Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla teoria alla prassi: progettazione, gestione e valutazione dello sportello per la famiglia

Lo “Sportello per la Famiglia” è stato concepito per sostenere la responsabilità familiare e favorire la conciliazione tra i tempi di vita e i tempi di lavoro. Lo Sportello vuole infatti favorire l’equilibrio tra famiglia e mondo del lavoro, sostenendo le relazioni che sono alla base del nucleo familiare, e agevolando gli obblighi che ne derivano. Esso diventa quindi un punto di incontro tra domanda e offerta assistenziale nei confronti di minori, anziani, disabili e persone affette da patologie cronico-degenerative, per supportare le cure genitoriali e familiari e ridurre il conflitto famiglia-lavoro. Lo Sportello si affianca alla famiglia nella ricerca di soluzioni atte a superare quei momenti di difficoltà legati all’impossibilità della stessa di conciliare in modo adeguato i tempi di vita e di lavoro con le responsabilità di cura verso i suoi membri più fragili.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo lavoro di tesi nasce dall’esigenza di affermare tutte le conoscenze teoriche acquisite durante il percorso di studi da me intrapreso (progettazione di un servizio, gestione, monitoraggio e valutazione dello stesso, carta dei servizi, accreditamento, ecc..), nel mondo del volontariato. Avendo l’opportunità di essere socia di una Associazione di Volontariato denominata “Airone”, ho avuto la possibilità di concretizzare maggiormente ciò che ho acquisito nel corso di studi. Da quasi due anni infatti, è attivo uno “Sportello per la Famiglia” le cui fasi di progettazione, gestione e valutazione sono state affrontate e argomentate nel mio lavoro di tesi. Lo “Sportello per la Famiglia” è stato concepito per sostenere la responsabilità familiare e favorire la conciliazione tra i tempi di vita e i tempi di lavoro. Lo Sportello vuole infatti favorire l’equilibrio tra famiglia e mondo del lavoro, sostenendo le relazioni che sono alla base del nucleo familiare, e agevolando gli obblighi che ne derivano. Esso diventa quindi un punto di incontro tra domanda e offerta assistenziale nei confronti di minori, anziani, disabili e persone affette da patologie cronico-degenerative, per supportare le cure genitoriali e familiari e ridurre il conflitto famiglia-lavoro. Lo Sportello si affianca alla famiglia nella ricerca di soluzioni atte a superare quei momenti di difficoltà legati all’impossibilità della stessa di conciliare in modo adeguato i tempi di vita e di lavoro con le responsabilità di cura verso i suoi membri più fragili. Il lavoro di tesi è stato suddiviso in quattro parti. Nella prima parte si affronta il tema della famiglia analizzata sia dal punto di vista sociologico che dal punto di vista legislativo nonché le misure a sostegno delle cure genitoriali e familiari e gli interventi pubblici che migliorano la conciliazione tra famiglia e lavoro. Inoltre si affronta il tema del Terzo Settore, che essendo formato da soggetti organizzativi di natura privata volti a produrre beni e servizi di pubblica utilità, utilizza le organizzazioni che lo compongono per sopperire alle carenze create dai servizi pubblici, ponendosi così, come una realtà a metà tra Stato e Mercato. Le Associazioni di Volontariato che compongono il Terzo Settore sono rivolte a scopi solidaristici e altruistici, con assenza di lucro. Una particolare attenzione viene rivolta all’Associazione di Volontariato “Airone” e all’analisi territoriale del distretto di residenza della stessa. Nella seconda parte si affronta il tema della programmazione che diviene una costante in tutte le leggi del settore sociale emanate a partire dalla fine del 1800. Nel settore dei servizi sociali, la programmazione rappresenta un meccanismo essenziale per l’ideazione,

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Elena Addessi Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 61 click dal 23/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.