Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La storia delle bande

Racconta la storia delle bande dalle origini ad oggi, un percorso attraverso la storia che trova un inizio nelle remote origini dei primi strumenti che sono poi diventati quelli tipici delle bande: strumenti a fiato e a percussione, parlando dei piccoli complessi a fiato utilizzati in battaglia, dal ruolo evocativo della tromba, passando poi alle bande di tipo moderno, concentrandosi sugli avvenimenti accaduti in suolo italiano, attraverso varie realtà bandistiche differenti e varie riforme di organico e di repertorio, gli sviluppi tecnici degli strumenti e le diverse occasioni di esibizione.
Numerosi sono stati i fattori che hanno fatto si che nei secoli la banda si sviluppasse e assumesse l’aspetto che ha oggi.
Ho poi accennato ad alcuni contesti significativi nel resto dell’Europa, emigrando poi in suolo americano e più specificatamente quello di New Orleans, dove c’è una fortissima tradizione delle brass band; che proviene da un contesto di mescolanza di culture molto diverse in cui si fonde anche quella delle bande tradizionali europee ed è questo il ponte, che mi ha fatto attraversare l’Oceano alla conquista del Nuovo Mondo, dove seguendo l’evoluzione di queste realtà musicali, osservando il contesto culturale, sociale e politico, ho parlato di alcune delle figure e delle bande più interessanti di questo contesto che è ancora molto vivo e attivo.
Non è stato facile raccogliere le informazioni necessarie e soprattutto ordinarle in modo coerente per dare un quadro esaustivo di quello che sia accaduto attraverso i tempi, questo è dovuto al fatto che sia stata una realtà molto eterogenea e dislocata in luoghi estremamente diversi e quindi è difficilmente catalogabile e forse anche al fatto che sia stata poco documentata, essendosi insinuata molto naturalmente sin dalle sue origine nelle vite e nelle azioni delle persone, facendo parte della cultura popolare e quindi anche parte integrante del quotidiano delle persone in un qualsiasi contesto si trovassero.
Non ci fu un momento specifico in cui si possa dire che la banda sia nata, paradossalmente è come se ci fosse sempre stata. È una manifestazione che ha seguito il cammino dell’umanità sin dagli albori della civiltà, sviluppandosi assieme ad essa nel corso del tempo.
Certo è possibile fissare una data nella quale si può cominciare a parlare di “banda” vera e propria, ma la sua storia è iniziata molto prima ed è da lì che ho voluto iniziare anch’io il mio lavoro.
La banda trova le sue origini in campo militare ed è stata a lungo legata alla musica militare; tra l’altro il termine “banda” intende un raggruppamento di persone unite per guerreggiare, oltre che per fini pacifici, come quello di suonare.
Fin dall’antichità piccoli gruppi di rudimentali strumenti a fiato erano utilizzati in battaglia allo scopo di incitare i soldati. A volte, soprattutto sotto l’Impero Romano, le stesse formazioni di strumenti avevano funzione civile, in quanto venivano usate in occasione di parate o di ricorrenze di vario genere nella vita cittadina (...)

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Un giorno riuscii a farmi prestare un trombone, era parecchio che quello strumento mi intrigava, e finalmente ce l’avevo fatta. Era lì nella sua piccola custodia di cartone sagomata, profumava di metallo ed era pieno di bozzi. Era bellissimo. L’avevo approcciato senza troppe aspettati- ve, giusto per giocare un pochino. Dopo una settimana il direttore della Stradabanda di T estaccio mi invitò ad unirmi a loro, sapevo suonare solo tre note e mi scrisse delle parti con tante pause e tante di quelle tre note. È incredibile come un si bemolle in levare possa rendersi utile in una banda che suoni musica balcanica, tant’è che dopo due settimane mi sono ritrovata per strada a fare il mio primo concerto ed è stata una rivelazione. Sono passati 7 anni e l’esperienza nelle bande di strada, in seguito approfon- dita assieme ai Pink Puffers Drumm and Brass Phunk Band, nelle piazze, nei locali e in diversi festival italiani, europei e americani, è stata una scuola di musica e un esperienza di vita unica. È questo che mi ha portato a voler approfondire la storia dalla quale queste esperienze derivano. Non è stato facile raccogliere le informazioni necessarie e soprattutto ordi- narle in modo coerente per dare un quadro esaustivo di quello che sia acca- duto attraverso i tempi, questo è dovuto al fatto che sia stata una realtà molto eterogenea e dislocata in posti estremamente diversi e quindi è difficilmente catalogabile e forse anche al fatto che è stata poco documentata, essendosi in- sinuata molto naturalmente sin dalle sue origine nelle vite e nelle azioni delle persone, facendo parte della cultura popolare e quindi anche parte integrante del quotidiano delle persone in un qualsiasi contesto si trovassero. Quindi ci sono delle lacune a livello di conoscenza su quel che riguarda la banda nella storia, quindi bisogna tener presente che ci potrebbero mancare alcuni passaggi. Malgrado questo le cose da dire sarebbero infinite, perciò ho dovuto purtroppo trascurare alcuni elementi. Ho tracciato un mio percorso viaggiando attraverso la storia e cercando un inizio nelle remote origini dei primi strumenti che sono poi diventati quelli tipici delle bande: strumenti a fiato e a percussione, parlando dei piccoli complessi a fiato utilizzati in batta-

Laurea liv.I

Facoltà: Trombone jazz

Autore: Alice Noris Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 57 click dal 13/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.