Skip to content

Il vetro contemporaneo nei beni culturali architettonici evoluzione, deterioramento e conservazione

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bonora
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  Relatore: Marilena Leis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Questo elaborato di Tesi sperimentale consente di percorrere quasi duemila anni di storia del vetro per concentrarsi nello sviluppo della trattazione sui processi di degrado superficiale del vetro stesso e sviluppare una disamina, nell'ambito del settore dei Beni Culturali, delle metodologie di Conservazione e di Restauro compatibili con le attuali teorie del Restauro. In una sezione propedeutica sono stati presi in esame l’evoluzione nei secoli delle componentistiche della miscela preparatoria del vetro così come era necessario illustrare l’avanzamento tecnologico dei processi produttivi dello stesso, fondamento quest’ultimo delle crescenti potenzialità qualitative del materiale, oggi il più apprezzato nell’espressione dell’architettura contemporanea. Dalle piccole lastre della metà dell'Ottocento alle lastre di lunghezza fino a dodici metri del Vetro Contemporaneo dei nostri giorni, abbinate ad una planarità senza eguali.
Il Vetro Contemporaneo sempre di più protagonista di successo nei progetti in architettura che dalla metà dell'ottocento arricchiscono le nostre città di opere di grande impatto e imponenti e che pertanto diventano oggetto come tutte le altre opere di forte interesse sotto il profilo della conservazione e del restauro.
Particolare attenzione è stata dedicata ai processi chimici, fisici e biodeteriogeni responsabili del degrado superficiale e del rischio conseguente di indebolimento della struttura primaria del vetro con rischi intuibili in alcuni casi per la sicurezza. Vengono esaminati i collegamenti scientificamente comprovati fra composizione del vetro e l’accelerazione del degrado superficiale magnificato anche dalla contemporanea presenza in atmosfera di particelle inquinanti frutto dell'attività antropica.
Attraverso una sperimentazione organizzata sul campo il Vetro Contemporaneo é stato investigato negli ambienti fuori terra e interrati. Dai risultati sono state estrapolate considerazioni che confermano l’attitudine del vetro al deterioramento superficiale e pertanto a dover essere impiegato tenendo conto delle proprie debolezze quando in presenza di condense o umidità stagnante.
Alcune realizzazioni di grande impatto mondiale come la Piramide del Louvre, o la Cupola del Parlamento di Berlino e alcuni interventi conservativi e di restauro nazionali, di frontiera sul tema conservativo di un Bene Culturale architettonico in vetro come quello analizzato nel dettaglio del “Pirellone” a Milano, hanno consentito di approfondire anche il tema del ripristino estetico dell'opera. La parte conclusiva della Tesi si concentra su alcuni interventi preventivi per ridurre il degrado superficiale del vetro e cosa rappresenti oggi il vetro contemporaneo in opere di valore rilevante; sottolinea la responsabilità assunta dagli operatori della conservazione chiamati alla salvaguardia di queste “testimonianze contemporanee”, affinché un giusto approccio all'intervento mantenga inalterato il messaggio espressivo originario di chi le ha progettate e le trasmetta nelle migliori condizioni a chi verrà dopo di noi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1 SCOPO Il “vetro contemporaneo” Ø certamente, oggi, il materiale piu` immateriale nonchØ trasparente, fragile, “leggero” utilizzato nelle costruzioni ed anche in molte sperimentazioni in architettura e che, senza timore di essere smentiti, piø attrae e sviluppa la fantasia creativa degli architetti contemporanei . Si propone pertanto un percorso articolato e conoscitivo di questo materiale, inserito fra storia e scienza in cui il filo conduttore ideale amalgami l`analisi delle problematiche della conservazione preventiva e del restauro conservativo, con la finalità di salvaguardare e preservare le caratteristiche qualificanti, che sono alla base delle motivazioni progettuali dell`utilizzo del vetro stesso. Verranno analizzate le tappe principali della storia millenaria del vetro, evidenziandone l`evoluzione della composizione chimica, i progressi nei secoli del processo produttivo applicato, i cambiamenti fondamentali nelle applicazioni in vetro in architettura nei fabbricati religiosi e civili. La conoscenza piừ approfondita di questo materiale, considerato fondamentale in architettura e impiegato in questi ultimi centocinquant’anni in realizzazioni leggere e trasparenti da Joseph Paxton, Bruno Taut, Mies Van der Rohe, Walter Gropius, Gio Ponti, Norman Foster, Renzo Piano, Jean Nouvel, per citare alcuni dei progettisti piø legati al vetro, amplia la sensibilizzazione alla conservazione preventiva di queste moderne architetture in vetro, già considerate in alcuni casi simboli epocali, culturali e di identità nazionale, regionale o cittadina, concreti landmark e pertanto nel giudizio degli osservatori a pieno titolo «Beni Culturali». Gli scopi che sottendono a questa tesi si possono riassumere in: 1) Focalizzare la storia del vetro dalle origini conosciute fino ai giorni nostri, a dimostrazione del “peso” espressivo dello stesso materiale in architettura e della necessità di conservarlo. 2) Ottenere una raccolta di dati sperimentali, pur nel breve periodo, che possano evidenziare le problematiche legate all`alterazione superficiale del vetro in condizioni “ambientali contemporanee”, e integrata da alcuni contributi ulteriori acquisiti dalla letteratura scientifica internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

degrado superficiale del vetro
lisciviazione del vetro
composizione del vetro
storia del vetro
produzione del vetro
vetro float sodo-calcico
restauro del vetro per l' architettura
vetrate istoriate
vetro e architettura
grandi progetti in vetro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi