Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di marketing nel settore del fitness. Il caso ''Happiness Sport & Fitness''

L’esigenza di ottenere un “buon stato” di salute rappresenta un fenomeno sociale strettamente legato all’esigenza del vivere quotidiano. Il benessere della persona è correlato allo “star bene” (wellbeing) ed allo “star in forma” (fitness).
L’obiettivo del presente elaborato è quello di analizzare come il marketing offre il proprio contributo allo sviluppo delle imprese del “benessere”. Per fare questo viene proposta una panoramica unica del settore analizzando il mercato sia dal lato della domanda che dell’offerta con particolare riferimento ai trend qualiquantitativi del comparto fitness negli ultimi anni. Successivamente, viene fornita una definizione del marketing relazionale e dei servizi con tutti i suoi strumenti e come possono essere applicati all’interno delle imprese che erogano servizi e vendono prodotti per il “benessere”. Infine, si descrive il caso di un’impresa che opera nel comparto del fitness e che ha deciso di mettere all’interno della sua organizzazione amministrativa-gestionale l’ufficio marketing con particolare attenzione all’applicazione degli strumenti di marketing e le difficoltà riscontrate per la creazione di una catena fitness.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 1.2 LE COMPONENTI DELL’ “INDUSTRIA DEL BENESSERE”: I SETTORI COINVOLTI Una problematica del “benessere” è l’inesistenza di un limite di demarcazione, questo perché lo sviluppo sociale permetterà ogni anno di avere nuove tipologie di prodotti o servizi che miglioreranno lo stile di vita delle persone. Ad oggi, possono essere considerati tre motivi principali che non permettono una semplice delimitazione del settore: 1. La normativa vigente non permette una chiara classificazione delle “imprese del benessere”. Non è ben definito cosa comprende la categoria “istituti di bellezza” e quindi alcune strutture erogatrici di servizi alla persona sono di dubbia collocazione; 2. L’eterogeneità dei servizi e dei prodotti offerti dalle imprese che diventano sempre più diversificate; si pensi alle palestre che insieme al servizio vero e proprio dell’attività fisica offrono anche abbigliamento sportivo, integratori, bevande energetiche rivolgendosi a diversi settori del mercato; 3. Variazioni dal lato della domanda e dell’offerta con nuove esigenze da parte dei consumatori e conseguentemente nuove forme competitive da parte degli erogatori di questi servizi e prodotti. 10 10 Wellbeing Marketing. Profili di ricerca e nuovi strumenti di gestione nel mercato del benessere a cura di Gian Luca Gregori e Silvio Cardinali (2012).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Rita Pia Prota Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 75 click dal 28/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.