Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Medio Oriente: Dalla crisi dell'Impero Ottomano ai Regimi Post-Coloniali come focus sull'Egito

Oggetto di questa tesi è l'analisi politica del Medio Oriente moderno, condotta sulla base della teoria dei "livelli di analisi" enunciata nel 1959 da Kenneth Waltz, il padre del Neorealismo che è uno dei più importanti paradigmi delle Relazioni Internazionali (RI). Nel suo celebre saggio The Man, State and War, Waltz categorizza le cause della politica internazionale nei seguenti tre livelli di analisi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Oggetto di questa tesi è l’analisi politica del Medio Oriente moderno, condotta sulla base della teoria dei “livelli di analisi” enunciata nel 1959 da Kenneth Waltz, il padre del Neorealismo che è uno dei più importanti paradigmi delle Relazioni Internazionali (RI). Nel suo celebre saggio The Man, State and War 4 , Waltz categorizza le cause della politica internazionale nei seguenti tre livelli di analisi. Il primo riguarda gli individui e i gruppi responsabili delle decisioni politiche: ad esempio, nel caso della Seconda Guerra Mondiale le cause andrebbero ricercate nei comportamenti di Hitler, di Mussolini, della cricca militare nipponica. Il secondo livello si concentra sul ruolo svolto dall’apparato statale e dalla società nel suo insieme, dando così preminenza a fattori interni di natura politica, sociale, economica, ideologica: il nazismo, il revanscismo tedesco, il fascismo, il militarismo giapponese. Infine, il terzo livello è detto “sistemico” perché riguarda il Sistema Internazionale (SI) nel suo insieme. In questo caso, l’analisi è centrata sulla “struttura” del SI, vale a dire come il potere è distribuito tra le grandi potenze (i cosiddetti “poli”). Quindi nel terzo livello le cause della Seconda Guerra Mondiale andrebbero ricercate nella crisi del sistema multipolare: da una parte la Gran Bretagna non era più in grado di svolgere il suo ruolo tradizionale di garante del balance of power europeo mentre gli Stati Uniti preferivano persistere nella politica dell’isolazionismo disinteressandosi delle vicende europee; dall’altra la Germania, in quanto potenza revisionista, voleva cambiare lo status quo a proprio vantaggio ricorrendo all’uso della forza militare. 4 K. Waltz, The Man, State and War, New York, Columbia University Press (tr. it. L’uomo, lo Stato e le guerre, Milano, Giuffrè, 1998).

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Nabila aly abotaleb El Melegy Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 69 click dal 01/09/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.