Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Armonizzazione dei titoli di studio. Impatto sul mondo della musica

Come è cambiato l’ordinamento dell’Istruzione musicale in Italia? Quali sono i pro e i contro della riforma? La formazione del musicista è effettivamente più completa, o si è andati contro a delle carenze causate da una dispersione delle energie? Soprattutto, tutti i Conservatori di Italia si sono adeguati alla stessa maniera? E siamo davvero competitivi con gli studenti provenienti dal resto d’Europa?
Per rispondere a questi interrogativi, in questo libro si affronta il tema dell’istruzione musicale in Italia, in particolare per la classe di Saxofono, dopo la riforma dei Conservatori basata sulla Legge 508/1999 per aderire al Processo di Bologna.
Il Processo di Bologna è la riforma internazionale dell’istruzione superiore, con l’obiettivo della creazione di uno Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore, tramite l’Armonizzazione dei percorsi di studi (Ripartizione in 3 Cicli di studio, e uso dei Crediti ECTS), e dei titoli di studio (Quadro Nazionale dei Titoli, Diploma Supplement).
Il Lavoro è strutturato in due parti: la prima, in cui si analizza la normativa riguardante le varie conferenze e dichiarazioni costituenti il Processo di Bologna e l’ordinamento Italiano (Diploma Accademico di Primo e Secondo Livello, SMIM-scuole medie ad indirizzo musicale, Pre-accademici, Licei Musicali); la seconda, in cui si riporta l’ordinamento Francese e Tedesco.
Sia in Francia sia in Germania sono attuati anche i dottorati di ricerca (3° Ciclo), sia ad indirizzo scientifico musicale sia interpretativo.
In Italia sono stati previsti dalla L. 508/1999 i 3 Cicli di Studi - Diploma Accademico di Primo Livello, Diploma Accademico di Secondo Livello, Diploma Accademico di Formazione alla Ricerca - ma allo stato attuale è stato attivato soltanto il Diploma Accademico di Primo Livello. Il Diploma Accademico di Secondo Livello è stato attivato solo in modo sperimentale mentre il Diploma Accademico di Formazione alla Ricerca addirittura non è stato ancora attivato per mancanza di decreti attuativi.
L’autrice, alla luce della propria esperienza di studentessa di questo percorso in Conservatorio, evidenzia le carenze sui contenuti degli esami di ammissione, i contenuti e le modalità di svolgimento dei piani di studi che non permettono agli studenti Italiani di poter reggere il confronto con gli studenti di Francia e Germania, ma anche da Conservatorio a Conservatorio a seguito dell’Autonomia delle singole Istituzioni e senza aver stabilito in sede legislativa gli obiettivi minimi di ogni percorso di studi.
Viene proposta una soluzione per il sistema Italiano, attuabile anche senza dover aspettare le modifiche legislative, per poter davvero “armonizzare” l’Italia con gli altri Paesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Capitolo 1 - 5 - 1 Introduzione I vari Stati aderenti al Processo di Bologna (riforma degli studi d’istruzione superiore) possono essere associati alle varie voci che compongono un’armonia: così come una voce di tale armonia si muove al suo interno, per dare un senso alla melodia, così anche un titolo di studio acquisito in uno Stato può muoversi all’interno di questa comunità allargata, per dare un senso alla propria formazione. Questo movimento delle voci deve rispettare una serie di regole ben definite per gli spostamenti (legame armonico, evitare l’incrocio delle parti, ecc.), allo stesso modo un titolo di studio per essere armonizzato agli altri deve rispettare delle regole che gli stessi membri del Processo di Bologna si sono dati. Nonostante siano passati quasi 20 anni dall’inizio del Processo di Bologna, ancora si avvertono cadenze d’inganno e dissonanze da risolvere (livelli di preparazione diversi, difficoltà alla mobilità, ecc.). In questo lavoro approfondirò le regole che sono state stabilite dal Processo di Bologna, che sono: 1. la creazione di uno Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore; 2. l’attenzione alla dimensione sociale; 3. il sistema strutturato in cicli di studi; 4. il sistema dei titoli; 5. il sistema dei crediti; 6. la mobilità (degli studenti, dei docenti e dei futuri lavoratori); 7. l’assicurazione della qualità; 8. l’apprendimento permanente; 9. l’apertura internazionale. Il tutto affrontato sull’impatto che tale riforma ha sullo studio della musica nei Paesi aderenti, in particolar modo per la classe di Saxofono, che è quella che io frequento.

Laurea liv.I

Facoltà: Dipartimento di Fiati

Autore: Emanuela Roscioli Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 37 click dal 10/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.