Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La firma digitale

Analisi approfondita di tutta la normativa, nazionale e comunitaria, relativa alla firma digitale. Responsabilità del titolare del software di crittografia asimmetrica e della società di certificazione accreditata presso l'aipa in caso di utilizzo abusivo del dispositivo di firma. Efficacia probatoria del documento informatico e possibilità di disconoscere la propria firma digitale alla luce di una corretta individuazione del significato giuridico della locuzione ''procedura di validazione''.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Con l’art 15 della L. 59/97 può dirsi conclusa la più che decennale querelle che aveva coinvolto la dottrina circa la natura giuridica del documento informatico rispetto a quello cartaceo, e soprattutto circa l’autografia che, fino a non molto tempo fa, era considerata da gran parte della dottrina quale requisito implicito della sottoscrizione richiesta dal legislatore del ’42 come mezzo necessario per imputare la volontà incorporata nel documento al suo autore. La L. 59/97, all’art.15, e i successivi D.P.R. 513/97 et D.P.C.M. 08/02/99 relativi alla cd. firma digitale, stabilendo che il documento informatico è “valido e rilevante a tutti gli effetti di legge”, hanno introdotto nel nostro ordinamento una vera e propria rivoluzione copernicana capace di modificare radicalmente il modo con cui vengono gestiti i rapporti fra privati e fra questi e la P.A. In particolare, un documento informatico dotato di firma digitale offre le stesse garanzie che offrirebbe un “tradizionale”

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimo Fantin Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6638 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.