Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di stabilità di fondi naturali soggetti a campi fluttuanti di velocità e pressione

In questo lavoro di tesi è studiata, con simulazioni numeriche, l'analisi di stabilità di fondali naturali in regime di risalto idraulico, soggetti a campi fluttuanti di velocità e pressione.

Nel Capitolo 1 è descritto il quadro generale del problema, dalla stabilità dei fondali naturali (e artificiali) in vasche dissipative, alla stabilità in alvei fluviali e torrentizi. Inoltre, è spiegata l'importanza di tale analisi ai fini ingegneristici, sia per opere idrauliche che interventi fluviali.

Nel Capitolo 2 è definito il risalto idraulico, il profilo di velocità all'interno, l'importanza delle pressioni al fondo ed i coefficienti caratteristici: Cp, C'p, Cp+ e Cp-.

Nel Capitolo 3 è descritta l'analisi di stabilità per un blocco di roccia, allineato con il fondale, e soggetto ad un campo di pressione. Sono riportate le ipotesi alla base, le equazioni e l'andamento della forza di sollevamento con il numero di Fr.

Nel Capitolo 4 è trattato il metodo di determinazione della forza di sollevamento, computata al campo di velocità, nell'ipotesi di blocchi in roccia sollevati di una quantità infinitesima dal fondale.

Nel Capitolo 5 è analizzata la stabilità come somma degli effetti di un campo di pressione ed uno di velocità. È riportato l'andamento della forza di sollevamento con Fr, derivante dalla trattazione probabilistica.

Nel capitolo 6 è descritto il modello matematico dei fluidi, le ipotesi fondamentali, le equazioni principali e l'approccio RANS alla turbolenza. È affrontato il problema della chiusura per le RANS, descrivendo i modelli k-epsilon e k-ω SST con le loro caratteristiche.

Nel Capitolo 7 è descritto il modello numerico considerato, l'elenco delle fasi principali in CFD, il metodo ai Volumi Finiti, la geometria, la mesh, le condizioni al contorno, la rappresentazione numerica dei termini delle equazioni, le tolleranze di convergenza e l'algoritmo usato.

Nel Capitolo 8 sono esposti i componenti hardware-software per le analisi numeriche e l'elaborazione dei dati: OpenFoam, ParaView ed Octave.

Nel Capitolo 9 sono riportati i risultati delle simulazioni numeriche: l'andamento dei residui, l'analisi qualitativa e numerico-sperimentale.

Il Capitolo 10 tratta le conclusioni per la stabilità di elementi naturali soggetti a campi fluttuanti di velocità e pressione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sommario In questo lavoro di tesi e studiata, con simulazioni numeriche, l’analisi di stabilit a di fondali naturali in regime di risalto idraulico, soggetti a campi uttuanti di velocit a e pressione. Nel Capitolo 1 e descritto il quadro generale del problema, dalla stabilit a dei fondali naturali (e articiali) in vasche dissipative, alla stabilit a in alvei uviali e torrentizi. Inoltre, e spiegata l’importanza di tale analisi ai ni in- gegneristici, sia per opere idrauliche che interventi uviali. Nel Capitolo 2 e denito il risalto idraulico, il prolo di velocit a all’interno, l’importanza delle pressioni al fondo ed i coecienti caratteristici: C p , C’ p , C + p e C p . Nel Capitolo 3 e descritta l’analisi di stabilit a per un blocco di roccia, allineato con il fondale, e soggetto ad un campo di pressione. Sono riportate le ipotesi alla base, le equazioni e l’andamento della forza di sollevamento con il numero di F r . Nel Capitolo 4 e trattato il metodo di determinazione della forza di sol- levamento, computata al campo di velocit a, nell’ipotesi di blocchi in roccia sollevati di una quantit a innitesima dal fondale. Nel Capitolo 5 e analizzata la stabilit a come somma degli eetti di un campo di pressione ed uno di velocit a. E riportato l’andamento della forza di sollevamento con F r , derivante dalla trattazione probabilistica. Nel capitolo 6 e descritto il modello matematico dei uidi, le ipotesi fon- damentali, le equazioni principali e l’approccio RANS alla turbolenza. E arontato il problema della chiusura per le RANS, descrivendo i modelli k- e k-! SST con le loro caratteristiche. Nel Capitolo 7 e descritto il modello numerico considerato, l’elenco delle fasi principali in CFD, il metodo ai Volumi Finiti, la geometria, la mesh, le condizioni al contorno, la rappresentazione numerica dei termini delle equa- zioni, le tolleranze di convergenza e l’algoritmo usato. Nel Capitolo 8 sono esposti i componenti hardware-software per le analisi numeriche e l’elaborazione dei dati: OpenFoam, ParaView ed Octave. Nel Capitolo 9 sono riportati i risultati delle simulazioni numeriche: l’an- damento dei residui, l’analisi qualitativa e numerico-sperimentale. Il Capitolo 10 tratta le conclusioni per la stabilit a di elementi naturali soggetti a campi uttuanti di velocit a e pressione. II

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Florian Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 48 click dal 23/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.