Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La posizione del cointeressato e del controinteressato nel ricorso straordinario al Presidente della Repubblica

All'interno dell'elaborato è illustrata la genesi, la struttura e lo svolgimento del ricorso astraordinario al Presidente della Repubblica, le differenze con i ricorsi di carattere ordinario e le relative posizioni dei controinteressati e cointeressati all'interno del processo. Gli obiettivi perseguiti sono sostanzialmente tre: in primo luogo, prendere il via da i non pochi riferimenti normativi vigenti o meno in materia per esporre in maniera uniforme e concisa in che modo sono stati modellati i caratteri dell'istituto cardine dell'elaborato; in secondo luogo, delineare i diritti e gli oneri attribuiti alle parti interessate nel processo, esponendo in dettaglio le più importanti pronunce del Consiglio di Stato; ed, infine, illustrare i motivi per i quali il ricorso in esame, pur essendo considerato un “relitto storico”, permane tuttora nel nostro ordinamento.

Riassuntivamente, nel primo capitolo sono analizzati i ricorsi amministrativi in generale, ovverosia il ricorso gerarchico proprio ed improprio e il ricorso in opposizione, nonché le rispettive procedure e l'ambito di applicazione.

In seguito, sono illustrati i caratteri del ricorso straordinario al Capo dello Stato, tema centrale del lavoro svolto. L'esame verte sulle origini dell'istituto, fino ai giorni nostri; dunque, viene svolto un opportuno parallelismo tra passato e presente, con l'illustrazione dei motivi per i quali il rimedio in esame è ancora attuale, secondo quanto previsto tra gli obiettivi.

Nel paragrafo sulla “giurisdizionalizzazione” del ricorso al Capo dello Stato, vengono affrontate le tematiche dominanti in dottrina e in giurisprudenza sulla natura del ricorso.
A conclusione dell'organico studio giurisprudenziale, viene rappresentata una sostanziosa casistica incorporata di pronunce dei T.A.R e del Consiglio di Stato dell'ultimo decennio, a dimostrazione di quanto sia un problema ancora attuale quello di individuare dei caratteri ben definiti nella materia oggetto di trattazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’elaborato è il frutto di un percorso dinamico, composto da un’attenta analisi degli orientamenti giurisprudenziali e di quelli dottrinali, susseguitisi nel tempo, i quali hanno definito i caratteri attuali del ricorso straordinario al Capo dello Stato, non senza lasciare tracce di incertezza. Partendo da una generica osservazione degli strumenti di tutela offerti in capo a posizioni giuridiche soggettive lese da provvedimenti amministrativi, sarà, poi, illustrata la genesi, la struttura e lo svolgimento del ricorso oggetto di esame, le differenze con i ricorsi di carattere ordinario e le relative posizioni dei controinteressati e cointeressati all’interno del processo. A fronte degli atti della Pubblica amministrazione, si può affermare che la tutela in maggior misura penetrante e rilevante è indubbiamente quella giurisdizionale, cementificata nell’art. 113 Cost. in relazione a tutti i provvedimenti lesivi di diritti soggettivi o interessi legittimi. In sede amministrativa, invece, sono proponibili ricorsi – amministrativi, appunto – regolati non dalla Costituzione, ma unicamente dalle leggi; difatti la disciplina generale è contenuta nel d.P.R. 24 novembre 1971, n.1199, considerato come il riferimento normativo principale in materia, fino al d.lgs. 2 luglio 2010, che ha approvato il testo del nuovo codice del processo amministrativo. Pertanto, gli obiettivi perseguiti nelle pagine che seguiranno saranno sostanzialmente tre: in primo luogo, quello di prendere il via da i non pochi riferimenti normativi vigenti o meno in materia per esporre in maniera uniforme e concisa in che modo sono stati modellati i caratteri dell’istituto cardine dell’elaborato; in secondo luogo, delineare i diritti e gli oneri attribuiti alle parti interessate nel processo, esponendo in dettaglio le più importanti pronunce del Consiglio di Stato;

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Ranieri Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 127 click dal 08/02/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.