Skip to content

Cosa Nostra struttura di peccato

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Curzio Fasani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Facoltà teologica di Milano, distaccamento di Crema
  Facoltà: Teologia
  Corso: Teologia
  Relatore: Bruno Bignami
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Come mai Filippo Marchese, prima di torturare, strangolare e sciogliere nell’acido una vittima, come gli era stato ordinato dalla cosca mafiosa dominante, invocava la benedizione di Dio? Come è possibile che in Sicilia, una terra devota, strettamente legata al cristianesimo per fede e tradizione, sia nato e continui a vivere il fenomeno mafioso? «Tutti noi uomini d’onore pensiamo di essere cattolici. Cosa Nostra vuol farla risalire all’apostolo Pietro», spiega il pentito Leonardo Messina. I pericolosi incroci tra crimine organizzato e cristianesimo sono deformazioni singole di squilibrati o vi è un più complesso equivoco culturale e simbolico da smascherare? La Chiesa, nel Magistero e nella teologia che esprime, possiede un linguaggio e un’analisi capaci di rendere evidenti le contraddizioni insite nel fenomeno «mafia»? Può una testimonianza di vita Cristiana autentica colpirne al cuore le ambiguità?
Le riflessioni che seguono presentano, in prima istanza, una definizione di Cosa Nostra e una descrizione della sua struttura organizzativa e del complessivo sistema che le consente di essere presente sul territorio come realtà riconoscibile, unita, con propri riferimenti culturali e simbolici, capace di suscitare adepti e porsi come sistema “messianico” realmente in grado di cambiare in meglio la vita dei singoli. La seconda parte del lavoro si sofferma sulla categoria che dal Magistero è stata utilizzata per definire la Mafia: struttura di peccato. Si accenna brevemente alle corrispondenze del linguaggio teologico che permettono di entrare con una maggior precisione nel sistema mafioso e di smascherarne le logiche e le peccaminose diffusioni di male. In particolare ci si sofferma sullo stretto rapporto tra la cultura mafiosa e una forma di religiosità in qualche modo collegata ai contenuti e alle tradizioni popolari nate dal Cristianesimo. Si vuol dimostrare che esiste, all’interno della cultura mafiosa, una struttura di peccato che deforma i contenuti originariamente cristiani e li utilizza per ammantare di religiosità una violenza che le appartiene e che necessita di approvazione e sostegno per garantirsi nel tempo una continuità di potere violento.
La terza e ultima parte presenta la vita e la testimonianza di padre Pino Puglisi che, strettamente collegata al Vangelo, diventa capace di accelerare, nelle persone appartenenti alla comunità siciliana, la consapevolezza diffusa del fatto che l’organizzazione mafiosa sia nettamente contro i principi dettati dal cattolicesimo.
La testimonianza di don Puglisi ha a tal punto preoccupato i boss delle cosche, che questi hanno deciso di eliminarlo. La sua pastorale studiata e compresa fino in fondo può esprimere un efficace accompagnamento a favore di chi è schiacciato da questa potente organizzazione criminale. Dopo il martirio di padre Puglisi nascono i primi passi di una teologia decisa a studiare i rapporti culturali tra mafia e Cristianesimo. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 2. COSA NOSTRA. ORGANIZZAZIONE E STRUTTURA Il fenomeno criminale organizzato è stato letto soprattutto attraverso due paradigmi interpretativi: quello socio-culturale, che evidenzia il legame pseudo- etico e di mentalità del sistema organizzato e che genera consensi e motivazioni d’appartenenza, e quello economico affaristico, che legge l’organizzazione criminale come un sistema strutturato di affari. Al fine di ricostruire le logiche, il retroterra culturale e le radici dell’organizzazione mafiosa, tentando di analizzarne i perni ideologici, si premette un accenno alla struttura organizzativa interna di Cosa Nostra. 2.1. Organizzazione interna Un aspetto particolarmente interessante del fenomeno mafioso riguarda la struttura interna delle famiglie criminali e i rapporti tra le cosche. La gerarchia interna delle famiglie mafiose siciliane, secondo le principali testimonianze di numerosi collaboratori di giustizia, è costituita al livello più basso dagli uomini d’onore che rivestono il ruolo di soldati, organizzati in gruppi, detti decine, la cui consistenza numerica può variare tra i cinque e i trenta elementi. A capo di ogni decina si trova il capodecina, mentre al vertice dell’organizzazione opera il rappresentante o capofamiglia. Una famiglia presenta quindi un’organizzazione modulare e fortemente verticale: al crescere del numero dei membri vengono costituite nuove decine a fianco di quelle già esistenti, mentre le linee esecutive discendono dal rappresentante, al capodecina, ai soldati. «L’asse capofamiglia/capidecina/soldati costituisce la struttura di comando ed esecutiva della famiglia mafiosa.» 5 Oltre alla struttura esecutiva possiamo individuare una seconda struttura, che assolve compiti propriamente di decisione e di indirizzo. Perno di essa è il consiglio, cui partecipano il rappresentante e i consiglieri, e a cui in particolari circostanze possono essere invitati i capidecina. Il numero dei consiglieri non supera in genere i tre elementi nelle famiglie più numerose, e molto spesso vi è un solo consigliere che affianca il rappresentante. La gestione dei soldati ricade sui capidecina, che svolgono in questo senso un ruolo fondamentale nella selezione e nell’educazione dei membri dell’organizzazione mafiosa. Il consigliere svolge compiti di non facile inquadramento, e sembra costituire un tentativo di mantenere, e nello stesso tempo circoscrivere, una certa dialettica all’interno di un’organizzazione fortemente verticistica, entro cui il ruolo del rappresentante/capofamiglia è certamente prioritario in ogni momento decisionale. Così il consigliere si assume tanto il compito di dirimere le liti 4 U. SANTINO - G. LA FIURA, L’impresa mafiosa, Franco Angeli, Milano, 1990, 18-19. 5 P. ARLACCHI, ed., Secondo rapporto sulle priorità nazionali. La criminalità organizzata, Arnoldo Mondadori, Milano 1995, 50.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

morale
teologia
dio
cosa nostra
martiri
don pino puglisi
mafia e cristianesimo
padre puglisi
struttura di peccato
idolatria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi