Skip to content

L'immagine della donna: un confronto tra proverbi italiani e chengyu cinesi

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Gianni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Comunicazione interculturale
  Relatore: Mario Barenghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Il proverbio è un patrimonio culturale che rappresenta la continuità della memoria, è un condensato lapidario che trae origine dall’esperienza di una comunità ed è un’affermazione che ammonisce, sentenzia, chiude il discorso. I proverbi possono essere massime veritiere ed incontestabili oppure considerazioni opinabili; comunque sempre utili per riflettere.
Non si sa con certezza quando essi si siano formati; dal momento che sono nati come forma orale non si possono documentare le prime attestazioni. Quello che è verificabile, però, è che varie culture se ne sono servite per tramandare la propria storia e i propri usi e costumi, e il loro successo è constatabile attraverso l’ampia varietà di raccolte paremiografiche che si possono reperire in qualsiasi biblioteca o libreria; nel corso di questa tesi ne verranno citate alcune.
I proverbi trattano gli argomenti più svariati: dai consigli sui lavori agricoli alle prese in giro sulla suocera. In questa tesi si è deciso di indagare su un argomento in particolare: l’immagine della donna, sia perché è il tema più trattato dai proverbi; sia perché appartenendo io stessa a questo genere, era quello su cui verteva maggiormente il mio interesse.
I proverbi sono il frutto della conoscenza popolare, e quindi rispecchiano il contesto storico al quale appartengono. Purtroppo però la storia non è mai stata molto favorevole nei confronti della figura femminile: la disuguaglianza di genere affonda le radici già nelle prime organizzazioni sociali umane, e sebbene ci siano stati progressi in campo politico, sociale ed economico, ancora oggi, nelle società più sviluppate, il piatto della bilancia pende dalla parte maschile.
Questa condizione ha dato vita agli stereotipi, ovviamente in senso negativo, sulla donna e tutto ciò è ben radicato nei proverbi.
Tutto questo non riguarda solo l’Italia o le società europee in generale, ma una situazione molto simile si ritrova in un paese molto lontano dal nostro: la Cina.
Anche la società cinese ha sempre denigrato la figura della donna, come si può vedere dalle sue espressioni paremiache: i chengyu, composti generalmente da quattro caratteri ricavati dall’esperienza e dalla saggezza cinese.
Il primo capitolo si divide in due parti: nella prima spiego cosa si intende per “proverbio” e nella seconda cosa sono i “chengyu”. Ho analizzato il modo in cui essi sono composti e come si sono formati a partire dalle attestazioni che sono state trovate in merito, ho rivolto lo sguardo alle questioni linguistiche e ho spiegato la morfologia, la metrica e le caratteristiche dei proverbi avvalendomi di qualche esempio.
Successivamente ho affrontato la storia del proverbio, ricostruendo prima nell’ambito mondiale la nascita o diciamo il ritrovamento dei primi proverbi; poi ho trattato brevemente lo sviluppo del proverbio nelle antiche civiltà, nella Grecia classica poi nel mondo latino. Da questo punto sono partita per seguire lo sviluppo del proverbio nel territorio italiano fino ai giorni nostri.
Dal momento che la storia antica del proverbio è già stata trattata nella prima parte del capitolo, nella parte sui chengyu mi sono limitata ad iniziare il percorso storico dalle prime attestazioni dei proverbi cinesi, ovvero quelli di argomento agricolo e meteorologico; passando per i Classici confuciani fino ai giorni nostri.
Il secondo capitolo è incentrato sul modo in cui la donna era vista e sul percorso che essa ha avuto in entrambe le società, ovvero da quando era considerata un “peso” per la famiglia, fino a quando ha iniziato ad ottenere i primi risultati verso l’emancipazione femminile.
Nel terzo capitolo analizzo il modo in cui la donna era vista all’interno della società attraverso i chengyu, e grazie ad alcuni esempi spiego come doveva agire e apparire per riscuotere i favori dell’altro sesso.
Infine mi sono occupata degli stereotipi presenti nella cultura italiana, e ho analizzato come quest’ultima vedeva la donna attraverso i proverbi presenti nelle varie raccolte paremiografiche.
Nel corso della mia ricerca ho imparato a conoscere più profondamente la cultura italiana e quella cinese, notando affinità tra le due.
Certo il tema della mia tesi non porta a giudicare queste due culture in termini lusinghieri dato il modo in cui entrambe rappresentano la figura femminile; rispecchiando la mentalità dell’epoca, infatti, i proverbi sono pregni di giudizi negativi e di stereotipi sulla donna, e non essendosi rinnovati e aggiornati andando al passo col progresso in campo femminista, tutt’oggi lasciano passare un messaggio negativo a riguardo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il proverbio è un patrimonio culturale che rappresenta la continuità della memoria, è un condensato lapidario che trae origine dall’esperienza di una comunità ed è un’affermazione che ammonisce, sentenzia, chiude il discorso. I proverbi possono essere massime veritiere ed incontestabili oppure considerazioni opinabili; comunque sempre utili per riflettere. Non si sa con certezza quando essi si siano formati; dal momento che sono nati come forma orale non si possono documentare le prime attestazioni. Quello che è verificabile, però, è che varie culture se ne sono servite per tramandare la propria storia e i propri usi e costumi, e il loro successo è constatabile attraverso l’ampia varietà di raccolte paremiografiche che si possono reperire in qualsiasi biblioteca o libreria; nel corso di questa tesi ne verranno citate alcune. I proverbi trattano gli argomenti più svariati: dai consigli sui lavori agricoli alle prese in giro sulla suocera. In questa tesi si è deciso di indagare su un argomento in particolare: l’immagine della donna, sia perché è il tema più trattato dai proverbi; sia perché appartenendo io stessa a questo genere, era quello su cui verteva maggiormente il mio interesse. I proverbi sono il frutto della conoscenza popolare, e quindi rispecchiano il contesto storico al quale appartengono. Purtroppo però la storia non è mai stata molto favorevole nei confronti della figura femminile: la disuguaglianza di genere affonda le radici già nelle prime organizzazioni sociali umane, e sebbene ci siano stati progressi in campo politico, sociale ed economico, ancora oggi, nelle società più sviluppate, il piatto della bilancia pende dalla parte maschile. Questa condizione ha dato vita agli stereotipi, ovviamente in senso negativo, sulla donna e tutto ciò è ben radicato nei proverbi. Tutto questo non riguarda solo l’Italia o le società europee in generale, ma una situazione molto simile si ritrova in un paese molto lontano dal nostro: la Cina. Anche la società cinese ha sempre denigrato la figura della donna, come si può vedere dalle sue espressioni paremiache: i chengyu, composti generalmente da quattro caratteri ricavati dall’esperienza e dalla saggezza cinese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donna
proverbi
cinese
cinesi
proverbio
chengyu
yanyu

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi