Skip to content

Gli orizzonti della ragione: Logos e Caos nel cinema visionario di Stanley Kubrick

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Riccardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giovanna Zaccaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Una tesi che risulta essere quasi un invito alla visione del cinema di questo regista, ma che maggiormente pretende di essere un saggio che avrà la presunzione di capire veramente quanto e come la sensibilità di Stanley Kubrick sia riuscito a cogliere la sottile differenza che divide la ragione dalla follia, l’etica dall’estetica, il logos dal caos, la razionalità dalla ragionevolezza, l’uso estremo della ratio fino alla sua catastrofica - o salvifica - crisi; in definitiva quanto e come, Kubrick sia riuscito ad evidenziare fin dove gli orizzonti della ragione possano realmente spingersi.
Nella tesi si analizzerà e discuterà delle tecniche cinematografiche che hanno reso Kubrick innovativo e soprattutto geniale, delle tematiche predominanti nei film del cineasta, analizzando alcune pellicole in ordine esclusivamente tipologico e non cronologico, e delle nuove mete che Kubrick offre tramite i suoi film, cercando di scardinare i pregiudizi che nel corso degli anni sono stati apposti sulla sua figura, instaurando un clima ottimistico nei confronti delle intenzioni di un regista tutt’altro che negativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Affrontare una tesi su Stanley Kubrick e il suo cinema vuol dire immergersi in un mare tempestoso in cui nuotare è arduo per la vastità delle acque. Non solo: la mole immensa già esistente di scritti, saggi, monografie, analisi strutturali, critiche stilistico-formali, pongono qualsiasi scrittore che voglia intraprendere un’approfondita conoscenza delle opere kubrickiane, in una difficile posizione. Da un lato, c’è il rischio di incepparsi in ovvietà tanto scontate quanto monotone; dall’altro c’è il consapevole presentimento di sfociare in derive pretenziose, fasulle, provocate da suggestioni inequivocabili solo in apparenza. Il regista del Bronx inoltre ha una sua del tutto peculiare caratteristica, e cioè di essere, in tutte le sue 13 opere, mai totalmente compiuto: ogni sua pellicola è infatti tipicamente snodata in una moltitudine di chiavi interpretative che molto spesso rendono l’oggettivo messaggio sotteso nel film, una struttura che si riversa nella contingenza dell’opinabile. E lo spettatore ponendosi davanti alle monumentali imprese di Kubrick necessita di un impegno tale, per comprendere fino in fondo il valore o la struttura stessa del film, che non può fare a meno di diramare una concatenazione logica che riesca a dare un senso a ciò che ha visto o anche solo appena visto. Citazioni, riferimenti ipertestuali o intertestuali, rimandi ad altre arti, rendono il tutto ancora più complesso di quanto illusoriamente possa sembrare. Risulta così evidente come la carriera di Kubrick regista sia un amplesso concettuale che va oltre la Settima Arte stessa. Ed è proprio questo che rende questa tesi triennale di difficile stesura: la sua continua apertura verso mondi inesplorati o non esplorati abbastanza, i suoi percorsi tortuosi, le sue stupefacenti iconografie del mondo reale talora semplificato in immagini simbolo, talora amplificato attraverso sequenze complesse o tecniche straordinariamente originali. L’alto quoziente di difficoltà previsto, non ha però fatto cessare quasi a nessuno la voglia di provare tale impresa: e tanto meno la volontà di affondare i miei pensieri nel cinema, o in un cinema che riflette sul cinema stesso, come nel caso di Kubrick, mancherà mai. Nonostante l’inevitabile consapevolezza di essere poco originale, la mia tesi su questo artista credo che non manchi di un tocco autoriale di non poca importanza, che permetterà di non abbordare mai nel banale, e che sarà comprensibile solo attraverso la lettura dei tre capitoli, quasi come se si dovesse raggiungere la meta di un viaggio da cui né si vorrà né si potrà ritornare. Perché giungere alla conoscenza di Stanley Kubrick provoca mutamenti, e svelarne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi