Skip to content

I minori stranieri non accompagnati; l'altra faccia dell'immigrazione.

Informazioni tesi

  Autore: Anna Paola Conti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Mariafrancesca D'Agostino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

I minori stranieri non accompagnati (per abbreviazione MSNA) sono una delle categorie più vulnerabili che a oggi si presenta nel contesto europeo. I recenti drammi susseguitosi sulle nostre coste ma non solo (onde evitare stereotipi di mala sorta) hanno accentuato quello che in Italia è in realtà già presente dalla fine degli anni Novanta, ovvero il fenomeno delle immigrazioni minorili. A oggi ritroviamo sostanzialmente minori soli, separati, e richiedenti Asilo. Diverse le nazionalità da cui provengono e diversi i moventi. Il Governo Italiano in quanto organo dello Stato, ha il dovere di garantire al minore che si presenta solo un’adeguata accoglienza, come posto dalla Convenzione ONU sull’infanzia, ratificata e resa esecutiva in Italia dal 1991. Il primo capitolo di questo elaborato, è utile per far capire la realtà delle nuove migrazioni; l’Italia ha capovolto il suo ruolo, è oggi considerata come terra d’approdo e non più terra di partenza. Saranno presi in considerazione i fattori che frequentemente spingono l’individuo a emigrare, rappresentabili attraverso i Pull and Push Factors, ovvero i fattori di spinta e di attrazione, che si differenziano in base al luogo e alla propensione della persona. Dal secondo capitolo in poi, verrà approfondita la figura del Minore straniero non accompagnato. Prima di tutto il fenomeno verrà compreso tramite il numero di MSNA presenti in Italia, e, per una corretta e completa comprensione del fenomeno, saranno approfondite e spiegate le normative che tutelano il fanciullo in questa, purtroppo drammatica situazione. In particolare, sarà approfondito il funzionamento del sistema di accoglienza italiano, e i fondamentali diritti del minore, quali il permesso di soggiorno, la richiesta d’asilo e l’istruzione. In fine, si parlerà del rischio della devianza e della tratta, un argomento di estrema attualità che è amplificato dalla problematica dello sfruttamento e della miseria. Il terzo capitolo poi, sarà incentrato sulla situazione calabrese durante e dopo l’Emergenza Nord Africa, dichiarata tale nel 2011 dall’allora governo Berlusconi e chiusa all’inizio del 2013. Sarà qui approfondita la realtà dei centri e soprattutto la tragicità della Prima Accoglienza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Anno Accademico 2014/2015 CAPITOLO I CONCETTI, DEFINIZIONI E STATISTICHE 1.1 I nuovi migranti: Tra delimitazioni e pregiudizi. I flussi migratori sono oramai presenti in diversi contesti: se ne sente parlare spesso in Tv, i media ci bombardano di notizie sistematicamente ogni giorno. A oggi, le crescenti lotte interne tra Paesi, degrado e persecuzioni ma non solo, hanno ridefinito l’Italia un tempo terra di emigranti, oggi come luogo d’immigrazione. Le migrazioni sono un fenomeno strutturale, ma questo non significa non intervenire con il monitoraggio di questi flussi, è un fenomeno legato alla geopolitica che caratterizza i nostri tempi. Il termine “migrazione”, è definibile come una sorta di abbandono di un dato territorio dove il singolo o il gruppo ha fin ora vissuto per insediarsi in modo permanente o temporaneo in un altro territorio. Questo è discutibile e dipende pressoché dalla lontananza e dalla mobilità che ne è conseguita, nonché dalle cause e dagli effetti che questa comporta. E’ per questo difficile individuare una definizione universale, e soprattutto differire le diverse tipologie di migrante. Secondo la definizione adottata dall’ONU, per immigrato s’intende “una persona che si è spostata in un paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel paese da più di un anno”. Si fa dubbio l’uso e l’interpretazione del termine immigrato per gli appartenenti dell’UE, quali spagnoli, tedeschi e francesi, ma anche per giapponesi e coreani, considerati simili a noi per reddito e benessere sociale, mentre se ne fa largo l’uso per individuare “il diverso”, definibile quasi come un nemico, andando a ingranare pregiudizi di futile rilievo. Ciò scatena spesso ideologie xenofobe, le quali pur in un contesto di forte modernizzazione e contestuale globalizzazione sembrano predominare. I nuovi migranti, fanno parte della categoria che a oggi rispecchia perfettamente questa idea, pregiudizio e antagonismo etnico sono profondamente radicati in questa era, seppur precedenti alla moderna invenzione delle razze (Zanfrini L, Sociologia della convivenza interetnica, p.77). Essi sono spesso individuati come criminali e stupratori, discriminati per il colore della pelle e accusati di rubare il lavoro agli autoctoni 1 . Vi sono diverse ragioni che spingono l’individuo o il gruppo ad emigrare, alcune delle quali comprensibili secondo lo schema Pull and Push Factors. 1 Vedi http://www.lenius.it/bufale-sugli-immigrati/ (Ultima consultazione 25.06.2015)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
accoglienza
calabria
unical
richiedenti asilo
mediatore culturale
minori non accompagnati
minori stranieri non accompagnati
protezione internazionale
msna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi