Skip to content

Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

Informazioni tesi

  Autore: Giuliano Rigatti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Giannelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 249

Lo shadow banking system è il sistema di intermediazione creditizia che coinvolge entità ed attività al di fuori del sistema bancario regolare e regolamentato. Esso può, da un lato, generare rischi di natura sistemica, come osservato nel contesto della crisi finanziaria, dall’altro, rappresentare una fondamentale fonte di finanziamento alternativa al circuito bancario per l’economia reale (in tal senso «A boon and Bane for financial system»).
Le recenti misure adottate dalla Commissione Europea, nonché dal legislatore italiano a partire dal 2014, testimoniano un significativo mutamento d’approccio rispetto a tale forma di finanza extra-bancaria. Accanto alle azioni adottate negli anni subito successivi alla crisi finanziaria, volte ad incrementare la trasparenza delle operazioni poste in essere al di fuori del perimetro regolamentare, e, dunque, a contenere i potenziali rischi per la stabilità sistemica, le recenti misure volte alla liberalizzazione di nuove forme di finanziamento alternative dimostrano che il legislatore ha ben compreso la necessità di giungere ad un compromesso sostenibile nel quale tradurre un bilanciamento tra le due opposte esigenze: da un lato una regolamentazione volta a garantire la stabilità finanziaria, dall’altro l’esigenza di non restringere la liquidità a disposizione dello shadow banking, al fine di ampliare il novero delle fonti di finanziamento alternative.
Con un sguardo in chiave comparatistica si osserverà, inoltre, il fenomeno nella sua veste orientale, in Cina, ove, seppur con differenze profonde in termini di determinanti politico-culturali e di prodotti finanziari offerti, la natura del fenomeno, intesa come efficienza adattativa rispetto alla domanda di risorse finanziarie, non risulta troppo dissimile rispetto al contesto europeo. Parzialmente differente, seppur con taluni timidi segnali di liberalizzazione di fondi alternative di finanziamento, risulta invece essere l’approccio del legislatore cinese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il sistema finanziario globale, per sua natura intrinseca dinamico e mutevole, ha, storicamente, alterato le sue caratteristiche e strutture in base alle esigenze dell’economia e agli sviluppi sociali. Ciò è ancor più vero negli ultimi decenni in cui il sistema di intermediazione bancaria tradizionale ha subito profondi cambiamenti ed è stato posto dinanzi a sfide da cui non sempre ne è uscito vincente. L’elemento caratterizzante tale cambiamento può essere descritto con un solo termine: “disintermediation”. Questa espressione si traduce nella emarginazione delle banche dal ruolo tipicamente rivestito nella catena di intermediazione del credito e nell’affermazione di un sistema bancario ombra che, specularmente, ha assunto un ruolo sempre più rilevante nel contesto dei sistemi finanziari globali. La locuzione che dà il titolo alla presente trattazione – shadow banking – è soventemente utilizzata per descrivere qualsivoglia tipologia di intermediazione del credito - intesa come attività di sintesi tra l’offerta e la domanda di risorse finanziarie - posta in essere al di fuori del perimetro del sistema bancario (in tal senso disintermediation) “regolare” e “regolamentato” e, dunque, non soggetta alla normativa ed alla vigilanza prudenziale prevista, invece, per gli istituti bancari. Invero, la locuzione shadow banking non rispecchia l’impiego della più elevata delle tecniche giuridiche definitorie che derivano la descrizione puntuale di un fenomeno dalla sua analisi critica. La terminologia, tuttalpiù, ha una derivazione che potremmo definire, non già giuridica, bensì “letterario-giornalistica”, la quale, solitamente, non viene impiegata dal legislatore nazionale od internazionale nella formulazione delle disposizioni giuridiche che, in quanto tali, devono garantire una descrizione veritiera e dettagliata, nonché chiara, della norma contenuta e, da ultimo, dell’oggetto delle stesse. Il fatto che il Financial Stability Board (FSB), ovvero la Commissione Europea (CE) - giusto per citare alcune delle istituzioni coinvolte - abbiano deciso di utilizzare la suddetta espressione per dare un “nome al protagonista” dell’immensa produzione normativa degli ultimi anni, costituisce di per sé un motivo di riflessione. A ben vedere, in realtà, non è la prima volta che “immagini morali/letterarie” sono utilizzate nel contesto della regolamentazione finanziaria. La riforma del Glass-Steagal Act (1933), risposta del Congresso americano alla crisi finanziaria del 1929, fu promossa, nei famosi “fireside chats” dell’allora presidente F.D. Roosevelt, non già

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sistema bancario
ombra
regolamentazione finanziaria
shadow banking
riserva di attività bancaria
106 tub

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi