Skip to content

Dalla parte delle bambine immigrate. Mutilazioni genitali femminili: conoscenza del fenomeno e analisi della realtà torinese

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Gallo
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Franca Balsamo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Attraverso questo lavoro ho tentato un’analisi di che cosa siano realmente quelle pratiche che noi occidentali conosciamo con il nome di “Mutilazioni Genitali Femminili” e quale significato continuino ancora a rappresentare in terra d’immigrazione.
La Prima Parte della tesi si propone di analizzare la situazione trapiantata al mondo occidentale, in particolar modo all’Italia. Vedremo come apparentemente non esiste nulla di definito e di universalmente valido rispetto alla questione delle Mutilazioni Genitali Femminili, per poi progressivamente renderci conto come, invece, si possano, con relativa semplicità, estrapolare attraverso i Trattati e le Conferenze Internazionali, le linee guida al fine di un universale orientamento di tutti i professionisti che, in un modo o nell’altro, si trovano coinvolti nella questione. A questo punto, però, scopriremo che il problema ha una valenza ben maggiore di quella fin ora auspicata e che difficilmente si perverrà ad una via d’uscita rimanendo saldamente ancorati alla riduttività della definizione delle mutilazioni in sé. Sarà, infatti, necessario uscire dal fenomeno per poterlo affrontare con la strategia maggiormente efficace. Bisognerà, allora, abbracciare la questione generale dell’immigrazione in particolar modo per quanto concerne le donne immigrate vittime, e a loro volta, artefici, dell’infibulazione o dell’escissione per poterci, finalmente, vedere una via d’uscita. Nelle Conclusioni vedremo come sono riuscita a raggiungere questa consapevolezza, senza la quale difficilmente si sarebbe potuto tentare di dare una risposta ad un problema tanto difficile e nel contempo così delicato tanto che, come vedremo, addirittura mette in difficoltà gli stessi operatori dei Servizi, il più delle volte impreparati di fronte alla novità che esso rappresenta.
Nella Seconda Parte, ho tentato di analizzare la realtà torinese rispetto all’effettiva consistenza del fenomeno mutilatorio. Il rischio, in questo come in altre analoghe situazioni, è quello di voler, a tutti i costi, vedere qualcosa che potrebbe anche non essere presente con il risultato nefasto di creare inesistenti mostri soprattutto tra quelle persone, gli immigrati, che di per sé vivono già una situazione precaria. Nell’incertezza di un ignoto presente che da multiculturale deve trasformarsi in interculturale, tuttavia, Torino, come vedremo, può dirsi di vantare una grande innovazione nella modalità con cui ha affrontato, e continua ad affrontare, la questione dell’immigrazione.
Attraverso questo lavoro intendo innanzitutto dare il mio contributo per poter spezzare, parlandone, uno dei più difficili tabù che tuttora continua a distruggere la vita di milioni di bambine in tutto il mondo senza, però, avanzare false, quanto inutili pretese di estirpazione delle mutilazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
17 LE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI “Ogni asportazione definitiva e irreversibile di un organo sano è una mutilazione. L’organo genitale femminile esterno normalmente è costituito dalla vulva, che comprende le grandi labbra, le piccole labbra o ninfe e la clitoride coperta dal suo prepuzio, di fronte al vestibolo del meato urinario e dell’orifizio vaginale. La loro formazione sugli esseri umani di sesso femminile è programmata geneticamente e si riproduce in maniera identica in tutti gli embrioni e in tutte le razze. La vulva è parte integrante del patrimonio naturale dell’umanità. Quando sono normali, non c’è assolutamente alcuna ragione medica, morale o estetica, di sopprimere interamente o in parte questi organi genitali esterni”. Gérard Zwang Mutilations sexuelles féminines. Techniques et résultats. DEFINIZIONE DELLA WHO La World Health Organization, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) 4 ha definito le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF) come “le procedure che interessano la parziale o totale rimozione dei genitali esterni femminili ed/o le ingiurie agli organi genitali femminili, espletate per motivi culturali o per ogni altro motivo che non sia quello terapeutico”. Esiste quindi una pluralità di forme, distinte e graduate a seconda della gravità per il soggetto. Secondo la mappa ridisegnata da Fran P. Hosken (1994), la circoncisione femminile è presente in Africa su un’ampia fascia nord- equatoriale, estesa dall’Oceano Atlantico all’Oceano Indiano. Vi sono due enclaves di infibulazione circondate da un’ampia zona caratterizzata 4 WHO,1996, p. 6.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

circoncisione
identità culturale
immigrazione
infibulazione
mutilazioni sessuali
sociologia della famiglia
mutilazioni genitali femminili
tutela dei minori
immigrazione femminile
identità etnica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi