Skip to content

L’evoluzione del sistema partitico e politico spagnolo dal 1978 al 2015

Informazioni tesi

  Autore: Federico Aversa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Oreste Massari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Dai tempi del ritorno della democrazia in Spagna, quarant’anni fa, e dalla morte del dittatore Francisco Franco, solamente due partiti hanno avuto un’importanza a livello nazionale. Il Pp (Partido Popular) rappresentava la destra tradizionale, vicina alla chiesa cattolica e alla monarchia, e otteneva la maggior parte dei suoi voti nelle aree rurali e tra gli elettori più anziani. Il Psoe (Partido Socialista Obrero Espanol) rappresentava la sinistra tradizionale, e otteneva i voti delle città, dei giovani e di quel che rimaneva della classe operaia. Il Pp e il Psoe si sono alternati al potere e, durante i tre decenni di boom economico successivo all’ingresso della Spagna nell’Unione europea, nessuno si è particolarmente preoccupato per l’assenza di altri partiti. Poi, però, è arrivata la crisi finanziaria del 2008, gli stipendi hanno smesso di crescere o addirittura sono calati per molti spagnoli, il settore edile si è fermato e la disoccupazione ha raggiunto il 27 per cento. Entrambi i partiti hanno fatto un loro tentativo di affrontare la crisi, ciascuno tagliando il bilancio dello stato, rimodulando o rimborsando quanto più debito possibile e imponendo dure misure d’austerità alla popolazione. Perfino la popolazione spagnola ha cominciato a calare, con frotte di giovani che hanno lasciato il paese alla ricerca di lavoro in altri paesi dell’Unione europea. Le politiche attuate dai due storici partiti spagnoli non sono state in grado di risolvere le gravi problematiche a livello economico e sociale che il Paese viveva. Le fratture a livello sociale hanno quindi creato lo spazio per un nuovo partito che contrastasse le politiche di austerità, e per un po’ di tempo questo partito è sembrato Podemos: una formazione anticapitalista, con un leader che non conosce giacche, e che prometteva cambiamenti radicali. La nascita di Podemos non ha accontentato del tutto la “fame elettorale” della totalità dei cittadini spagnoli, proprio per questo ha cominciato ad evidenziarsi un altro importante partito politico. Nel giugno del 2005 a partire dalla piattaforma civica “Ciutadans de Catalunya” nasce l’altro nuovo partito che ad oggi si presenta nel panorama elettorale spagnolo. C’s (Ciudadanos) ha conquistato i più nervosi tra gli elettori delusi che inizialmente erano pronti a sostenere Iglesias e i suoi. Anche Ciudadanos tenta di parlare di cambiamenti radicali, ma in realtà è caratterizzato da una formazione di centrodestra che si colloca al centro della scena politica, lasciato a lungo vuota dai tradizionali partiti di sinistra e destra. Questo ha scisso in due il voto di protesta e quindi la Spagna ha ora quattro grandi partiti. Quest’ultimi sono assai lontani, politicamente parlando, anche dal prendere solo in considerazione l’idea di coalizioni. La matematica imporrebbe sia al Pp sia al Psoe di far parte di una coalizione in grado di controllare una maggioranza parlamentare. I leader di Ciudadanos hanno giurato di non partecipare ad alcun governo a meno di non averne la guida. Podemos si mostra rigido, dicendo che la decisione sarà presa dai suoi sostenitori (ma c’è da scommettere che essendo arrabbiati con i partiti tradizionali, voterebbero probabilmente di no). La democrazia denominata, nei decenni precedenti a questo, dai molti studiosi “di successo”, è stata travolta, come gran parte dei paesi occidentali, da crisi economiche e populismi. La Spagna, la cui economia fino al 2007 era uno degli esempi di successo più citati dai difensori della moneta unica, mostra un paesaggio sociale umiliante. L’analisi del panorama politico spagnolo delineerà la complicata situazione politico-elettorale che vivrà questa nazione per i prossimi anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Dai tempi del ritorno della democrazia in Spagna, quarant’anni fa, e dalla morte del dittatore Francisco Franco, solamente due partiti hanno avuto un’importanza a livello nazionale. Il Pp (Partido Popular) rappresentava la destra tradizionale, vicina alla chiesa cattolica e alla monarchia, e otteneva la maggior parte dei suoi voti nelle aree rurali e tra gli elettori più anziani. Il Psoe (Partido Socialista Obrero Espanol) rappresentava la sinistra tradizionale, e otteneva i voti delle città, dei giovani e di quel che rimaneva della classe operaia. Il Pp e il Psoe si sono alternati al potere e, durante i tre decenni di boom economico successivo all’ingresso della Spagna nell’Unione europea, nessuno si è particolarmente preoccupato per l’assenza di altri partiti. Poi, però, è arrivata la crisi finanziaria del 2008, gli stipendi hanno smesso di crescere o addirittura sono calati per molti spagnoli, il settore edile si è fermato e la disoccupazione ha raggiunto il 27 per cento. Entrambi i partiti hanno fatto un loro tentativo di affrontare la crisi, ciascuno tagliando il bilancio dello stato, rimodulando o rimborsando quanto più debito possibile e imponendo dure misure d’austerità alla popolazione. Perfino la popolazione spagnola ha cominciato a calare, con frotte di giovani che hanno lasciato il paese alla ricerca di lavoro in altri paesi dell’Unione europea. Le politiche attuate dai due storici partiti spagnoli non sono state in grado di risolvere le gravi problematiche a livello economico e sociale che il Paese viveva. Le fratture a livello sociale hanno quindi creato lo spazio per un nuovo partito che contrastasse le politiche di austerità, e per un po’ di tempo questo partito è sembrato Podemos: una formazione anticapitalista, con un leader che non conosce giacche, e che prometteva cambiamenti radicali. La nascita di Podemos non ha accontentato del tutto la “fame elettorale” della totalità dei cittadini spagnoli, proprio per questo ha cominciato ad evidenziarsi un altro importante partito politico. Nel giugno del 2005 a partire dalla piattaforma civica “Ciutadans de Catalunya” nasce l’altro nuovo partito che ad oggi si presenta nel panorama elettorale spagnolo. C’s (Ciudadanos) ha conquistato i più nervosi tra gli elettori delusi che inizialmente erano pronti a sostenere Iglesias e i suoi. Anche Ciudadanos tenta di parlare di cambiamenti radicali, ma in realtà è caratterizzato da una formazione di centrodestra che si colloca al centro della scena politica, lasciato a lungo vuota dai tradizionali partiti di sinistra e destra. Questo ha scisso in due il voto di protesta e quindi la Spagna ha ora quattro grandi partiti. Quest’ultimi sono assai lontani, politicamente parlando, anche dal prendere solo in considerazione l’idea di coalizioni. La matematica imporrebbe sia al Pp sia al Psoe di far parte di una coalizione in grado di controllare una maggioranza parlamentare. I leader di Ciudadanos hanno giurato di non partecipare ad alcun governo a meno di non averne 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

politica spagnola
partido popular
podemos
sistema politico spagnolo
spagna politica
sistema partito spagnolo
partiti spagnoli
la politica in spagna
politici spagnoli
storia politica spagnola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi