». La frase è esplicativa della inusuale compresenza, tra i giornalisti, di figure dalle inclinazioni politiche diametralmente opposte. La proclamazione del plebiscito sull’annessione immediata al Piemonte vede il “22 marzo” calarsi in una nuova veste, profondamente filosabauda. Tenca lascia la redazione e il quotidiano guidato dal nuovo direttore Giuseppe Torelli (1815 – 1866), piemontese, si pone al comando del partito fusionista, con accesi toni antirepubblicani. Torelli è seguace politico di Cavour e dei Savoia e riuscirà a trasformare il quotidiano che Tenca voleva repubblicano nella più importante voce monarchica nella Milano liberata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione “Il 22 marzo” fu un quotidiano edito in Milano come organo ufficiale del Governo Provvisorio, instauratosi nella città dopo le Cinque Giornate del 1848. Il giornale è pubblicato dal 26 marzo 1848 al 3 agosto dello stesso anno, quando il ritorno dell’esercito austriaco nel capoluogo lombardo ne segna bruscamente la fine. Alla vigilia delle Cinque Giornate, dopo trent’anni di ferreo regime restaurato, le autorità austriache stavano allargando le maglie della censura, lasciando che il giornalismo italiano tutto si alimentasse dello spirito nazionale unitario ed indipendentista; crescendo per quantità, qualità ed influenza. Dopo la sconfitta nella Prima Guerra d’Indipendenza, la stretta del potere asburgico sulla libertà di stampa e d’espressione a Milano aumenterà anche rispetto al periodo 1815-1848, ma, in quel breve frangente di libertà, il “22 marzo” ed altre voci trovano le proprie radici e motivazioni, reggendosi sulle basi di un movimento giornalistico in ascesa, quello milanese, di un dibattito politico più vivo che mai, quello italiano in generale, oltre che motivandosi con l’ardore rivoluzionario e patriottico. È un foglio molto influenzato dalla storia recente della sua città e simultaneamente molto europeo. Inoltre, racchiude più o meno evidentemente i caratteri ed i toni tipici dell’informazione di quel tempo, applicati alla strana esperienza di un foglio che è al contempo rivoluzionario e governativo, moderato e battagliero, popolare ed aristocratico. Il merito per aver fatto un giornale che, almeno per il primo mese, possa dirsi davvero libero ed equilibrato, va in buona parte al primo direttore: Carlo Tenca (1816 – 1883), letterato e politico milanese dalle posizioni liberali e repubblicane. L’intenzione iniziale dei redattori del quotidiano è divulgare idee, informazioni, commenti e fatti di cronaca «con ispirito conciliativo e conservando più che sia possibile la neutralità». La frase è esplicativa della inusuale compresenza, tra i giornalisti, di figure dalle inclinazioni politiche diametralmente opposte. La proclamazione del plebiscito sull’annessione immediata al Piemonte vede il “22 marzo” calarsi in una nuova veste, profondamente filosabauda. Tenca lascia la redazione e il quotidiano guidato dal nuovo direttore Giuseppe Torelli (1815 – 1866), piemontese, si pone al comando del partito fusionista, con accesi toni antirepubblicani. Torelli è seguace politico di Cavour e dei Savoia e riuscirà a trasformare il quotidiano che Tenca voleva repubblicano nella più importante voce monarchica nella Milano liberata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi