Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti dottrinali, esegetici e letterari nel De Incarnatione Domini di Giovanni Cassiano

Giovanni Cassiano
Il De Incarnatione Domini contra Nestorium

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Debbo confessare che, quando pensai ad un lavoro su Cassiano, avevo in mente senz’altro l’autore del De institutis coenobiorum et de octo principalium vitiorum remediis e delle Collationes, inserito nella cornice della polemica semipelagiana. Che poi fra i suoi scritti venisse annoverata un’opera come il De Incarnatione Domini contra Nestorium non osavo certo sospettarlo. Ma che la mia ignoranza non fosse la sola colpevole di questa spiacevole situazione, fu chiaro fin da subito. Più mi accanivo a scartabellare fra i repertori bibliografici e più mi ritrovavo in mano una mole imponente di informazioni del tutto insignificanti per il mio lavoro. L’idea generica che avevo in mente di Cassiano e gli studi a lui dedicati sembravano coincidere. Innanzi tutto veniva la figura del monaco e la sua indubbia importanza nel diffondere le pratiche ascetiche dei monaci orientali in Occidente.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Grilli Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 825 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.