Skip to content

L'allenamento della forza nei lanci dell'atletica leggera

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Magris
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Scienze Nautiche
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Adriano Sappa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Questa tesi nasce da una curiosità e ammirazione verso il mondo dei lanci dell’atletica, un mondo intricato e complesso, fatto di atleti completi dal punto di vista delle capacità coordinative, condizionali e psicologiche, atleti capaci di gestire carici immensi nelle esercitazioni della pesistica olimpica e capaci di accelerare all’inverosimile un attrezzo di pochi kili lanciandolo a distanze pari a decine di metri. Il primo contatto con il mondo dei lanci dell’atletica l’ho avuto conoscendo l’atleta Marco Lingua, martellista a livello internazionale, in passato appartenente al G.S. Fiamme Gialle, con un primato stagionale di 77,23 metri, ambendo ad una partecipazione ai campionati del mondo di Londra che si terranno dal 4 al 13 Agosto. Marco è un martellista che, in passato, ha vinto anche un titolo italiano assoluto di sollevamento pesi nella categoria +105. Ci siamo incontrati per la prima volta a Cervignano Del Friuli (UD) nel 2010 ad un campionato italiano assoluto di sollevamento pesi, dove ho un vivido ricordo di Marco che, chiamato sul podio per il terzo posto dello strappo rimane sconcertato, in quanto non si è reso conto che avevo effettuato uno strappo con 130 kg, stabilendo il record italiano di strappo U17, ora detenuto da Vinci Alessandro, misura che Marco aveva sbagliato per due volte, così superandolo. Da qui nacque un rapporto di profonda stima reciproca, in quanto atleti di alto livello e persone umili e semplici. Queste tesi vuole essere una panoramica sui lanci dell’atletica, ponendo maggiormente l’attenzione sugli esercizi per lo sviluppo di forza massima ed esplosiva, a cui sono particolarmente affezionato, senza tralasciare gli aspetti di tecnica esecutiva, di forza speciale, di programmazione e quelli legati alla miologia e neurofisiologia che sono, tutti quanti, indispensabili per una completa analisi del modello prestativo del lanciatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 La forza muscolare Cenni sul sistema neuromuscolare Alla base di ogni movimento dei segmenti corporei c’è l’azione dei muscoli striati o scheletrici. La contrazione dei muscoli produce forza e velocità, due parametri che apparentemente dissociati tra di loro, tuttavia sono prodotti dallo stesso sistema: il sistema neuromuscolare. La forza e la velocità di spostamento di un dato carico dipende dall’ entità del carico esterno. Il sistema neuromuscolare, come lascia intuire la denominazione dello stesso, è composto da sistema nervoso e sistema muscolare. Il muscolo può contrarsi solo successivamente ad una stimolazione proveniente dalla corteccia motoria primaria, filtrato da altre strutture corticali quali cervelletto e tronco encefalico, e attraverso il primo motoneurone o alfa motoneurone nel midollo spinale e il secondo motoneurone o gamma motoneurone raggiungerà le fibre muscolari innervate. La fibra muscolare è composta da sarcomeri, che al suo interno contengono le miofibrille a loro volta composte da due tipologie di miofilamenti: quelli spessi sono formati da miosina, mentre quelli fini sono formati da actina, tropomiosina e troponina (Fig. 2.1). I due tipi di miofilamenti, alla ricezione del segnale dal secondo motoneurone, si uniscono formando il “ponte actomiossinico” e le fibre di actina scorreranno su quelle di miosina, avvicinandosi al centro del sarcomero, quindi provocando un accorciamento dei sarcomeri delle fibre muscolari innervate dallo stesso gamma motoneurone. L’insieme delle fibre muscolari innervate dallo stesso motoneurone e il motoneurone stesso sono chiamate unità motoria (Fig. 2.2). Unità motorie con poche fibre eseguiranno dei movimenti molto precisi, per esempio quelli dell’occhio, mentre le unità motorie con molte fibre eseguiranno dei movimenti grossolani, per esempio flesso estensione della gamba, o per interventi posturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi