Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione politica e i Meetup del Movimento 5 Stelle

Studio della partecipazione politica, entrando nello specifico della partecipazione politica online. Passo poi all'esempio di partecipazione politica usato dal Movimento 5 Stelle: l'utilizzo del blog di Grillo e della piattaforma dei meetup, analizzandoli. Parlo quindi dei pro e dei contro che ci sono, utilizzando questo tipo di partecipazione politica.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La partecipazione politica è il prendere parte, quindi partecipare, ad un determinato dibattito o atto di interesse comune di dettaglio dello Stato. Navigando nel web, non si può fare a meno di incorrere in uno dei soggetti politici più dibattuti degli ultimi tempi che ha portato a sé a numerose critiche ma anche numerosi sostenitori: il Movimento 5 Stelle (M5S), creato da Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo. Questo movimento utilizza il web 2.0, adoperando la rete come fulcro d’azione. Vengono impiegati i new media allo scopo di far partecipare attivamente i cittadini, cosa che non può avvenire attraverso i mass media tradizionali come la televisione. Il seguente lavoro di ricerca si pone l’obiettivo di esaminare e illustrare il nuovo rapporto tra politica e cittadini alla luce dell’uso sempre più massiccio delle nuove tecnologie informatiche. Prenderò in analisi tutte le opportunità offerte dalle tecnologie digitali che vengono utilizzate ai fini della partecipazione politica; qui abbiamo come soggetto politico il cittadino che fa politica o che semplicemente si informa. Con le nuove tecnologie digitali, introduco, inoltre, il modello di partecipazione online, in particolar modo andrò ad analizzare lo strumento più utilizzato dai grillini: la piattaforma dei Meetup. In Italia, però, è presente un elevato divario digitale in quanto non tutti i cittadini sono in grado di utilizzare i New Media o hanno la possibilità di farlo: si ha in questo modo una distinzione di partecipazione. Il lavoro di analisi l’ho effettuato con l’ausilio di diversi testi e con due interviste fatte ad attivisti del territorio piemontese (Davide Bono e Alberto Turri).

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Sarcinelli Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 384 click dal 11/12/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.