Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'efficacia della relazione d'aiuto nella riduzione del distress psicologico del paziente con patologia oncologica sottoposto a terapia chemioterapica

Background: Sottoporsi alla diagnosi di tumore ed al trattamento chemioterapico sono eventi associati ad un’alta prevalenza di distress psicologico, il quale determina ansia e depressione, influenzando così negativamente la qualità di vita correalata alla salute. Queste sono le motivazioni per cui il distress psicologico (od emotivo) è stato riconosciuto quale sesto segno vitale ed il suo screening dovrebbe diventare una priorità all’interno dell’iter diagnostico-terapeutico in Oncologia.

Materiali e metodi: Obiettivo: indagare la responsabilità dell’infermiere coinvolto nella relazione d’aiuto con il paziente affetto da patologia oncologica e sottoposto a trattamento chemioterapico e verificare l’efficacia di tale relazione nella riduzione del distress psicologico, valutando l’impatto di tale relazione terapeutica sugli individui e sulla loro qualità di vita percepita. Disegno: revisione narrativa della letteratura scientifica utilizzando le banche dati di Pubmed, Cinahl, PsycInfo, Scopus e Cochrane, condotta dall’agosto 2017 al gennaio 2018. Criteri di inclusione: presenza delle key words in titolo/abstract/key words; pertinenza alla tematica di interesse; lingue Inglese, Italiano e Francese; accessibilità al testo completo; specie umana del campione preso in analisi; anni di pubblicazione 2000-2017. In totale sono stati selezionati ed analizzati 70 articoli.

Risultati: dai dati che questa ricerca porta alla luce emerge che la tendenza alla positività (comprendente ottimismo, alti livelli di resilienza, significato della propria vita e benessere spirituale, speranza, strategie di coping funzionale) è collegata ad un migliore adattamento nel tempo dei pazienti oncologici, e viene anche associata ad una migliore qualità di vita, benessere e salute psicologica e mentale ed un miglior atteggiamento nell’affrontare l’esperienza di malattia.

Conclusioni: il personale infermieristico gioca un ruolo principale in ogni passo del percorso diagnostico-terapeutico dei pazienti oncologici sottoposti a cicli chemioterapici, sia mediante informazioni sia l’educazione dei pazienti, e soprattutto attraverso il support emotivo: secondo quanto risulta dalla ricerca effettuata stabilire una relazione d’aiuto tra infermiere e paziente aiuta a ridurre i livelli di distress psicologico, migliorando la qualità di vita percepita dai pazienti stessi. Al fine di raggiungere questo scopo il personale infermieristico dovrebbe collaborare per creare un ambiente terapeutico basato su fiducia, empatia e fondamentalmente comunicazione, all’interno di un modello di cure incentrate sul paziente.

Parole chiave: cancer patient, chemotherapy, ambulatory care, helping behaviour, helping skill, coping skill, coping behaviour, social support, emotional distress, nursing care, psychological distress, quality of life.

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITA' VITA-SALUTE SAN RAFFAELE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Elaborato finale di: Alessandra Iannello Relatore: Dr. Giovanni Citterio L’efficacia della relazione d’aiuto nella riduzione del distress psicologico del paziente con patologia oncologica sottoposto a terapia chemioterapica ABSTRACT Background: Sottoporsi alla diagnosi di tumore ed al trattamento chemioterapico sono eventi associati ad un’alta prevalenza di distress psicologico, il quale determina ansia e depressione, influenzando così negativamente la qualità di vita correalata alla salute. Queste sono le motivazioni per cui il distress psicologico (od emotivo) è stato riconosciuto quale sesto segno vitale ed il suo screening dovrebbe diventare una priorità all’interno dell’iter diagnostico-terapeutico in Oncologia. Materiali e metodi: Obiettivo: indagare la responsabilità dell’infermiere coinvolto nella relazione d’aiuto con il paziente affetto da patologia oncologica e sottoposto a trattamento chemioterapico e verificare l’efficacia di tale relazione nella riduzione del distress psicologico, valutando l’impatto di tale relazione terapeutica sugli individui e sulla loro qualità di vita percepita. Disegno: revisione narrativa della letteratura scientifica utilizzando le banche dati di Pubmed, Cinahl, PsycInfo, Scopus e Cochrane, condotta dall’agosto 2017 al gennaio 2018. Criteri di inclusione: presenza delle key words in titolo/abstract/key words; pertinenza alla tematica di interesse; lingue Inglese, Italiano e Francese; accessibilità al testo completo; specie umana del campione preso in analisi; anni di pubblicazione 2000-2017. In totale sono stati selezionati ed analizzati 70 articoli. Risultati: dai dati che questa ricerca porta alla luce emerge che la tendenza alla positività (comprendente ottimismo, alti livelli di resilienza, significato della propria vita e benessere spirituale, speranza, strategie di coping funzionale) è collegata ad un

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Alessandra Iannello Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 595 click dal 23/03/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.