Skip to content

Rai, dal regio decreto alla rivoluzione del sistema televisivo

Informazioni tesi

  Autore: Catena Maria Luisa Iannì
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione Media e Pubblicità
  Relatore: Giuseppe Feyles
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Rai, dal regio decreto alla rivoluzione del sistema televisivo

La Rai, oggi Radio televisione italiana, fin dal regio decreto del 1923, si occupa del servizio pubblico televisivo italiano. Tramite la concessione dello stato gli viene attribuita la possibilità di esercitare l'attività radiotelevisiva.

Nella tesi, percorreremo la storia dell’azienda che è passata dal monopolio alla concorrenza, con l’avvento delle televisioni commerciali, cercheremo di capire come è strutturata e quali sono gli obblighi a cui è chiamata, per rispettare la concessione.

Quella della Rai, è una storia lunga e complessa che alle porte del 2016, anno di rinnovo della concessione, si ritrova ancora alcuni vincoli che non ne permettono il pieno sviluppo.
Prima di analizzare com’è strutturata l’offerta del servizio pubblico, spazieremo per l’Europa per capire come gli altri paesi si muovono in questo ambito.
Troviamo situazioni sicuramente diverse rispetto l’Italia; paesi che non fanno pagare il canone, altri che dedicano il canone ad un unico canale totalmente senza pubblicità. Oltre l’Europa, daremo uno sguardo anche oltre Oceano per analizzare la situazione americana, dove tutte le emittenti sono considerate commerciali, e non è presente il servizio pubblico.

Siamo in un momento di grandi cambiamenti, politici, tecnologici dei modi di fruizione ecc. e si sente sempre più il bisogno di una naturale trasformazione della concessione. Inoltre la Rai deve sostenere il peso dell’evasione fiscale, sul mancato pagamento del canone, non considerata “tassa” da molti italiani.

Nell’ultimo periodo è iniziata una riflessione pubblica dentro e fuori le porte del Parlamento su come poter riformare il servizio. Nel corso della sua vita industriale, la Rai è sempre stata legata a doppio filo con la politica, cosi come le altre emittenti pubbliche europee. In Italia, inoltre, ci sono stati dei tentativi di riforma, poi falliti. Particolare è anche il caso di quando il proprietario di una delle più grandi emittenti commerciali italiani, è stato contemporaneamente Capo Governo, ponendosi in forte contrasto con il servizio pubblico.

A seguito delle varie analisi, storiche e politiche, affronteremo il futuro tramite proposte specifiche che metteremo a paragone per verificarne l’efficacia, cosi da arrivare a proporre una nuova Rai, un nuovo servizio pubblico affrontando sia l’aspetto dall’offerta televisiva che del pagamento del canone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Rai, oggi Radio televisione italiana, fin dal regio decreto del 1923 che la istituì, si occupa del servizio pubblico televisivo italiano. In questa definizione, dentro le parole “servizio pubblico”, il lettore potrà riscontrare, nel prosieguo dei capitoli, l’enorme contributo che l’azienda di stato ha saputo dare al Paese, alla formazione pedagogica, civica e sociologica della popolazione, nonché alla stretto rapporto intessuto negli anni della prima e seconda repubblica con i partiti politici. Paradigma del tutto, la concessione statale che gli viene attribuita ininterrottamente dall’inizio, grazie alla quale l’azienda ha avuto e tutt’oggi continua ad avere la possibilità di esercitare l'attività radiotelevisiva in esclusiva su tutto il territorio nazionale. Lo scopo di questo elaborato sarà quello di fornire una visione completa del panorama italiano e internazionale sui servizi pubblici, analizzando via via gli aspetti che hanno portato al successo le riforme adottate negli altri paesi europei con una puntuale comparazione del sistema regolatorio e legislativo del nostro paese, con la presunzione di voler dimostrare come tali innovazioni sono applicabili anche in Italia. Nella tesi, ripercorrerò la storia dell’azienda dalla nascita, analizzando i passaggi chiave che hanno condotto una vera e propria industria del sapere, dal monopolio alla concorrenza, realizzatasi negli anni ’80 del secolo scorso con l’avvento delle televisioni commerciali. Verrà inoltre analizzata la particolare struttura societaria, che vede lo stato come azionista di maggioranza; è il Ministero dell’Economia e delle Finanze che detiene il 99,56% del pacchetto azionario. Sull’ultimo aspetto mi soffermo nel secondo capitolo e analizzo altresì, gli obblighi a cui la società così organizzata è chiamata ad osservare nel rispetto della concessione affidatagli, approfondendo i risultati dell’ultimo bilancio per avere un quadro complessivo, anche sotto il profilo economico-contabile. Questo è uno degli aspetti più importanti in quanto l’azienda, di per sé, non è libera di gestire il proprio business in totale autonomia. Quella della Rai è una storia lunga e complessa che, alle porte del 2016, anno in cui si rinnoverà la concessione, si ritrova ancora alcuni paletti che ne impediscono il pieno sviluppo. Già, perché la Rai ha insito nel suo stesso DNA una funzione sociale per il sistema-Paese. Prima di procedere all’analisi sulla struttura complessiva aziendale, esamino la composizione dell’offerta del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rai
sistema televisivo
storia della tv pubblica italiana
radio televisione italiana
regolamentazione e governance rai
regio decreto
la tv pubblica europea
il caso di ard: come si muove la germania
reggio decreto n.1067/1923
il caso bbc: nessuna pubblicità in presenza di can

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi