Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'intervento riabilitativo nell'atassia

Il termine atassia, dal greco ataxiā (disordine, scoordinazione), indica uno specifico disturbo della funzione motoria e sarà il principale argomento di discussione di questo elaborato. Si tratta di una alterazione sia della direzione e dell’ampiezza del movimento volontario che delle contrazioni muscolari volontarie o riflesse necessarie al mantenimento della postura e dell’equilibrio. L’atassia è dovuta ad una compromissione cerebellare, della sensibilità o vestibolare.
Data la vastità dell’argomento, sarà necessario suddividere la tesi in tre capitoli: nel primo capitolo verrà fornita un’introduzione neuroanatomica, fisiologica e funzionale del sistema cerebellare. Sappiamo che il cervelletto riveste un ruolo primario nell’organizzazione del movimento volontario, e, mediante le sue connessioni con la corteccia cerebrale e con le vie sensitive, riceve sia un feed-back interno, proveniente dall’encefalo, sul progetto di movimento, sia un feed-back esterno, proveniente dal midollo spinale, relativo all’esecuzione del movimento durante il suo svolgimento; nel secondo capitolo verranno trattate i vari tipi di atassia, classificate su base anatomica, in base alla causa, al decorso clinico e all’ereditarietà; il terzo capitolo, infine, si concentrerà sulla neuroriabilitazione, sul trattamento neuroriabilitativo del paziente con atassia, sugli obiettivi dell’iter riabilitativo ed sul ruolo della figura professionale del fisioterapista.
L’atassia è una patologia ad alto potenziale invalidante e la Medicina Riabilitativa è chiamata ad affrontare i più svariati quadri clinici, tutti diversi fra loro, e purtroppo non di rado con insuccesso, a causa delle comorbidità e delle complicanze spesso associate. La complessità del disturbo atassico lascia ampio spazio alla ricerca riabilitativa in tale campo, ma, ad oggi, le attuali conoscenze propongono al paziente atassico dei protocolli riabilitativi personalizzati, mirati e validi, garantendo una presa in carico multidisciplinare da parte di un’équipe riabilitativa che ha certamente un’influenza positiva sulla qualità di vita del paziente, sul suo grado autonomia e sul potenziamento del residuo funzionale, e che ha come nobile obiettivo quello di permettere al paziente di vivere al meglio la sua quotidianità.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il termine atassia, dal greco ataxiā (disordine, scoordinazione), indica uno specifico disturbo della funzione motoria e sarà il principale argomento di discussione di questo elaborato. Si tratta di una alterazione sia della direzione e dell’ampiezza del movimento volontario che delle contrazioni muscolari volontarie o riflesse necessarie al mantenimento della postura e dell’equilibrio. L’atassia è dovuta ad una compromissione cerebellare, della sensibilità o vestibolare. Data la vastità dell’argomento, sarà necessario suddividere la tesi in tre capitoli: nel primo capitolo verrà fornita un’introduzione neuroanatomica, fisiologica e funzionale del sistema cerebellare. Sappiamo che il cervelletto riveste un ruolo primario nell’organizzazione del movimento volontario, e, mediante le sue connessioni con la corteccia cerebrale e con le vie sensitive, riceve sia un feed-back interno, proveniente dall’encefalo, sul progetto di movimento, sia un feed-back esterno, proveniente dal midollo spinale, relativo all’esecuzione del movimento durante il suo svolgimento; nel secondo capitolo verranno trattate i vari tipi di atassia, classificate su base anatomica, in base alla causa, al decorso clinico e all’ereditarietà; il terzo capitolo, infine, si concentrerà sulla neuroriabilitazione, sul trattamento neuroriabilitativo del paziente con atassia, sugli obiettivi dell’iter riabilitativo ed sul ruolo della figura professionale del fisioterapista. L’atassia è una patologia ad alto potenziale invalidante e la Medicina Riabilitativa è chiamata ad affrontare i più svariati quadri clinici, tutti diversi fra loro, e purtroppo non di rado con insuccesso, a causa delle comorbidità e delle complicanze spesso associate. La complessità del disturbo atassico lascia ampio spazio alla ricerca riabilitativa in tale campo, ma, ad oggi, le attuali conoscenze propongono al paziente atassico dei protocolli riabilitativi personalizzati, mirati e validi, garantendo una presa in carico multidisciplinare da parte di un’équipe riabilitativa che ha certamente un’influenza positiva

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Daniela Parente Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 168 click dal 28/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.