Skip to content

Dalla Composizione all'Interpretazione: La Terza Sonata per Pianoforte op. 46 di Dmitri Kabalevskij

Informazioni tesi

  Autore: Cristiano Celesia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Istituto di Studi Superiori Musicali "V. Bellini" di Catania
  Facoltà: Istituto di Studi Superiori Musicali
  Corso: Discipline Musicali - Pianoforte
  Relatore: A. Licciardello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

La Terza Sonata op. 46 di Dmitrij Kabalevskij (1946) si inscrive in un contesto culturale ed in un periodo storico ben precisi: la Russia della metà del XX secolo. Dal contesto ne trae il linguaggio tipico della musica russa, ricco di sonorità folkloristiche ma anche di non poche contraddizioni stilistiche; nei confronti del periodo si propone invece come una scherzosa e ironica evasione che possa voltare pagina – almeno apparentemente – sulla seconda guerra mondiale appena conclusasi. La Sonata verrà pubblicata nel 1946, ma era stata già completata l’anno precedente; pertanto l’autore si era dedicato alla stesura dell'opera in pieno clima bellico. Non diversamente rispetto alla stragrande maggioranza dei suoi colleghi compatrioti, lo stile di Kabalevskij non nasconde le proprie radici culturali. Le sue composizioni godono di una forte riconoscibilità grazie alle strette connotazioni che la musica classica russa ha storicamente avuto con la musica popolare; peculiarità che, in virtù di composizioni elaborate sotto il profilo formale-armonico – ma dai contenuti e dalle sonorità nuove e caratteristiche – hanno posto la musica russa come nuovo contraltare “colto” alla musica occidentale. Per questa ragione, prima di analizzare la Sonata op.46 di Dmitrij Kabalevskij, oggetto di questa tesi, risulta necessario tracciare un excursus storico-stilistico, seppur breve, sulla musica russa: esso ci permetterà di comprendere appieno le scelte che il compositore opera all’interno della Sonata, scelte che rimandano inequivocabilmente alla propria identità nazionale. La presente dissertazione si articola in quattro capitoli. Il primo capitolo traccia le origini della musica russa partendo da Glinka, considerato il capostipite della scuola russa; il capitolo mette in luce la lunga genealogia di musicisti – e le reciproche influenze – che da Glinka e Dargomyžskij giunge – passando per compositori quali Rimiskij-Korsakov e Čajkovskij – fino a Kabalevskij.
Il secondo capitolo è dedicato a Dmitrij Kabalevskij, del quale viene presentato un ampio profilo biografico e una sintesi stilistica. Nel terzo capitolo, dopo aver brevemente introdotto la produzione sonatistica dell’autore, ci si sofferma sulla Terza Sonata per pianoforte op. 46. Il capitolo si articola in tre paragrafi – ognuno riguardante un tempo della Sonata – e sviluppa un’ampia analisi del brano che ne illustra gli aspetti più caratteristici dal punto di vista formale, armonico, melodico, ritmico e di scrittura. Infine, il quarto capitolo – che si può considerare il fine ultimo del presente lavoro di ricerca – si propone come un ambizioso tentativo di indagine analitico-interpretativa condotta attraverso la comparazione di cinque diverse interpretazioni della Sonata op. 46. Le interpretazioni prese come basi di ricerca corrispondono a cinque incisioni discografiche – avvenute tra il 1947 ed il 2005 – di cinque diversi (per formazione artistica e culturale) interpreti. L’obiettivo dell’analisi comparata presentata nel quarto ed ultimo capitolo, lungi dal fornire un giudizio sulle singole incisioni interpretative, si concentra innanzitutto sulla possibilità di mettere in relazione il lavoro analitico con il momento dell’interpretazione di un brano musicale. Attraverso la valutazione dei tratti comuni e delle principali differenze esistenti tra le diverse interpretazioni della Sonata op. 46, il presente lavoro si propone di evidenziare se – e in che modo – una cultura, una scuola, e perfino una connotazione geografica possano influenzare la lettura interpretativa di un brano musicale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA La Terza Sonata op. 46 di Dmitrij Kabalevskij (1946) si inscrive in un contesto culturale ed in un periodo storico ben precisi: la Russia della metà del XX secolo. Dal contesto ne trae il linguaggio tipico della musica russa, ricco di sonorità folkloristiche ma anche di non poche contraddizioni stilistiche; nei confronti del periodo si propone invece come una scherzosa e ironica evasione che possa voltare pagina – almeno apparentemente – sulla seconda guerra mondiale appena conclusasi. La Sonata verrà pubblicata nel 1946, ma era stata già completata l’anno precedente; pertanto l’autore si era dedicato alla stesura dell'opera in pieno clima bellico. Non diversamente rispetto alla stragrande maggioranza dei suoi colleghi compatrioti, lo stile di Kabalevskij non nasconde le proprie radici culturali. Le sue composizioni godono di una forte riconoscibilità grazie alle strette connotazioni che la musica classica russa ha storicamente avuto con la musica popolare; peculiarità che, in virtù di composizioni elaborate sotto il profilo formale-armonico – ma dai contenuti e dalle sonorità nuove e caratteristiche – hanno posto la musica russa come nuovo contraltare “colto” alla musica occidentale. Per questa ragione, prima di analizzare la Sonata op.46 di Dmitrij Kabalevskij, oggetto di questa tesi, risulta necessario tracciare un excursus storico-stilistico, seppur breve, sulla musica russa: esso ci permetterà di comprendere appieno le scelte che il compositore opera all’interno della Sonata, scelte che rimandano inequivocabilmente alla propria identità nazionale. La presente dissertazione si articola in quattro capitoli. Il primo capitolo traccia le origini della musica russa partendo da Glinka, considerato il capostipite della scuola russa; il capitolo mette in luce la lunga genealogia di musicisti – e le reciproche influenze – che da Glinka e Dargomyžskij giunge – passando per compositori quali Rimiskij-Korsakov e Čajkovskij – fino a Kabalevskij.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pianoforte
musica russa
interpretazione musicale
analisi armonica
kabalevskij
sonata op. 46
horowitz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi