Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Variazione diatopica dei monottonghi e dei dittonghi dell'inglese australiano.

Alla luce dei dati raccolti è chiaro che l'Inglese in Australia non presenta variazioni stabili e nette a livello geografico del tutto simili a quelle rilevabili, per esempio, negli Stati Uniti o nel Regno Unito. Tuttavia è anche altrettanto chiaro che alcune variazioni, decisamente apprezzabili, siano presenti. In verità, piú che di vere e proprie varietà regionali pensiamo che sia piú corretto parlare di “tendenze”: nonostante l'omogeneità del dialetto a livello nazionale, esistono taluni tratti che sono piú soggetti di altri a particolari fenomeni, ora il livello d'apertura, ora l'avanzamento o l'arretramento, ora la dittongazione o lo scempiamento delle vocali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. L’inglese australiano 1.1. Note socio-storiche Nel suo libro del 1827, Two years in New South Wales, il pioniere e medico di bordo Peter Miller Cunningham (1789 - 1864) c i for nisce un‟inter e ssante a tt e staz ione di qu e ll o c he g ià lui c hiama v a inglese australiano, basandosi su osservazioni fatte sul campo e in particolare tra i primi coloni nativi degli insediamenti nel New South Wales stanziati nel 1788 a Sydney Cove. Secondo Cunningham la lingua da loro parlata era simile a quella dei loro genitori e a quella del Sud de ll ‟ I n g hil ter ra di fine S e tt e c e nto, ma allo stesso tempo mostrava una commistione di arcaismi e innovazioni del tutto uniche. Commistione, tuttavia, curiosamente omogenea se comparata alla va sti ssi ma miria de di di a letti , a c c e nti c he c a ra tt e ri z z a va no l‟ I n g hil ter r a de ll ‟e poc a : The children born in those colonies, and now grown up, speak a better language, purer, moreharmonious than is generally the case in most parts of England. The amalgamation of such various dialects assembled together, seems to improve the mode of articulating the words. (Dixon 1822: 46) (...) Among the native born Australians, the English spoken is very pure; and it is easy to recognise a person from home or one born in the colony, no matter what class of society, from this circumstance. (Bennett 1834: 331) 1 Tali affermazioni, a dire il vero, possono essere piú o meno facilmente spiegate se si considerano diver si fa tt or i a bba stanz a ovvi, pr im o fr a tut ti l‟or ig ine g e o g r a fic a e socia l e de i locutor i. C ome be n sa ppiamo, l‟Austr a li a n a sc e c ome c oloni a p e na le e que sto ba sta a farci pensare che la grande magg ior a nz a de i pioni e ri c he vi a rr iv a va no e ra no tut t‟a lt ro c he ra ppr e se nta nti di una c lasse socia le borghese o comunque di estrazione medio-alta. Secondariamente, ma non meno importante, l‟a mbi e nte isol a to ha se nz a ombra di dubbio favorito lo sviluppo, in un lasso di tempo sorprendentemente breve, di caratteristiche del tutto peculiari o quantomeno diverse rispetto a que ll e c he potev a no e ss e re notate tr a i membr i de l le stesse c lassi socia li ne l S ud de ll ‟ I n g hil ter ra e in Irlanda (ovvero le aree di massima affluenza dei nuovi coloni) 2 . A sostegno di ciò, Kerswill (2001: 695) a ff e rma c he tale c ur iosa “ pura c o e sione” e ra pido svil uppo de l n uovo dialetto siano stati fonda menta lm e nte sti mo lati da tre fa tt or i c hi a ve , ovve ro: l‟opp ortunità dei bambini di formare stretti legami di amicizia e scambio sociale, un isolamento forzato dato da fattori extralinguistici e piut tost o leg a ti a ll a na tur a “ pioni e risti c a ” de ll a c o muni tà e , infine, il livello di differenziazione delle varietà linguistiche di input. In sostanza, per ripetere con altre parole quanto detto in precedenza, quanto piú omogenea (sia dal punto di vista lessicale che fonologico) è la lingua parlata dai coloni nati in Europa ed emigrati in Australia, tanto piú ve loce sa rà l‟i nsorgere di una koiné di output coesa e omogenea tra i nuovi nativi Australiani. 1 James Dixon (1758-1840) fu sacerdote Cattolico condannato inizialmente a morte in Inghilterra inquanto sospettato di essere stato a capo di un gruppo di ribelli in Irlanda nel 1798. In seguito la pena capitale gli fu condonata e venne s p ed ito co m e ca r ce r ato n ell ‟ i n s e diamento coloniale di Sydney a bordo della Friendship il 16 Gennaio 1800. George Bennett (1804-1893) era un medico a naturalista che visitò il New South Wales due volte tra il 1829 e il 1832. 2 “A lt h o u g h it is ce r tai n t h at i n th e ea r l y co lo n y th er e e x is ted a m u l titu d e o f d ialec ts a n d ac ce n t s f r o m a ll o v er t h e British Isles, the south-eas ter n E n g li s h d ialec t s w er e th e m o s t a b u n d an t.” ( C o x 2 0 1 2 : 1 1 ) .

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Stefano Carlo Sciutto Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 88 click dal 15/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.