Skip to content

In Zloty we trust, don't we?

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Polo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Francesco Giavazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

Le motivazioni di questo lavoro conclusivo della laurea triennale sono nate principalmente da aspetti personali e sono riconducibili a tre canali fondamentali nei quali l’università Bocconi mi ha condotto: il primo riguarda l’ammissione al progetto di scambio “Erasmus” alla Szkoła Główna Handlowa w Warszawie (Warsaw School of Economics) che ho frequentato per cinque mesi, il secondo è la formalizzazione di uno stage curriculare presso un’azienda biomedica nel centro aziendale di Varsavia e il terzo è l’approccio rigorosamente quantitativo che il corso di laurea in Economia e Scienze Sociali mi ha insegnato. Queste tre salde colonne che ho vissuto in prima persona, unite alla curiosità per un Paese in espansione finalmente sotto la bandiera democratica dopo secoli di traumi geopolitici, mi ha portato ad effettuare un’analisi matematica sui fattori economici del Paese insieme ad una minima conoscenza del tessuto economico, sociale e politico che ho potuto toccare durante le opportunità fornitemi dall’Università.
Lo scopo di questo lavoro finale è quello di creare i dati storici mancanti dell’entrata nell’Euro della Polonia nel 1998: simulando questo avvenimento possiamo comprendere come le variabili economiche basilari di riferimento potrebbero essersi mosse. Non essendo l’economia una scienza esatta, non abbiamo la presenza di dati sperimentali da poter confrontare senza margini di errore, dobbiamo, invece, avvalerci di una simulazioni di questi dati; in questo caso utilizziamo il metodo del controllo sintetico di Abadie, Diamond, Hainmueller che attraverso l’algoritmo creato per Stata “crea questi dati osservazionali non osservati” per la Polonia entrante nell’Euro. Appunto, come controllo sintetico, attraverso una combinazione lineare di Stati facenti parte dell’Eurozona si simula, minimizzando l’errore, il trend storico polacco in presenza di moneta unica europea. L’avvalersi di questo metodo rigorosamente basato su concetti matematici permette di commentare, comunque empiricamente, ma su basi solide, un finto avvenimento storico per valutare se le scelte effettuate dai policy makers si sono rilevate apprezzabili o contestabili. In generale, dalla mera analisi quantitativa, si evince che la scelta del mantenimento della valuta domestica ha giovato alla situazione economica, sociale e politica del Paese. Dal punto di vista qualitativo, la scelta sembra essere storicamente corretta visto l’andamento graduale di crescita del Paese non ancora su valori medi di competitività europei.
Nel 1998 l’adesione sarebbe stata senza dubbio troppo prematura e ora, nel 2014, l’avvicinamento ai requisiti per entrare nell’Euro è sempre più concreto, dunque risulta importante analizzare i dati storici, di cui sotto, per poter fare analisi con solide basi per il futuro di questo grande Paese in espansione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Abstract Le motivazioni di questo lavoro conclusivo della laurea triennale sono nate principalmente da aspetti personali e sono riconducibili a tre canali fondamentali nei quali l’università Bocconi mi ha condotto: il primo riguarda l’ammissione al progetto di scambio “Erasmus” alla Szkoła Główna Handlowa w Warszawie (Warsaw School of Economics) che ho frequentato per cinque mesi, il secondo è la formalizzazione di uno stage curriculare presso un’azienda biomedica nel centro aziendale di Varsavia e il terzo è l’approccio rigorosamente quantitativo che il corso di laurea in Economia e Scienze Sociali mi ha insegnato. Queste tre salde colonne che ho vissuto in prima persona, unite alla curiosità per un Paese in espansione finalmente sotto la bandiera democratica dopo secoli di traumi geopolitici, mi ha portato ad effettuare un’analisi matematica sui fattori economici del Paese insieme ad una minima conoscenza del tessuto economico, sociale e politico che ho potuto toccare durante le opportunità fornitemi dall’Università. Lo scopo di questo lavoro finale è quello di creare i dati storici mancanti dell’entrata nell’Euro della Polonia nel 1998: simulando questo avvenimento possiamo comprendere come le variabili economiche basilari di riferimento potrebbero essersi mosse. Non essendo l’economia una scienza esatta, non abbiamo la presenza di dati sperimentali da poter confrontare senza margini di errore, dobbiamo, invece, avvalerci di una simulazioni di questi dati; in questo caso utilizziamo il metodo del controllo sintetico di Abadie, Diamond, Hainmueller che attraverso l’algoritmo creato per Stata “crea questi dati osservazionali non osservati” per la Polonia entrante nell’Euro. Appunto, come controllo sintetico, attraverso una combinazione lineare di Stati facenti parte dell’Eurozona si simula, minimizzando l’errore, il trend storico polacco in presenza di moneta unica europea. L’avvalersi di questo metodo rigorosamente basato su concetti matematici permette di commentare, comunque empiricamente, ma su basi solide, un finto avvenimento storico per valutare se le scelte effettuate dai policy makers si sono rilevate apprezzabili o contestabili. In generale, dalla mera analisi quantitativa, si evince che la scelta del mantenimento della valuta domestica ha giovato alla situazione economica, sociale e politica del Paese. Dal punto di vista qualitativo, la scelta sembra essere storicamente corretta visto l’andamento graduale di crescita del Paese non ancora su valori medi di competitività europei. Nel 1998 l’adesione sarebbe stata senza dubbio troppo prematura e ora, nel 2014, l’avvicinamento ai requisiti per entrare nell’Euro è sempre più concreto, dunque risulta importante analizzare i dati storici, di cui sotto, per poter fare analisi con solide basi per il futuro di questo grande Paese in espansione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi