Skip to content

Analisi normativa e deontologica sull'attuale disparità di valutazione del servizio prestato in enti sanitari pubblici e privati. In merito alla petizione presentata presso il Senato della Repubblica

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Paonessa
  Tipo: Tesi di Master
Master in Direzione e Organizzazione delle Aziende Sanitarie
Anno: 2018
Docente/Relatore: Angelo Tuzza
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Il possesso di titoli di servizio nell'ambito di una procedura concorsuale costituisce quell'elemento che, rapportato alla vasta platea di partecipanti, può sicuramente rappresentare il fattore determinante per incrementare il punteggio finale e di conseguenza un discreto posizionamento nella graduatoria. Appare, però, poco chiaro come nella normativa concorsuale pubblica del Servizio Sanitario Nazionale esista una netta disparità di valutazione tra servizi prestati nel sistema sanitario privato, seppur convenzionato, e quelli prestati in enti pubblici.
Partendo, quindi, da un'approfondita analisi dell'apparato normativo del sistema sanitario e, in particolar modo, di quello relativo alle professioni sanitarie, senza tralasciarne gli aspetti deontologici, si è voluto studiare minuziosamente i due mondi sanitari, pubblico e privato, per riuscire a trovarvi sostanziali differenze tali da giustificare l'enorme divario che i regolamenti concorsuali attribuiscono alle due realtà.
Nonostante la diversa considerazione, in termini di valutazione, che viene attribuita al servizio prestato in enti pubblici piuttosto che in quelli privati, risulta paradossale la continua "corrente" di privatizzazione alla quale si assiste nel mondo sanitario. L'aziendalizzazione del servizio sanitario nazionale tende sempre di più a garantire eguale trattamento di cure agli utenti che, liberamente, possono rivolgersi alle strutture pubbliche o private. In quest'ottica appare evidente come le competenze, la responsabilità e, in un unico concetto, il profilo professionale dei soggetti che sono chiamati a garantire le prestazioni sanitarie siano universali.
L'auspicio che i futuri governi possano rivedere l'attuale normativa concorsuale attribuendo ai professionisti sanitari, siano essi pubblici o privati, il giusto riconoscimento per il servizio prestato è il messaggio lanciato attraverso l'elaborato che richiama la petizione di equiparazione dei titoli di servizio presentata al Senato della Repubblica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente elaborato intende sottoporre all’attenzione del lettore l’attuale disparità di valutazione dei titoli di servizio posseduti nelle procedure concorsuali pubbliche, sia per l’accesso al posto di lavoro che nelle progressioni economiche orizzontali interne, degli aspiranti professionisti, con particolare riferimento all’ambito sanitario. Nel primo capitolo è ampiamente illustrata la struttura giuridica del Servizio Sanitario Nazionale, dopo un breve accenno all’evoluzione normativa, distinguendo gli enti erogatori di prestazioni in base alla loro natura giuridica. Vengono poi analizzate, nel secondo capitolo, le diverse figure sanitarie coinvolte percorrendone il processo di professionalizzazione e evidenziando le tappe principali che hanno contribuito al miglioramento continuo della professione con particolare riguardo a quella infermieristica. L’attenzione si focalizza, nel terzo capitolo, sulle modalità di accesso al lavoro negli enti pubblici e privati accreditati al SSN dei professionisti sanitari soffermandosi brevemente sull’accesso all’area dirigenziale. Il lavoro si conclude analizzando i diversi criteri di valutazione dei titoli di servizio posseduti nei concorsi pubblici adottati per i professionisti che hanno prestato servizio, a vario titolo, in un ente pubblico rispetto a quelli che lo hanno invece prestato presso un ente privato. A tal proposito viene fatto riferimento ad una petizione sull’equiparazione dei titoli di servizio degli infermieri tra sanità pubblica e privata presentata dallo scrivente presso il Senato della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi