Skip to content

Passi danzanti sul ciglio della strada. Disegnare, abitare, attraversare il limite nelle performance rituali del dramma sociale

Informazioni tesi

  Autore: Alice Colombo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Francesca Antonacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

Dove si trovano due esseri umani pronti a vivere l’uno accanto all’altro e ad intrattenere rapporti di buon vicinato, vi è una società. Agli albori della sua filogenesi, infatti, la società non è altro che un’aggregazione di pochi consanguinei, costretti a condividere lo stesso rifugio naturale per salvaguardarsi dalle intemperie e a darsi delle regole affinché nessuno possa ledere immotivatamente all’altro. Migliaia di anni di albe e tramonti hanno portato con loro un numero spropositato di variabili e clausole, che hanno innescato nella società la necessità di muoversi, per non dissolversi sotto la pulsione di questi stimoli.
Uno dei frutti della serie di assimilazioni e accomodamenti succedutisi nel tempo è la società occidentale contemporanea. Descriverla è impossibile: troppi gli elementi che la compongono, troppa la velocità a cui mutano. I protagonisti di questa storia faticano a tenere dietro allo svolgimento della sua trama, che spesso si affrettano a rincorrere senza domandarsi la direzione in cui stanno andando o la meta che si propongono. Si nasce su una strada di cui non si vede la fine e pertanto si dà per scontato che sia infinita; ma se per caso o per sbaglio un inciampo o una matta idea di fermarsi a bighellonare interrompono la corsa, ecco che ci si ritrova smarriti proprio perché di fronte ad un limite, il limite a cui non si è abituati e che riporta di colpo alla finitezza e alla transitorietà della presenza individuale nel mondo.
Alla richiesta di cittadinanza sulla terra, in qualche caso si risponde compiendo una mossa avventata, che metta in discussione la propria presenza fisica per ricevere la convalida di essere legittimi possessori del posto che si occupa. Oppure si può gettare lo sguardo all’indietro, dislocare il proprio punto di vista e domandarsi se effettivamente vivere all’interno di questa società comporti assiomaticamente la rincorsa verso quel qualcosa di indicibile ed inafferrabile, che è prezioso solo perché un uomo senza volto ha detto che lo è. Se si inizia a guardare alla vita sociale come ad un processo composto da piccole e semplici unità di sviluppo, è possibile tradurre il materiale del mondo della vita in una forma differente. Le performance del dramma sociale assolvono a questo compito, osservando la realtà per poi agirla artisticamente. Richiami, rimandi, ammiccamenti reciproci squadernano poco a poco il nocciolo sociale che fino a qualche istante prima era sembrato insondabile, proponendo la possibilità di portare alla luce aspetti di significato che altrimenti sarebbero rimasti sepolti per sempre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Dove si trovano due esseri umani pronti a vivere l’uno accanto all’altro e ad intrattenere rapporti di buon vicinato, vi è una società. Agli albori della sua filogenesi, infatti, la società non è altro che un’aggregazione di pochi consanguinei, costretti a condividere lo stesso rifugio naturale per salvaguardarsi dalle intemperie e a darsi delle regole affinché nessuno possa ledere immotivatamente all’altro. Migliaia di anni di albe e tramonti hanno portato con loro un numero spropositato di variabili e clausole, che hanno innescato nella società la necessità di muoversi, per non dissolversi sotto la pulsione di questi stimoli. Uno dei frutti della serie di assimilazioni e accomodamenti succedutisi nel tempo è la società occidentale contemporanea. Descriverla è impossibile: troppi gli elementi che la compongono, troppa la velocità a cui mutano. I protagonisti di questa storia faticano a tenere dietro allo svolgimento della sua trama, che spesso si affrettano a rincorrere senza domandarsi la direzione in cui stanno andando o la meta che si propongono. Si nasce su una strada di cui non si vede la fine e pertanto si dà per scontato che sia infinita; ma se per caso o per sbaglio un inciampo o una matta idea di fermarsi a bighellonare interrompono la corsa, ecco che ci si ritrova smarriti proprio perché di fronte ad un limite, il limite a cui non si è abituati e che riporta di colpo alla finitezza e alla transitorietà della presenza individuale nel mondo. Alla richiesta di cittadinanza sulla terra, in qualche caso si risponde compiendo una mossa avventata, che metta in discussione la propria presenza fisica per ricevere la convalida di essere legittimi possessori del posto che si occupa. Oppure si può gettare lo sguardo all’indietro, dislocare il proprio punto di vista e domandarsi se effettivamente vivere all’interno di questa società comporti assiomaticamente la rincorsa verso quel qualcosa di indicibile ed inafferrabile, che è prezioso solo perché un uomo senza volto ha detto che lo è. Se si inizia a guardare alla vita sociale come ad un processo composto da piccole e semplici unità di sviluppo, è possibile tradurre il materiale del mondo della vita in una forma differente. Le performance del dramma sociale assolvono a questo compito, osservando la realtà per poi agirla artisticamente. Richiami, rimandi, ammiccamenti reciproci squadernano poco a poco il nocciolo sociale che fino a qualche istante prima era sembrato insondabile, proponendo la possibilità di portare alla luce aspetti di significato che altrimenti sarebbero rimasti sepolti per sempre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

performance
rischio
rito
limite
confini
arti performative
dramma sociale
victor turner
liminalità
gruppo stella

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi