Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gustave Doré illustratore della Ballata del Vecchio Marinaio di S.T Coleridge

Questa ricerca si propone di esporre il percorso creativo di uno dei più grandi incisori del secolo XIX: Gustave Doré, approfondendo , in particolare, il percorso illustrativo dell'autore e l'intensità delle sue opere più celebri. La tesi triennale qui esposta tratta infatti nel particolare la lavorazione della 'Ballata del Vecchio Marinaio' di S.T. Coleridge a cui Doré dedicò anima e corpo per la realizzazione di un prodotto intenso e unico nel suo genere. Buona lettura.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione La prima volta che lessi la 'Ballata del vecchio Marinaio' fu in quarta liceo. Ricordo benissimo che rimasi molto colpita dalla forza e dal mistero intrise nell'opera di Coleridge. Poi il tempo passò e, a lungo, quell'interesse rimase sepolto sotto cumuli di altri autori e libri da studiare. Fino a quando non giunsi al terzo anno di Lettere Moderne e, con esso, alla tesi di laurea. La mia mente era un pozzo di idee; tutte utopie senza un alcun supporto concreto e tangibile. Fino a quando, da un angolo remoto del mio subconscio, riaffiorò in me l'immagine del Vecchio Marinaio. Così cercai il libro di letteratura inglese del liceo, aprii la sezione dedicata al romanticismo e mi immersi nella lettura dell'opera; rimasi molto più stupita nell'apprendere che a distanza di più di quattro anni le sensazioni riaffiorate in me erano esattamente le stesse di un tempo. Decisi quindi di comperare il testo con tutte le opere letterarie dell'autore inglese e, in questo modo, si spalancò un nuovo universo. Mentre leggevo l'opera non potevo infatti staccare lo sguardo da quelle che erano le illustrazioni di riferimento: le linee volutamente oscure e la tipologia artistica, a me sconosciuta, mi spinsero a fare qualche ricerca per saperne di più. Fu così che conobbi Gustave Dorè. Subito, nella mia mente, la risposta apparve chiara e nitida. Ecco quale sarebbe stato, infine, il tema della mia tesi 'La Ballata del Vecchio Marinaio' in relazione all'arte e allo stile di questo ahimè poco conosciuto artista francese. L'unione perfetta di due materie meravigliose quali la storia dell'arte e la letteratura. Leggendo la mia tesi ci si immergerà quindi nel movimento romantico tra Francia e Inghilterra ai tempi dei poeti maledetti assuefatti dall'alcol. Naturalmente nel primo capitolo verrà delineata la storia del protagonista della mia tesi e quelle che sono state le sue opere di maggior successo. Il secondo capitolo sarà invece dedicato all'aspetto stilistico delle opere e quindi alla litografia e alle tecniche di stampa per poter così meglio comprendere come funzionasse l'incisione d'arte. Infine, l'ultima parte, si concentrerà sull'opera della 'Ballata' e sulla storia della sua ideazione per poi descriverne le meravigliose illustrazioni di riferimento. Si tratterà, quindi, di una tesi interdisciplinare (in un certo senso) anche se in entrambi i casi sempre di arte si tratta! Che sia per mezzo di un pennino incisore o per via di una penna ispirata... 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere Moderne

Autore: Irene Manfredini Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 87 click dal 17/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.