Skip to content

Relazione tra deprivazione affettiva, maltrattamento e disturbo antisociale di personalità

Informazioni tesi

  Autore: Sara Rancati
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Bernardini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Obiettivo della tesi è illustrare in maniera esaustiva quali situazioni, durante lo sviluppo infantile, possono dare luogo allo sviluppo del Disturbo antisociale di personalità.
A questo proposito, per supportare l’ipotesi che il Disturbo antisociale di personalità sia il risultato di precise condizioni, ambientali, personali e relazionali, è stata presa in esame la letteratura riguardante gli studi sugli orfanotrofi condotti a metà del 1900 e quella sui maltrattamenti all’interno delle famiglie.
Partendo dall’assunto che in età infantile le forme di attaccamento sicuro siano la base per lo sviluppo di una personalità sana, la tesi approfondisce quali aspetti delle relazioni infantili contribuiscono all’esordio del Disturbo di personalità antisociale, con particolare attenzione ai contesti deprivanti, in cui le cure e l’amore necessari alla crescita equilibrata vengono meno, e la qualità delle relazioni è gravemente carente.
Dopo avere esaminato i due disturbi considerati i precursori dell'ASPD, e cioè il Disturbo della condotta e il Disturbo oppositivo provocatorio, la tesi si articola tra i contributi di Bowlby, Ainsworth e Winnicott e l’esposizione degli studi nella prima parte si snoda tra le ricerche di Spitz, Bender e Goldfarb, con particolare attenzione alle conseguenze della deprivazione affettiva nei primi anni di età, le ripercussione sul quoziente di sviluppo, sulle capacità cognitive, sull’apprendimento e sulle emozioni. Già da queste prime ricerche emerse che le conseguenze delle situazioni deprivanti possono essere arginate e migliorate nel caso subentri una nuova figura di accudimento ma, dopo i tre anni di età, i soggetti non sono più in grado di stabilire contatti emotivi, non sono interessati al giudizio o alla protezione delle figure adulte, nel rapporto coi pari non c’è collaborazione o amicizia.
Il terzo capitolo è dedicato alle famiglie maltrattanti: partendo dalla definizione ed evoluzione del concetto di abuso, che negli anni ha subito un ampliamento e una notevole integrazione di significato, e proseguendo con la descrizione dei tipi di maltrattamento di cui i bambini sono vittime, si arriva alla definizione dell’infanzia antisociale e alle sue caratteristiche salienti.
Grazie agli studi condotti da Cancrini, Di Blasio e Cirillo, è possibile stabilire un collegamento circolare tra i traumi subiti durante l’infanzia e il comportamento adottato dagli stessi soggetti in età adulta.
L’intervento, nei casi di maltrattamento, si rivela quindi necessario per fare in modo di deviare le traiettorie di sviluppo del bambino e non condannarlo a seguire le orme, suo malgrado, delle stesse persone che non hanno saputo riconoscere i suoi diritti, le sue necessità e le sue richieste di essere umano bisognoso di protezione e conforto.
La negazione dell’infanzia in queste famiglie ha come conseguenza, come emerge negli studi di Fonagy esaminati nell’ultimo capitolo, la compromissione di capacità fondamentali, come il rispecchiamento emotivo, l’empatia, la comprensione degli stati d’animo e la corretta interpretazione degli stimoli ambientali. E’ evidente come gli interventi debbano essere mirati al benessere del bambino, ma anche orientati all’aiuto dei genitori in difficoltà, per correggere i fattori che determinano l’insorgere di meccanismi relazionali disfunzionali. Nell’ultimo capitolo si è voluto approfondire il panorama dell’intervento nei contesti spontanei e in quelli coatti, con particolare attenzione alla necessità di stabilire metodi di lavoro integrato tramite un équipe multidisciplinare, che lavora sulla rete sociale col preciso obiettivo di prevenire, individuare, trattare, recuperare le situazioni a rischio nello sviluppo evolutivo e da una rete di scambio di informazioni efficiente che permetta il lavoro sinergico e permetta un intervento unificato veramente efficace.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La figura e la personalità del soggetto antisociale e dello psicopatico esercitano nell’immaginario collettivo, da sempre, un grande fascino. La risonanza mediatica data ad alcuni casi non ha fatto altro che amplificare la portata di quest’immagine fittizia, trasformando alcuni di essi in divi e oggetti di curiosità da parte del grande pubblico. Charles Manson, Ted Bundy, Theodore Kaczynski alias Unabomber, Hannibal Lecter. La mancanza di empatia, il distacco, la capacità di ottenere ciò che vogliono, l’impassibilità di fronte alle emozioni: questi fattori hanno fatto in modo che i soggetti antisociali diventassero protagonisti di libri, film, classici del cinema, serie tv, narrazioni e documentari. Ma che cosa rende un disturbo di personalità così affascinante? Perché anziché suscitare in noi sentimenti di disprezzo e fastidio, suscita la nostra curiosità e, nei casi estremi, la nostra simpatia? Perché leggiamo la biografia di Unabomber e ci sembra di leggere un fumetto, qualcosa di lontanissimo da noi? E’ come se la vita di queste persone non appartenesse a questa galassia, ma fosse frutto dell’immaginazione di uno sceneggiatore. Perché la maggior parte di noi non è in grado di bloccare l’empatia, non può evitare di provare emozioni. Perché il senso di colpa spesso condiziona le nostre scelte, la vergogna pilota i nostri comportamenti presenti e futuri e guardiamo un Ted Bundy che se la ride in tv durante il processo e pensiamo che per una volta vorremmo avere la metà della sua freddezza. Ma non ne siamo capaci. Con questo lavoro di tesi ho cercato di mettere in luce il motivo per cui le persone con un disturbo antisociale di personalità non hanno qualcosa in più, come molti pensano. La freddezza, il distacco, l’assenza delle emozioni non sono un valore aggiunto: sono una menomazione dovuta ad un processo 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicopatia
fonagy
maltrattamento
disturbo antisociale di personalità
disturbo della condotta
abuso psicologico
deprivazione affettiva
disturbo oppositivo provocatorio
infanzia antisociale
cause delinquenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi