Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mickey Rourke, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e a fare il Wrestler

Per chi nasce negli anni Novanta, come nel caso di chi scrive, il nome Mickey Rourke dice poco. C’è pertanto un divario sostanziale tra chi lo vede emergere come star negli anni Ottanta e chi lo vede apparire per la prima volta nei Duemila, quando trova il successo proprio in relazione al suo passato. Questo lavoro nasce dalla volontà di tracciare il profilo di una star che proprio per questo motivi risulta unica nel suo genere, capace di grandi cambiamenti, non solo fisici. Un divo che invita a rileggere e rivalutare la sua stessa storia in relazione ad ogni nuovo passo, decretato non solo dallo sviluppo di ruoli nel mondo del cinema, ma da atteggiamenti ed apparizioni controversi e, nella loro unicità, straordinari. Non si tratta di una versatilità voluta, piuttosto di una capacità di adattabilità costretta sempre a rinnovarsi. Rourke non può essere solo un attore, solo un boxer, solo un uomo di spettacolo: è una figura complessa.

Mostra/Nascondi contenuto.
Mickey Rourke, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e a fare il Wrestler 7 INTRODUZIONE Per chi nasce negli anni Novanta, come nel caso di chi scrive, il nome Mickey Rourke dice poco. C’è pertanto un divario sostanziale tra chi lo vede emergere come star negli anni Ottanta e chi lo vede apparire per la prima volta nei Duemila, quando trova il successo proprio in relazione al suo passato. Questo lavoro nasce dalla volontà di tracciare il profilo di una star che proprio per questo motivi risulta unica nel suo genere, capace di grandi cambiamenti, non solo fisici. Un divo che invita a rileggere e rivalutare la sua stessa storia in relazione ad ogni nuovo passo, decretato non solo dallo sviluppo di ruoli nel mondo del cinema, ma da atteggiamenti ed apparizioni controversi e, nella loro unicità, straordinari. Non si tratta di una versatilità voluta, piuttosto di una capacità di adattabilità costretta sempre a rinnovarsi. Rourke non può essere solo un attore, solo un boxer, solo un uomo di spettacolo: è una figura complessa. A determinare il continuo sbalzo di attenzioni che ne circonda l’immagine è all’origine la sua difficoltosa infanzia, che può essere letta in molteplici modi. Che si tratti di un momento da dimenticare o di una serie di fondamenta da ristrutturare, risulta comunque essere una fase determinante, in cui si celano alcune delle motivazioni che costituiscono il punto di partenza per le sue scelte. Certo è che l’uomo che oggi appare davanti alle videocamere è il risultato di un’evoluzione imprevedibile, che rende ogni suo gesto degno di un’analisi. È dunque la molteplicità di fatti, comportamenti, ruoli, silenzi e controversie ha generare curiosità attorno a questa presenza. Ripercorrerne la storia è stato prima di tutto causa di grande sorpresa e ha permesso di individuare in lui uno dei casi più emblematici e particolari dell’uomo di spettacolo del nuovo millennio, capace di generare attrazione e richiamo nonostante immerso in una continua bufera. Eppure il suo passato, che trova continuità nel presente, si lega in maniera paradossale a quello di alcuni divi del cinema che lo hanno preceduto, come vedremo sia nel primo che nel terzo capitolo. Pur essendo riservato (ha concesso sì e no una decina di interviste in quarant’anni) Rourke è in ogni caso capace di destare scandalo con la minima mossa, ispirando o disgustando fans, giornalisti, spettatori e critici.

Laurea liv.I

Facoltà: Beni culturali

Autore: Ruggero Ceron Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 33 click dal 08/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.